29 dicembre 2009

Macarons al cioccolato

Questa potrebbe benissimo essere l'ultima ricetta di questo 2009. Durante quest'anno sono accadute molte cose, alcune delle quali pensavo non si sarebbero mai realizzate seriamente. Prima fra tutte l'idea di questo blog, nato quasi per scherzo, ma a cui sto dedicando buona parte del mio tempo libero con estrema felicità e soddisfazione. Per questo motivo dedico a tutti voi questa ricetta, estremamente francese ed estremamente delicata, ricca di impegno, di gusto, di dedizione affinchè l'anno che verrà sia per voi un anno ricco di soddisfazioni e di piccole grandi gioie. 
Ingredienti
125 gr di polvere di Mandorle
200 gr di Zucchero a velo
3 Albumi (pari a circa 105 gr)
45 gr di Zucchero semolato
25 gr di Cacao amaro in polvere
100 gr di Cioccolato fondente 
10 cl di Panna
20 gr di Burro


Preparazione
Ricoprite una teglia con della carta forno. Mescolate la polvere di mandorle con lo zucchero a velo e disponete il tutto sulla teglia, che andrete ad infornare per circa 15 minuti a 50°C.
Montate gli albumi a neve ben ferma e insaporite con lo zucchero semolato. Montate ancora per qualche secondo. Aggiungete alla polvere di mandorle e zucchero a velo il cacao setacciato. Unite delicatamente agli albumi montati in tre volte, mescolando lentamente con una spatola. La pasta dovrà essere liscia e omogenea. Riempite una sac-a-poche con l'impasto ottenuto e create dei piccoli tondi su una teglia ricoperta di carta forno. Tenete i macarons ben distanziati perchè in cottura tendono a gonfiarsi leggermente. Lasciate riposare per qualche minuto i macarons prima di infornarli, almeno fino a quando l'impasto non risulterà più colloso. Preriscaldate il forno ventilato a 160°C. Ponete la teglia a metà altezza e fate cuocere i macarons dai 12 ai 15 minuti. Una volta tolti dal forno attendete che si siano completamente raffreddati prima di staccarli (aiutandovi eventualmente con una spatola).
Mentre cuocete i vostri macarons preparate la ganache al cioccolato. Spezzettate il cioccolato in una ciotola. Fate scaldare in una pentola la panna con il burro, avendo cura di toglierla dal fuoco prima che arrivi ad ebollizione. Versate sul cioccolato a pezzi e mescolate bene fino a che il composto non sarà liscio ed omogeneo. Fate raffreddare, coprite con della pellicola e ponete a riposare il tutto in frigo per circa 2 ore. Una volta pronta potrete usarla per farcire i macarons. Con l'aiuto di una spatola e con molta delicatezza disponete un po' su un macaron e ricoprite con un altro avendo cura di premere leggermente per far arrivare la crema sino al bordo. Un consiglio: i macarons sono ancora più buoni se lasciati riposare per una notte in frigorifero, ricoperti con della pellicola. Se non possedete un forno ventilato fate attenzione affinchè i macarons non risultino troppo secchi. Potete risolvere questo incoveniente aprendo lievemente per un paio di secondi lo sportello del forno una o due volte durante la cottura.


So che i miei Macarons non sono estremamente perfetti e chiedo perdono, ma è stata veramente la ricetta che più mi ha regalato soddisfazione in questo 2009... e poi erano veramente buoni!!! Speriamo vengano più carini nel 2010...

27 dicembre 2009

Bûche de Noël

E anche quest'anno il Natale è passato... mi sono rimasti però tanti bei ricordi e tanti propositi per l'anno nuovo. Spero che anche voi abbiate passato uno splendido e sereno Natale. Domani si riprenderà a lavorare e fino a gennaio non si potrà nemmeno parlare di vacanze vere e proprie (anche se ne ho un assoluto bisogno!). Nel frattempo vi lascio una ricetta che ho sempre voluto provare ma che non mi ero mai azzardata a preparare: il "Bûche de Noël", un dolce tipicamente francese o "trochetto di Natale". Con "Bûche" si indica generalmente il ceppo da ardere e questo dolce simboleggia proprio il ceppo che, gettato nel camino, arde per tutta la notte riscaldando le case e creando un'atmosfera tipicamente natalizia. Ormai esistono diverse versioni di questo dolce fantasticamente burroso. Io mi sono affidata ad una delle più semplici anche perchè ne ho dovuti confezionare 2 in pochissimo tempo. In ogni caso è un dolce che alla prima forchettata riscalda veramente l'anima.. con tutto quel cioccolato!!
Ingredienti
Per la pasta biscotto:
60 gr di Burro
160 gr di Farina Manitoba (eventualmente anche 00)
1 pizzico di Sale
8 Uova
160 gr di Zucchero
Per la crema pasticcera:
50 gr di Cacao in polvere
70 gr di Farina
500 ml di Latte
6 Tuorli
1 baccello di Vaniglia
180 gr di Zucchero
Per la crema ganache:
50 gr di Burro
400 gr di Cioccolato Fondente
400 ml di Panna
Preparazione
Prepariamo per prima cosa la pasta biscotto, le cui dosi si adattano ad una teglia di cm 40 x 35. Unite in una ciotola abbastanza capiente 4 uova intere, 4 tuorli (conservate gli albumi), e lo zucchero. Ponete la ciotola a bagnomaria su una pentola contenente acqua calda. Fate attenzione che l'acqua non arrivi a bollore, ma sia sufficientemente calda. Con l'aiuto di uno sbattitore elettrico, sbattete tutti gli ingredienti per circa 10-15 minuti. Vi dovrà risultare un composto soffice e spumoso che aumenterà sicuramente di volume di quasi il doppio. Togliete la ciotola da bagnomaria e, per facilitare il raffreddamento, incorporare delicatamente aria aiutandovi con un cucchiaio di legno e mescolando delicatamente dal basso verso l'alto lentamente. Fate fondere il burro e lasciate raffreddare. Incorporate alla crema di uova la farina setacciata, aggiungendola poco per volta e mescolando sempre con estrema delicatezza. Unite infine il burro fuso ormai raffreddato.
In una ciotola montate a neve ben ferma, con un pizzico di sale, i 4 albumi che avevate tenuto da parte. Aggiungeteli poi al vostro composto molto delicatamente. Imburrate ora la teglia e ricopritela con carta forno. Imburrate anch'essa e versate il composto livellandolo. Dovrete ottenere un'altezza omogenea di circa 1 cm. Non maneggiatelo a lungo altrimenti rischierete di smontare gli albumi. Infornate in forno preriscaldato a 220°C per circa 6-7 minuti.
Prendete un canovaccio pulito e inumiditelo leggermente con dell'acqua. Adagiatelo su un piano e, una volta sformata la pasta biscotto rovesciatela su di esso con delicatezza, in modo che vi risulti visibile la carta forno. Eliminate quest'ultima lentamente. Se l'operazione dovesse risultare difficoltosa potrete spennellare con dell'acqua fredda la carta forno fino a che non si staccherà dalla pasta. Una volta eliminata la carta forno potrete procedere ad arrotolare nel canovaccio la pasta biscotto. Ci vuole pazienza e fermezza e non lasciatevi scoraggiare. Questa operazione rende la pasta più elastica e facilmente lavorabile e permette alla pasta di non attaccarsi durante il raffreddamento. Fatela raffreddare in un luogo fresco.
Preparate ora la crema pasticcera. Fate sobbollire il latte, tenendo da parte mezzo bicchiere, in una casseruola con un baccello di vaniglia. Poi toglietelo dal fuoco e lasciate in infusione per circa 10 minuti. In una ciotola lavorate i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso e aiutandovi con uno sbattitore elettrico. Incorporate poi la farina setacciata e il mezzo bicchiere di latte che avete tenuto da parte. Togliete dal latte caldo la stecca di vaniglia. Incorporate al latte fatto precedentemente scaldare, il composto di uova, farina e zucchero, incoroporandolo poco per volta e continuando a mescolare con una frusta. Portate il tutto ad ebollizione e, continuando a mescolare, fate sobbollire per qualche minuto a fuoco dolce, fino a che il composto non si addensa. Sbattete con la frusta affinchè non si formino grumi. Spegnete e togliete dal fuoco e aggiungete il cacao in polvere ben setacciato, mescolando energicamente affinchè il composto risulti liscio. Lasciate raffreddare, mescolandola ogni tanto.
Andate a riprendere il rotolo di pasta biscotto, srotolatelo delicatamente sul piano e farcitelo con abbondante crema pasticcera, facendo attenzione a lasciare uno o due centimetri dal bordo. Arrotolatelo nuovamente, questa volta senza l'ausilio del canovaccio. Avvolgetelo nella carta forno e lasciatelo riposare in frigorifero per almeno un'ora.
Nel frattempo preparate la crema ganache che verrà utilizzata per la copertura. A fuoco basso, portate quasi ad ebollizione la panna con il burro. E' consigliabile utilizzare una retina spargifiamme. Prima che la panna inizi a bollire, togliete la pentola dal fuoco e aggiungete il cioccolato finemente tritato, mescolando con una frusta fino a ottenere un composto omogeneo. Fate raffreddare per qualche minuto. Mettete la pentola a bagno in un contenitore con ghiaccio e acqua fredda e, con l'aiuto di uno sbattitore elettrico montate il composto per una decina di minuti o fino a che non otterrete una crema densa e quasi solida. Se non dovete utilizzarla subito conservatela in un ambiente molto fresco o, meglio, nel frigorifero poichè è una crema che tende a liquefarsi grazie alla presenza del burro.
Quando il rotolo si sarà ben compattato, togliete la carta forno e adagiatelo su un piatto da portata. Tagliate trasversalmente le due estremità del rotolo e tenetele da parte. Ricoprite il rotolo con la crema ganache, tralasciando logicamente la parte inferiore del dolce. Fate poi aderire al rotolo le due estremità precedentemente tagliate, per conferirgli la classica forma del tronchetto e ricoprite anch'esse con la ganache. Con una forchetta praticate delle leggere righe sulla crema ganache, in maniera tale da ricreare l'effetto corteccia. Potete eventualmente guarnire il vostro trochetto con zucchero a velo o cocco per simulare l'effetto neve, o ancora decorarlo con funghetti di meringa, stelle di Natale o agrifoglio o qualsiasi altra cosa vi suggerisca la fantasia.

25 dicembre 2009

Auguri!!

Tantissimi auguri di buon Natale. Spero che possiate trascorrere momenti felici e indimenticabili con le vostre famiglie e i vostri più cari amici! 
A presto e ancora mille dolci auguri...

20 dicembre 2009

Crostata con crema di caffè e cioccolato

Natale si avvicina inesorabilmente e questa settimana avremo tutti un mucchio di impegni! Fortunatamente ho già impacchettato tutti i regali e sono stranamente pronta a questo imminente evento! Nel frattempo questo week end mi sono potuta dedicare alla creazione di una nuova delizia. Ho pensato e ripensato a diverse ricette per poter partecipare ad un contest dedicato al caffè (trovate tutte le informazioni sul blog di Elly "Dolce Mania per la pasticceria". Questa volta volevo una torta particolare ma assolutamente goduriosa .. di quelle che quando le vedi ti viene la cosiddetta "bava alla bocca". Io ce l'ho messa tutta e alla fine ho creato questa crostata con una gustosa e morbida frolla al cacao e una crema deliziosa e profumata al cioccolato e caffè. Credetemi, se ve la gustate la mattina vi cambierà letteralmente la giornata!
Ingredienti
Per la pasta frolla:
200 gr di Burro (freddo da frigorifero)
200 gr di Zucchero
500 gr di Farina 00
100 gr di Cacao amaro in polvere
4 Uova
1/2 bustina di Lievito per dolci
Per la crema al caffè e cioccolato:
450 ml di latte
1 tazzina di Caffè ristretto
50 gr di Farina 00
60 gr di Cacao amaro in polvere
80 gr di Zucchero
100 gr di Cioccolato Fondente a tocchetti


Preparazione
Amalgamate velocemente il burro, freddo da frigorifero e precedentemente tagliato a pezzetti, con lo zucchero. Aggiungete poi le uova, la farina, il lievito e il cacao ben setacciati. Formate un panetto consistente, senza però dilungarvi nella lavorazione. Potete eventualmente impastare con l'aiuto del vostro robot da cucina, sempre per poco tempo.
Mettete a riposare in frigorifero il vostro panetto per almeno un'ora. Nel frattempo prepariamo la crema al caffè e cioccolato. Riscaldate in una pentola il latte, il caffè e lo zucchero, fino a quando quest'ultimo non si sarà ben sciolto. In una casseruola a parte setacciate insieme la farina e il cacao. Aggiungete a filo, su quest'ultimi,  il latte, poco per volta, in maniera tale da non creare grumi. Fate addensare su fuoco basso, continuando a mescolare fino a raggiungere una buona consistenza cremosa. La crema poi tenderà a indurirsi durante il raffreddamento. Togliete dal fuoco e aggiungete il cioccolato a pezzi, facendolo sciogliere completamente. Lasciate raffreddare.
Stendete ora metà della vostra pasta frolla. Imburrate una teglia e ricopritela con carta forno. Adagiate il vostro primo disco di pasta frolla nella teglia facendolo aderire alla perfezione e, con una forchetta bucherellate lievemente il fondo. Versate la crema di caffè ormai raffreddata, livellandola bene. Stendete un ulteriore disco di pasta frolla e utilizzatelo per coprire la vostra crostata. Saldate bene i bordi e decorate, eventualmente, con la pasta frolla avanzata. Inserite la crostata in forno preriscaldato a 180°C per 30-40 minuti. Una volta sfornata, lasciatela raffreddare completamente prima di servirla. Spolverate eventualmente con dello zucchero a velo.


Ecco il concorso a cui partecipa questa ricetta:





BANDO

NERONERO.it bandisce un premio per la miglior ricetta a base di caffè. 
Le 50 ricette più meritevoli saranno raccolte in un libro il cui ricavato sarà devoluto in beneficenza, al netto delle spese, all'associazione Chefs Sans Frontières per l'insegnamento del mestiere della ristorazione a ragazzi di strada di tutto il mondo. 
Per partecipare è necessario inviare una o più ricette all’indirizzo ricetta@neronero.it entro e non oltre il 30 Aprile 2010. La mail deve presentare come oggetto “Premio miglior ricetta”. Le ricette proposte devono essere complete di ingredienti e delle modalità di preparazione; devono inoltre prevedere l’utilizzo del caffè.


Premi per le migliori ricette: 
• 1° premio: macchina caffè EP 800 / LB 800 (a scelta) + 500 cialde Lavazza 
• 2° premio: buono sconto del 90% sulla macchina caffè LB 800 + 300 cialde Lavazza Blue 
• 3° premio: 300 cialde Espresso Point

Per le prime 3 ricette: inserimento nei menu dei ristoranti Chefs Sans Frontieres.
Per le prime 50 ricette: pubblicazione della ricetta su libro, con ricavato donato in beneficenza.

18 dicembre 2009

Il Croque-Monsieur

Il Croque-Monsieur è un tipico toast francese, anche se, per favore, non chiamatelo semplicemente toast! Questo termine è decisamente limitativo per una simile meraviglia! Da brava amante della Francia non posso fare a meno di mangiarli tutte le volte che capita l'occasione. Non mi era mai azzardata a riprodurli nella mia piccola e modesta cucina, nonostante sia veramente un sandwich estremamente facile. Questa volta però avevo davvero bisogno di questa delizia!
Il Croque-Monsieur apparve per la prima volta nel 1910 nel menù di un bistrot parigino. L'origine del nome resta però sconosciuta. Esistono diverse varianti, a seconda anche della zona  in cui ci si trova. 
Per quel che mi riguarda non mi resta che consigliarlo a tutti coloro che ancora non hanno avuto la fortuna di assaggiarlo! Ma perchè amo così tanto la Francia???
Ingredienti per 2 Croque-Monsieur
4 fette di pan carré o pan bauletto
2 fette di emmenthal o sottilette 
80 gr di prosciutto cotto
6 cucchiai di besciamella
2 noci di burro
formaggio emmenthal e grana grattugiati finemente per la copertura


Preparazione
Preriscaldate il forno a 200°C e ricoprite una teglia con carta forno. Nel frattempo fate fondere in una padella antiaderente del burro e adagiatevi per qualche istante le fette di pane, scaldandole da ambo i lati. Posatele sulla teglia e farcitele con le fette di formaggio, o sottilette, e il prosciutto cotto. Sulla fetta superiore spalmate omogeneamente la besciamella e cospargete con abbondante formaggio grattugiato.
Posizionate in forno già caldo per 15 minuti circa, prolungando eventualmente la cottura per ottenere una migliore doratura. Potrete altrimenti accendere per qualche minuto il grill del vostro forno. Gustateli ben caldi, con il formaggio filante!

16 dicembre 2009

Il mio arrosto di magatello

Il mio primissimo arrosto! L'ho guardato e riguardato diverse volte, cercando il modo giusto per cucinarlo. Nel modo più semplice possibile ovviamente. Devo ammetterlo io non sono una grande fan della carne, ma questo me lo sono proprio gustare e poi il profumo che si sprigiona quando si cucina un arrosto è follemente invitante. Da rifare al più presto... 
Ingredienti
1 kg di Magatello
1 bicchiere di Vino Bianco o Rosso secondo il vostro gusto
1 cucchiaio di Olio di Oliva Extravergine
1 Cipolla
1 Spicchio d'aglio
Sale
Pepe
Rosmarino
100 gr di Pancetta o Prosciutto crudo

Preparazione
Fate delle incisioni nel magatello, come se doveste lardellarlo, e inserite una parte di pancetta. Avvolgete poi il magatello con la rimanente pancetta. Cospargete di sale, pepe e rosmarino. Adagiatelo quindi su un foglio di alluminio che andrete a posizionare in una teglia. Aggiungete ora l'aglio e la cipolla tritati grossamente e bagnate tutto con del buon vino e poco olio. Chiudete l'arrosto nella carta alluminio e inserite la teglia in forno preriscaldato a 140°C per circa 50 minuti (calcolate questo tempo per ogni kg di carne). Togliete ora la carta d'alluminio e continuate la cottura dell'arrosto per altri 30 minuti a 200°C, in modo che possa rosolarsi per bene. Durante quest'ultima fase potete eventualmente aggiungere delle patate a tocchetti spolverate con sale, pepe e rosmarino.


Con questa ricetta partecipo al contest:


about food

13 dicembre 2009

Biscotti noci e cioccolato

Ieri mi sono svegliata con la voglia di provare nuove ricette e vista la quantità di libri appena acquistati mi sono buttata sul ricettario di Christophe Felder. Per il momento ho acquistato solo il primo volume (in lingua francese.. perchè in Italia certe cose non esistono neanche!!) e ne sono pienamente soddisfatta, tanto che vorrei poter avere al più presto anche tutti gli altri! Inutile dire che questi biscotti, che avevano da subito attirato la mia attenzione, sono semplicemente meravigliosi, si sciolgono in bocca e, per una come me che adora le noci, sono praticamente divini. Mi dispiace per tutti gli altri biscotti, ma li voglio eleggere ufficialmente come miei biscotti preferiti! Con le dosi indicate si ottengono circa 100 biscotti che Christophe Felder taglia deliziosamente con una graziosa forma a losanga (che a me è uscita veramente male a causa del mio odio sfrenato per la geometria!). Armatevi poi di santa pazienza perchè dovrete intingerli uno ad uno nella cioccolata fusa ed è proprio qui che si vedrà la vostra forza di carattere, perchè con tutto quel cioccolato fuso sui biscotti, il profumo che aleggia in cucina, le mani che spesso e volentieri si impiastricciano di cioccolato.. beh come potete non iniziare a mangiarvi almeno la metà dei biscotti? Inutile dire che ormai ne ho avanzati pochissimi e che non vedo l'ora di rifarli per poterne mangiare ancora, ancora e ancora e ancora...
Ingredienti
125 gr di Gherigli di noci
375 gr di Farina 00
1 cucchiaino di Lievito Chimico per dolci
125 gr di Zucchero
250 gr di Burro
1 cucchiaino di Cannella
2 pizzichi di sale
1 Uovo intero
1 Tuorlo
La scorza grattugiata di 1 limone
Per la copertura:
1 Tuorlo per la doratura (facoltativo)
200 gr circa di Cioccolato fondente
50 gr di Gherigli di Noci per decorare (facoltativo)


Preparazione
Tritate finemente i gherigli di noci. Amalgamate la farina con il lievito e aggiungete lo zucchero, la polvere di noci, il burro, la cannella e due pizzichi di sale. Felder consiglia di lavorare tutto a mano su una spianatoia. Io, per comodità, ho utilizzato il mio fidato robot da cucina, sfruttando una bassa velocità e aggiungendo di volta in volta gli ingredienti con delicatezza. A questo punto dovrete ottenere una polvere fine e regolare, senza più tracce di burro. Potete ora aggiungere l'uovo, il tuorlo e la scorza di limone grattugiata. Lavorate per qualche istante (con il robot) e poi continuate brevemente la lavorazione a mano, fino a che non otterrete una pasta omogenea, liscia e ben compatta. Non lavoratela troppo a lungo, altrimenti, grazie al burro, vi ritroverete con un impasto estremamente appiccicoso. Formate una palla di impasto, copritela con della pellicola e mettetela a riposare in frigo per almeno 1 ora.
Preriscaldate il forno a 180°C. Infarinate abbondantemente il vostro piano di lavoro e stendete la pasta con uno spessore di circa 4 mm. Se la pasta dovesse risultare troppo compatta e per questo tende a sbriciolarsi, lavoratela ancora per qualche minuto con un po' di farina fino a che non si potrà stendere alla perfezione. Tagliate ora delle losanghe di circa 3x3 cm oppure sbizzarritevi con altre forme, secondo la vostra fantasia e preferenza. Ponetele su una placca da forno ricoperta di carta forno e, facoltativamente spennellatele con del rosso d'uovo sbattuto. Infornate per circa 15 minuti. Lasciate raffreddare prima di procedere alla copertura.
Nel frattempo fate fondere a bagnomaria il cioccolato fondente. Una volta fuso, lasciatelo raffreddare fino a quando non avvertirete più la differenza di temperatura toccandolo leggermente con un dito. Nel caso diventasse troppo pastoso, scaldatelo nuovamente per qualche istante. A questo punto potrete inserire ogni biscotto per metà nel cioccolato. Disponeteli poi nuovamente sulla carta forno. Potrete infine decorarlo con mezzo gheriglio di noce, quando il cioccolato non si è ancora del tutto indurito. Lasciate ben indurire il cioccolato prima di gustarli.

11 dicembre 2009

Nuovo libro.. nuova voglia di ricette!!

Ultimamente sto collezionando libri di cucina come fossero noccioline!! Ho esaurito tutti i post-it con cui segnare le varie ricette che voglio provare e sto cercando di convincere mio marito a comprare una "piccola" mensola (non è vero "piccola", deve essere abbastanza grande, ma non glielo dirò fino al momento dell'acquisto! Cattiva...) in modo da poter sistemare comodamente qualche piccolo marchingegno per cucinare e soprattutto la mia collezione di libri di cucina! Fra poco i vari siti di vendita online di libri mi faranno socia onoraria per i vari acquisti!! In ogni caso vorrei soffermarmi su questo delizioso libro, che una chocolate addicted come me non poteva non avere!! Il libro è scritto con la collaborazione di Omar Busi, ossia colui che viene ormai definito come "il Michelangelo del cioccolato". Forse un giorno riuscirò addirittura a partecipare ad uno dei suoi mitici corsi... incrociamo le dita.. non si sa mai! Per il momento sogno ad occhi aperti sfogliando questo libro ... e attaccando post-it su quasi ogni pagina!
Buona lettura!


A scuola di cucina. Cioccolato.
Edizione: Food editore
Pagine: 288
Prezzo: 19,90 Euro

10 dicembre 2009

Vellutata di peperoni

Che giornata!! Non vedo l'ora che arrivi il week-end e la lezione di yoga! Per questo motivo la scelta della cena di stasera cade su una fantastica vellutata.. non so ma le zuppe in genere creano in me un effetto di relax! Poi d'inverno ti scaldano l'anima! Questa vellutata di peperoni è stato un po' un esperimento, molto ben riuscito, che mi girava per la testa da alcuni giorni. Continuavo a ripensare alla mia vellutata di piselli (che dovrò assolutamente rifare a breve!) e a tutte le varianti possibili (si accettano idee e consigli a tal proposito!) e vista la quantità di peperoni che mi "sorridevano" tutte le volte che aprivo il frigo... beh non ho potuto fare a meno di creare questa delizia! Non fatevi ingannare dal peperone, verdurina leggera per eccellenza, questa vellutata è estremamente delicata e le patate aiutano notevolmente a mitigare il piacevole gusto intenso! Che dire? provatela e poi fatemi sapere! 
Ingredienti


2 peperoni rossi
1 peperone giallo
1 cucchiaio di panna
3 patate medie
250 ml di brodo vegetale
2 cucchiai di olio extravergine
sale
2 cucchiaio di paprika dolce
1 pizzico di peperoncino
4 cucchiai di passata di pomodoro
1 cucchiaio di parmigiano reggiano
1/2 cipolla rossa

Preparazione
Lavate e asciugate i peperoni e disponeteli su una teglia pronti per essere infornati in forno già caldo a 220°C per circa 30 minuti. Controllate e girateli ogni tanto, in maniera tale che la pelle non si abbrustolisca troppo ma cominci a staccarsi dalla polpa.
Estraete i peperoni dal forno ed inseriteli in un sacchetto di plastica che andrete poi a chiudere. Sono perfetti i sacchetti utilizzati per la conservazione dei cibi. Lasciateli sudare nei sacchetti fino a che non si saranno intiepiditi.
Nel frattempo pelate e lavate 3 patate di medie dimensioni e mettetele a cuocere in abbondante acqua fredda per circa 30 minuti, se utilizzate una classica pentola, altrimenti, utilizzando la pentola a pressione, immergetele in poca acqua fredda e fate cuocere per circa 6 minuti a partire dal "fischio".
Una volta raffreddati procedete con la spellatura dei peperoni, l'apertura in due e l'eliminazione dei filamenti e dei semi interni. Per facilitare poi le successive procedure vi consiglio di tagliarli a filetti.
Sminuzzate mezza cipolla rossa e fatela saltare brevemente con un cucchiaio di olio di oliva extravergine e i filetti di peperoni per pochissimi minuti. Salate, inserite in un mixer i peperoni appena scottati, le patate, sale, un cucchiaio di panna, il parmigiano reggiano e un pizzico di peperoncino e create una morbida crema liscia ed omogenea.
Una volta ottenuta la crema fatela cuocere in una pentola per qualche minuto con del brodo, diluendola secondo il vostro gradimento (a me piace bella densa!!), aggiustate con della paprika (facoltativa) e con qualche cucchiaio di passato di pomodoro. La vellutata non necessita di una lunga cottura perciò potrete servirla quasi subito, accompagnandola con dei crostini oppure aggiungendo della pasta. Un filo d'olio e una spolverata di prezzemolo o un ulteriore cucchiaio di parmigiano possono completare il piatto.


Questa ricetta partecipa al contest:

9 dicembre 2009

Cookies al cioccolato al latte

Ecco qui un'altra ricetta tratta dalla splendida "bibbia dei biscotti" di Martha Stewart! A dire la verità ogni volta che apro questo libro impiego circa 1 ora per decidere esattamente quale biscotto fare!! Ce ne sono veramente troppi e uno più buono dell'altro! Questa volta volevo qualcosa di particolarmente semplice e veloce e così perchè non approfittare di una delle mille ricette di cookies?! E così eccomi pronta a tradurre dal francese la ricetta, il risultato è stato splendido.. forse ho esagerato un po' con le dimensioni, dal momento che ho creato dei biscotti extra large! Con le quantità segnalate dovreste ottenere dai 30 ai 40 biscotti da gustare con una buona tazza di latte caldo! 
Ingredienti
140 gr di Farina 00
50 gr di Cacao non zuccherato in polvere
1/2 cucchiaino di bicarbonato in polvere
1/2 cucchiaino di sale grosso
220 gr di Cioccolato al latte (110 gr tritati grossamente e 110 gr tagliati a grossi pezzi di 5 mm circa)
120 gr di Burro
300 gr di Zucchero
2 Uova
1 cucchiaio di Estratto di Vaniglia (facoltativo)


Preparazione
Riscaldate il forno a 160°C. Setacciate la farina e il cacao in polvere e uniteli al bicarbonato e al sale in una terrina.
Fate fondere a bagnomaria il cioccolato tritato grossamente e il burro. Lasciate raffreddare qualche istante.
Con l'aiuto di un robot mescolate il cioccolato fuso, lo zucchero, le uova e l'estratto di vaniglia. Riducendo al minimo la velocità del robot, incorporate al composto, poco per volta, la farina miscelata al cacao. Versate il tutto nuovamente nella terrina e aggiungete il cioccolato tagliato a grossi pezzi, mescolando bene.
Con l'aiuto di un cucchiaio da gelato di circa 4 cm di diametro, prelevate l'impasto e disponetelo su una teglia ricoperta di carta forno, distanziando bene le palline di impasto (5 cm).
Fate cuocere i cookies per circa 15 minuti circa, o almeno fino a che la superficie non risulterà croccante (anche se i biscotti al tatto saranno comunque morbidi). Una volta cotti, lasciateli raffreddare con la carta forno su una griglia. Si conservano per 3 giorni in una scatola ermetica.

8 dicembre 2009

Torta fresca allo yogurt e cioccolato

Oggi ultimo giorno di relax, domani si riparte con la settimana lavorativa! Fortunatamente è una settimana corta, dopo tutti questi giorni di vacanza, mi manca proprio la forza di tornare al lavoro! Così per tirarmi su il morale mi sono concessa un piccolo dolce a base di yogurt (e logicamente una buona dose di cioccolato, che non fa mai male soprattutto quando uno è un po' giù di morale!). Dal momento che io sono una di quelle strane persone che adorano il gelato d'inverno, ho avuto la brillante idea di prepararmi una bella torta fredda! Lo so che non è il periodo giusto, ma non ho saputo resistere a quella deliziosa base fatta di biscotto croccantino! Per non parlare di tutto quello yogurt cremoso che si sposa a meraviglia con il cioccolato, meglio se fondente e pure fuso!!! Mancava qualche nocciola tritata e poi eravamo veramente a posto, ma dal momento che in questi giorno non faccio altro che mangiare mandorle, noci, nocciole e noccioline, ho pensato di non esagerare e prendere una piccola pausa dalla frutta secca (non so per quanto resisterò ancora!). Per la base di biscotto ho utilizzato i meravigliosi Pan di Stelle (i miei preferiti), ma potete utilizzare anche altri tipi di biscotti secchi. 


Ingredienti
Per il fondo:
220 gr di Biscotti secchi (o Pan di Stelle)
150 gr di Burro fuso
2 cucchiai di Zucchero di canna
Per la crema di yogurt:
8 gr di Colla di Pesce
4 cucchiai di Latte fresco intero
200 ml di Panna fresca da montare
500 gr di Yogurt bianco cremoso e zuccherato
Per la copertura:
50 gr di Cioccolato Fondente
3 cucchiai di Latte fresco intero


Preparazione
Riducete in polvere i biscotti con l'aiuto di un robot da cucina. Fondete il burro e lasciatelo raffreddare. In una ciotola miscelate la polvere di biscotti con lo zucchero di canna. Aggiungete il burro fuso e amalgamate bene il tutto. Spennellate con il burro una tortiera apribile e ricopritela con della carta forno (tagliate un cerchio delle stesse dimensioni della tortiera e una striscia da posizionare lungo il bordo). Ricoprite il fondo della teglia con il composto di biscotti. Distribuitelo omogeneamente e pressatelo bene con l'aiuto di una spatola. Ponete lo stampo in frigorifero per almeno mezz'ora.
Iniziate a preparare la crema di yogurt mettendo a bagno in una ciotola con acqua fredda la colla di pesce. Trascorsi 10 minuti, scaldate 4 cucchiai di latte, facendo attenzione a non farlo bollire. Toglietelo dal fuoco, strizzate bene i fogli di colla di pesce e incorporateli al latte caldo. Nel frattempo montate a neve la panna; fate attenzione che la panna sia ben fredda, magari lasciatela per una decina di minuti in freezer prima di utilizzarla. Unite delicatamente la panna montata con lo yogurt in una ciotola. Aggiungete a questo punto il latte con la colla di pesce, facendo attenzione che non si sia già troppo indurita (in questo caso basterà scaldarlo a fuoco basso per pochissimi minuti). Mescolate delicatamente per non smontare la panna. 
Togliete dal frigo lo stampo con il fondo biscottato e versate la crema di yogurt; riponete in frigo per almeno 2 ore.
Qualche minuto prima di servire, fondete a bagnomaria del cioccolato fondente con qualche cucchiaio di latte. Lasciate raffreddare. Con l'aiuto di un cucchiaio spargete il cioccolato sulla torta creando dei fili sottili e facendo attenzione a non intaccare la crema di yogurt.

7 dicembre 2009

I pancakes di €lly

Finalmente sono riuscita a recuperare lo sciroppo d'acero per fare i buonissimi pancakes di €lly!! Stavo giusto aspettando questo ponte per potermi svegliare in tutta tranquillità e mettermi a cucinare questi ottimi pancakes!! Ho seguito alla lettera la ricetta di €lly e devo ammettere che il risultato è stato fenomenale!! Potete trovare la ricetta direttamente qui sul blog di €lly "Dolce Mania per la Pasticceria, con tutti i suoi importantissimi consigli su come ottenere degli ottimi pancakes!
Mi raccomando per averli perfetti prestate attenzione alla consistenza dell'impasto che dovrà risultare liscio, senza grumi, omogeneo e soprattutto non troppo liquido: dosate attentamente il latte, aggiungendolo poco per volta. Buona colazione!

Ingredienti
180 gr Farina 00
2 cucchiaini di Lievito in polvere
2 cucchiai di Zucchero
un pizzico di Sale
2 Uova leggermente sbattute
60 gr Burro fuso
olio per ungere la padella

Preparazione
Fate fondere il burro, facendo attenzione a non farlo friggere. Potete eventualmente farlo sciogliere per pochissimi minuti con l'aiuto del forno a microonde. Lasciatelo raffreddare prima di aggiungerlo all'impasto. Sbattete leggermente le uova. In una terrina mescolate tutti gli ingredienti (tenendo per ultimo ingrediente il latte), evitando che si formino dei grumi. Potete eventualmente setacciare la farina per evitare questo inconveniente, aggiungendone poca per volta. Mescolate con delicatezza e per finire inserite il latte, poco per volta. 
Per ottenere dei pancakes alti e soffici, dovrete infatti dosare sapientemente il latte, in maniera tale che la crema risulti molto densa. 
Ungete con pochissimo olio una padella antiaderente e ponetela su fiamma bassa. Con l'aiuto di un mestolo, versate un po' di impasto nella padella già calda. Fate cuocere i pancakes da entrambi i lati fino a che non otterranno un bel colore dorato. E' consigliabile ungere la padella ogni qual volta si versa la pastella. Disponeteli su un piatto caldo.
Nel caso in cui non dobbiate cucinare subito tutti i pancakes, conservate la pastella in frigorifero, coperta con della carta velina. Potrete gustarli ben caldi anche il giorno successivo!
€lly consiglia inoltre di provare le varianti, secondo la vostra fantasia, aggiungendo all'impasto mandorle o nocciole tritate, cocco, cioccolato, frutti di bosco, cacao, etc..
Potrete infine gustarli con nutella, marmellata, panna, cremine varie e, naturalmente, il classico sciroppo d'acero!

5 dicembre 2009

Quadrotti al burro di noccioline e confettura di lamponi

Finalmente è arrivato il week end lungo!! Finalmente posso passare un po' di tempo a sperimentare ricette, leggere i miei nuovi libri di cucina, impacchettare tutti i regalini di Natale, sfornare biscotti e soprattutto guardare i video di Nigella fino alla nausea (impossibile.. mi danno proprio l'effetto contrario!). 
In ogni caso stanotte mi sono letta quasi tutta "la bibbia dei biscotti" di Martha Stewart, inutile dire che mi sono riproposta di fare tutti i biscotti più allettanti, questo significa che verranno escluse dai miei esperimenti due o al massimo tre ricette! Sarà dura visto che sono 300 pagine piene zeppe di biscotti, tortine, pasticcini, cookies e mille altre delizie! Intanto il primo esperimento è stato guidato dal barattolo di burro di noccioline che giaceva nella dispensa. Dal momento che lo mangio solo io (e raramente) era quasi un dispiacere lasciarlo lì tutto solo, soprattutto dopo che stamattina ho fatto grandi acquisti di marmellate varie e, guarda il caso, mi trovo tra le mani proprio la pagina dedicata a questi biscotti alla confettura di lamponi e burro di noccioline! Lo so che l'abbinamento potrebbe sembrare azzardato, ed effettivamente anche io ero molto titubante. Tra l'altro la lavorazione non è proprio delle più veloci e dovrete dedicargli qualche ora del vostro tempo, però vi assicuro che il risultato è sorprendente! Ho seguito la ricetta alla lettera senza variare proprio nulla, se non le quantità. Infatti non avevo abbastanza burro di noccioline, ma devo dire che sono riuscita comunque a sfornare ben 32 biscotti e, credetemi, per le calorie non sono pochi!! Io ho utilizzato la confettura di lamponi, come suggerito dal libro, ma potete benissimo utilizzare qualsiasi altra marmellata a vostra scelta. Vi riporto la ricetta con le quantità da me utilizzate (esattamente la metà di quelle segnalate da Martha Stewart in "Biscuits, sablés, cookies : La bible des tout petits gâteaux"
Ingredienti
115 gr Burro a temperatura ambiente
210 gr Farina 00
1 Uovo grande
320 gr Burro di Noccioline
3/4 cucchiaino di Sale
1/2 cucchiaino di Lievito per dolci
1/2 cucchiaio di Estratto di Vaniglia 
150 gr Zucchero 
225 gr Confettura di Lamponi, o altra confettura a scelta
70 gr Noccioline salate tritate grossamente

Preparazione
Riscaldate il forno a 180°. Imburrate ed infarinate una teglia delle dimensioni di circa 20 x 35 cm, ricopritela con della carta forno che andrete nuovamente ad imburrare ed infarinate. Eliminate la farina in eccesso.
Con l'aiuto di un robot da cucina lavorate il burro a temperatura ambiente, tagliato a pezzetti, con lo zucchero per circa 2 minuti, fino ad ottenere una spuma cremosa. Incorporate l'uovo e il burro di noccioline e lavorate per un altro paio di minuti.
Setacciate la farina, il sale e il lievito ed uniteli al composto, riducendo al minimo la velocità del robot. Aggiungete infine l'estratto di vaniglia; se non lo avete potete eventualmente aggiungere qualche goccia di aroma alla vaniglia.
Prendete ora 2/3 dell'impasto e ricoprite la teglia, aiutandovi con una spatola. L'impasto sarà facilmente lavorabile anche con le mani, cercate comunque di disporlo in modo omogeneo. Ricoprite il tutto con la confettura distribuendola bene con l'aiuto di un cucchiaio. Sbriciolate a questo punto l'impasto avanzato e cospargetelo sulla confettura. Spolverate uniformemente con le noccioline tritate.
Fate cuocere in forno caldo per 45 - 50 minuti circa, fino a che non otterrete un colore dorato. Nel caso in cui iniziasse a colorirsi troppo, copritelo con un foglio di alluminio).
Una volta terminata la cottura, lasciate raffreddare il tutto su una griglia e non appena sarà completamente freddo mettetelo in frigo per 1 o 2 ore.
A questo punto potrete finalmente tagliare il vostro dolce in quadrotto di circa 4 cm per lato. I biscotti si conservano per 3 giorni in una scatola ermetica.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...