31 marzo 2011

Muffins cioccolato fondente e noci

IMG_3712_2

IMG_3687_2

Fantastici! Soprattutto grazie al tocco dello sciroppo d'acero. Esistono due versioni di questa ricetta e, a breve, spero di collaudare anche la seconda versione con il cioccolato bianco e le noci pecan. Per il momento mi sono affidata al cioccolato fondente anche se potrete sicuramente deliziarvi il palato utilizzando anche del cioccolato al latte. Prevedete più noci del necessario per la decorazione e utilizzate del cioccolato di ottima qualità, non ve ne pentirete affatto. Per la decorazione, invece, potrete usare delle semplici gocce di cioccolato che donano un tocco lievemente più estetico in questo caso, visto che si tratta di muffins un po' rustici, ma il bello sta forse proprio in questo. Per circa 8 muffins medio-grandi o 12 piccoli.

IMG_3709_2

IMG_3706

IMG_3701_2

IMG_3699_2

IMG_3691_2

IMG_3694_2

Ingredienti:
300 gr di farina con lievito (miscela di farina e lievito Molino Chiavazza)
1 cucchiaino di lievito per dolci
125 gr di zucchero di canna
1 uovo medio
50 ml di sciroppo d'acero
250 ml di latte
50 gr di burro fuso
125 gr di cioccolato fondente + gocce per la decorazione
75 gr di noci + qualche gheriglio per la decorazione

Preparazione
Setacciate la farina e il lievito e uniteli allo zucchero di canna. In una ciotola capiente sbattete l'uovo e unite il latte, il burro fuso, lo sciroppo d'acero. Aggiungete quindi gli ingredienti secchi e mescolate lievemente fino ad ottenere una pasta omogenea. Aggiungete quindi il cioccolato e le noci tritati grossolanamente. Imburrate uno stampo per muffins e riempiteli con l'impasto ottenuto facendo attenzione a non superare i 3/4. Cospargete la superficie con ulteriori noci tritate e gocce di cioccolato. Fate cuocere in forno già caldo a 200°C per 20-25 minuti. Disponeteli su una griglia fino a quando non saranno raffreddati completamente.

29 marzo 2011

Garlic Naan - Pane indiano all'aglio

IMG_3661_2

IMG_3651_2

Quando l'India chiama.. io rispondo! Avete presente quell'amore folle che solitamente una qualsiasi persona ha per una particolare cucina etnica? Io questo sentimento smisurato lo provo nei confronti della cucina indiana. Proprio non posso farne a meno. Ho il mio ristorante indiano di fiducia e senza di esso non potrei vivere. Dal momento, però che non si trova proprio sotto casa, devo necessariamente trovare una valida soluzione ai miei drastici momenti da crisi di astinenza da cibo indiano! Quindi libri alla mano, mi sto studiando qualsiasi ricetta mi capiti sotto tiro per poter finalmente riprodurre i miei piatti preferiti direttamente nella mia piccola cucina. Ora il Garlic Naan è decisamente uno dei pani indiani che preferisco, quello che non smetterò mai, nemmeno sotto estreme torture, di ordinare. Per quelli che dovessero storcere il naso all'idea di mordicchiare un panino ricoperto di aglio, posso soltanto dire che non sanno cosa si perdono. Certo l'alito non perdona, soprattutto con il cibo indiano, ricco di aglio, cipolle e spezie piccantissimi (e super deliziose!)... però chissenefr....!!! Ora, premettendo il fatto che il vero e originale Garlic Naan dovrebbe essere cotto in un tipico forno tandoori, questa ricetta home made, cotta nel forno di casa riesce ad ottenere una versione molto simile e semplicemente divina perciò ne sono pienamente soddisfatta e, oltretutto, la lavorazione è abbastanza semplice, veloce e poco impegnativa.
Altra piccola premessa riguarda il burro utilizzato in questa ricetta. Avrete bisogno infatti del cosiddetto "burro chiarificato" che in India viene chiamato Ghi, o Ghee, ora questo burro è abbastanza reperibile anche nei comuni supermercati.. io personalmente ho provato ad acquistare quello della Prealpi e non va sostituito con il burro classico mi raccomando.
Per il resto tutti gli altri ingredienti sono facilmente reperibili. Un piccolo consiglio riguarda anche la farina, io ne ho utilizzata una specifica per pizza: la farina 00 Granmugnaio per pizza del Molino Spadoni. E' una farina arricchita con glutine creata appositamente per garantire un impasto elastico, con una lunga tenuta durante la lievitazione. Ora non vi resta che assaggiarli! Ah, dimenticavo.. otterrete circa 32 mini Garlic Naan!

IMG_3658_2

IMG_3668_2

IMG_3667_2

IMG_3665_2

IMG_3662_2

Ingredienti:
2 e 1/2 cucchiaini di lievito disidratato
2 cucchiaini di zucchero
185 ml di acqua calda
375 gr di farina 00 Granmugnaio per pizza Molino Spadoni
1 cucchiaino di sale
60 gr di burro chiarificato o Ghee fuso + 20 gr circa per ungere il pane
2 cucchiai di yogurt bianco
aglio a piacere

Preparazione
Mescolate il lievito disidratato e lo zucchero in una ciotolina con l'acqua calda (non bollente), fino a quando non saranno completamente sciolti. Coprite e lasciate lievitare al caldo per almeno 10 minuti. Noterete che si formerà una spuma compatta. Setacciate quindi la farina con un cucchiaino di sale fino in una ciotola e disponete a fontana. Versatevi quindi il burro chiarificato fuso intiepidito, lo yogurt e l'acqua con il lievito. Mescolate aiutandovi con la lama di un coltello e quando diventa omogeneo lavoratelo su un piano infarinato con le mani per almeno 15 minuti fino quando non sarà liscio ed elastico. Formate una palla, ponetela nuovamente in una ciotola lievemente unta e lasciateli lievitare in luogo tiepido, avendo cura di coprire la ciotola con un telo. Quando l'impasto sarà raddoppiato di volume, dopo circa 1 ora, schiacciatelo nuovamente sul tavolo e lavoratelo ancora per un minuto. Dividetelo in 4 parti e ricavate da ciascuna di esse altre 8 porzioni. Stendete ogni porzione creando un disco di circa 7 cm di diametro e disponeteli su una teglia ricoperta da carta forno. Spennellate con burro fuso e girateli. Spennellate nuovamente anche il secondo lato con altro burro fuso e cospargeteli con aglio tritato. Cuocete i Garlic Naan in forno ben caldo a 180°C per 8-10 minuti, o comunque fino a quando non saranno lievemente dorati. Gustateli subito ancora caldi.

26 marzo 2011

Frollini all'albicocca (con la sparabiscotti)

DSCN0633

DSCN0614

Finalmente mi sono fatta coraggio e sono riuscita a sperimentare una nuova ricetta con la mia nuova sparabiscotti Marcato Biscuits. Avevo letto di tanti disastrosi esperimenti utilizzando la sparabiscotti e invece mi sono trovata meravigliosamente. Sarò che la Biscuits di Marcato è semplicemente meravigliosa, sia nell'estetica che nella preziosa praticità! Per iniziare non ho voluto sbilanciarmi più di tanto e quella che vi propongo è una ricetta basilare e semplicissima che però garantisce ottimi risultati. La ricetta, suggerita appunto da Marcato, è servita per collaudare la mia Biscuits ed è ottima per ottenere degli ottimi frollini, adattissimi per assaporare un profumatissimo tè. Come primissimo risultato sono più che soddisfatta e non vedo l'ora di sperimentare nuovi accostamenti utilizzando la sparabiscotti Biscuits. Dato il mio spasmodico amore per il colore azzurro non potevo sceglierne una differente, ma esistono numerose colorazioni di questa simpaticissima e coloratissima Biscuits. L'utilizzo è veramente semplicissimo. In pochi minuti si prepara l'impasto, lo si trasferisce nella Biscuits, lo si compatta bene, si chiude e, senza imburrare o ricoprire con carta forno una teglia antiaderente, si iniziano a sparare una buona quantità di biscotti. Per il momento ho utilizzato una sola trafila, ma ne ho altre 19 da provare, quindi, vi aspetto alla prossima ricetta!
Dosi per circa 60-65 frollini

DSCN0610

DSCN0607

DSCN0609

DSCN0615

DSCN0620

DSCN0625

DSCN0629

DSCN0634

Ingredienti:
500 gr di farina 00 del Molino Chiavazza
250 gr di zucchero
250 di burro fuso
1 pizzico di sale
1 tazzina (da caffè) di latte circa
3 tuorli
Confettura di albicocche, home made Il ghiro Vispo, per decorare (circa 200 gr)

Preparazione
In una ciotola, mescolate la farina, lo zucchero e un pizzico di sale. Create un buco nel mezzo e versateci i tuorli d'uovo. Amalgamate bene il tutto con una forchetta. Unite quindi il burro fuso lasciato intiepidire e lavorate l'impasto con le mani, aggiungendo poco latte per volta fino a renderlo liscio, compatto, morbido ed omogeneo. Potete eventualmente lasciarlo riposare per qualche minuto nel frigorifero.
Riempite bene la vostra sparabiscotti Biscuits Marcato, posizionate la trafila scelta e senza imburrare, infarinare o ricoprire di carta forno la vostra teglia antiaderente (fredda!!) sparate direttamente i biscotti. Attenzione il primo biscotto verrà imperfetto, ma non demoralizzatevi e continuate a sparare i vostri frollini.. tutti gli altri saranno perfetti. Fateli poi cuocere per 20-25 minuti (non fateli dorare troppo) in forno già caldo a 180°C. Togliere la teglia dal forno e decorate i frollini con una goccia di confettura di albicocca. Ripassateli in forno per qualche minuto, toglieteli e poi lasciateli raffreddare prima di staccarli dalla teglia.

24 marzo 2011

Un tè delizioso e tante... Coccole!

Un vero momento di piacere, quello in cui si sorseggia una buona tazza di tè. Da ciò nasce, in questi giorni, la mia collaborazione con un'azienda storica nata dalla passione per i prodotti vegetali che da oltre 100 anni lavora per il mercato italiano. Un'azienda come Ferri dal 1905, che segue la natura e dona un'importanza fondamentale nelle materie prime, ma soprattutto che ci regala la meravigliosa opportunità di ricevere un po' di Coccole. Perchè Coccole appunto è il luogo in cui poter scegliere tra una vasta gamma di tè classici e pregiati e svariati accessori per gli appassionati di questo momento di estremo benessere e piacere. Anche l'immagine poi ha la sua importanza, Coccole infatti non segue le classiche tendenze stilistiche legate al tè, ma rinnova il tutto con un raffinato stile tutto italiano. Le confezioni sono eleganti e gli accessori, da veri intenditori, sono vere e proprie opere d'arte. I cofanetti assaggiaTè sono qualcosa di meraviglioso e perfetto per un regalo, ma nel sito Coccole troverete, oltre ai diversi tipi di tè, anche originali pietre di zucchero, infusi, Matcha, fiori, erbe e tisane di ogni genere. Il tutto corredato da preziosi suggerimenti per la consumazione. Insomma un mondo estremamente piacevole da esplorare per godere di quei piccoli e dolci momenti di relax nelle nostre frenetiche giornate.

Coccole
Momenti di piacere




23 marzo 2011

Reginette al pesto di asparagi

IMG_3646_2

IMG_3647_2

La mia adorazione per gli asparagi continua e così anche quella per il meraviglioso olio extravergine di oliva Ursini. Quando ho letto su una rivista l'idea del pesto di asparagi non ho saputo resistere. La realizzazione in sé poi è estremamente pratica e veloce, soprattutto per me che uso spesso e volentieri gli asparagi surgelati che in quanto a sapore non hanno nulla da togliere a quelli freschi. In 15 minuti è pronta per essere gustata e anche in tavola fa sempre la sua bella figura, anche per un pranzo improvvisato.

IMG_3645_2

IMG_3642_2

IMG_3640_2

IMG_3639_2

IMG_3638_2

IMG_3636_2

Ingredienti:
400 gr di reginette
un mazzo di asparagi (circa 300-400 gr)
il succo di 1/2 limone filtrato
50 gr di parmgiano reggiano
30 gr di pinoli
noce moscata
sale
olio extravergine di oliva Opera Mastra Ursini

Preparazione
Cuocete le reginette in abbondante acqua salata
Nel frattempo private gli asparagi della parte finale dei gambi più dura. Lavateli bene e lessateli in acqua bollente e salata (oppure potrete cuocerli al vapore, se preferite) per 10 o 15 minuti (se sono surgelati seguite le istruzioni sulla confezione, generalmente 5 minuti) a seconda della loro dimensione. Scolate gli asparagi, tenete da parte le punte e tagliate finemente il resto. Trasferite tutto nel mixer e frullateli con il succo di limone filtrato, il parmigiano, i pinoli (tenetene da parte qualcuno come decorazione finale), un pizzico di noce moscata, un pizzico di sale e 3 cucchiai abbondanti di olio extravergine di oliva Opera Mastra Ursini. Dovrete ottenere una crema liscia ed omogenea, allungandola eventualmente con poca acqua di cottura della pasta.
Una volta scolate le reginette, fatele saltare brevemente con il pesto di asparagi. Unite le punte di asparagi che avete tenuto da parte e i pinoli che avrete eventualmente fatto tostare lievemente in padella per pochissimi minuti. Spolverizzate con poca noce moscata prima di servire.

21 marzo 2011

Risotto thai al pestato di peperoni

IMG_3557_2

IMG_3562

Avete presente il riso Thai? Da non confondersi con il basmati, mi raccomando. Beh, il riso Thai in questione ha questi bei chicchi consistenti, abbastanza lunghi, con un sapore delicato e una consistenza abbastanza morbida, ma senza esagerare. Solitamente viene utilizzato come contorno a verdure o legumi (ottimo con i curry). Questa volta però ho fatto una piccola eccezione. Perchè non cucinarlo come un vero e proprio risotto. In fondo mantiene la cottura in maniera perfetta e non resta troppo morbido. Insomma è perfetto se vogliamo abbinarlo alla verdura, senza creare l'effetto appiccicoso creato dal troppo amido. Se poi avete i minuti contati e volete prepararvi un buon risotto questa ricetta è la soluzione ideale. Ora vi starete chiedendo cosa sia esattamente il Pestato di Peperoni. Avete mai fatto un giro da Ursini?? Nooo??!! Male!! Correte subito a rimediare e lasciatevi incantare dai Pestati. Provato su una semplice, ma gustosissima bruschetta, non ho saputo resistere e ho dovuto sperimentarlo sulla pasta e perchè no anche nel riso. E' una morbida e profumatissima crema, dal sapore persistente e godurioso, a base di peperoni gialli e rossi sminuzzati, olio extravergine di oliva, scalogno, grana padano e spezie. Io al momento lo metterei veramente ovunque! Un po' anche perchè l'olio Ursini è qualcosa di follemente irresistibile, un po' perchè questi prodotti sono talmente profumati ed invitanti che non si può assolutamente farne a meno.
Ma ora eccovi la ricetta per 2 persone...

IMG_3567_2

IMG_3558

IMG_3573_2

IMG_3572

IMG_3569

IMG_3568

Ingredienti:
200 gr circa di riso Thai (meglio se biologico)
4 cucchiai abbondanti di Pestato di Peperoni Ursini
3 cucchiai di Olio extravergine di oliva Opera Mastra Ursini
1/2 cipolla rossa
20 gr di burro
1/2 bicchiere di vino bianco
700 ml circa di brodo di pollo
pepe nero

Preparazione
Tritate finemente la cipolla e fatela rosolare in padella con l'olio extravergine di oliva Ursini ed il burro. Aggiungete quindi il riso, fatelo tostare per pochissimi minuti e bagnatelo con un po' di vino bianco, a fiamma vivace, in maniera tale che evapori. Coprite quindi con il brodo di pollo ben caldo e lasciate cuocere per circa 16-20 minuti, mescolando il meno possibile. A cottura quasi ultimata aggiungete il Pestato di Peperoni Ursini. Mescolate velocemente e servite ben caldo completando con una spolverata di pepe nero macinato fresco.

20 marzo 2011

Topolini (fragola e cioccolato bianco)

DSCN0578

DSCN0577

Finalmente sono riuscita a cimentarmi in questo piccolo esperimento decorativo. Un semplice lavoretto che mi è stato commissionato come decorazione di una torta per una festa importante come quella del papà! L'idea carinissima l'ho trovata qui per caso girovagando per il web e l'autrice in questione crea veramente delle decorazioni geniali. Io come al solito ho apportato qualche piccola modifica, a causa di alcuni elementi mancanti per la realizzazione (vedi le codice dei topolini e gli occhietti). Per il resto con un po' di pazienza sono topolini veramente semplici da realizzare. E poi largo alla fantasia.. si possono mettere praticamente ovunque o semplicemente papparseli così come sono. Chiedo scusa per le foto.. ma non disponevo della mia solita e amatissima reflex!! Vi propongo anche qualche piccola foto di una torta golosa gentilmente concessa dal Ghiro Vispo ;)))

DSCN0603

DSCN0594

DSCN0597

DSCN0584

DSCN0581

DSCN0580

DSCN0579

DSCN0576

DSCN0573

DSCN0574

DSCN0566

Ingredienti:
Fragole di grandi dimensioni ben sode
Cioccolato bianco (almeno 100 gr per 5 fragole)
Perline o decorazioni tonde di colore rosa (per il naso)
Pasta di zucchero nera (per gli occhi)
Pasta di zucchero bianca o rosa (per le codine)
Carta forno
Sac a Poche

Preparazione
Lavate accuratamente le fragole. Eliminate le foglie, lasciando però il picciolo in maniera tale che non fuoriesce liquido dal frutto. Fate fondere a fiamma bassissima e per pochi minuti il cioccolato bianco. Toglietelo immediatamente dal fuoco e, se non si è ancora completamente sciolto, continuate a mescolare. Con l'aiuto di una sac à poche formate dei cerchietti su della carta forno, più o meno tutti della stessa dimensione e lasciateli in frigo a riposare e solidificarsi: vi serviranno per creare le orecchie dei topolini. Nel frattempo asciugate bene le fragole, fate raffreddare lievemente il cioccolato (senza aspettare che indurisca troppo) ed immergete prima la punta della fragola e poi la parte con il picciolo. Adottate questo sistema per 2-3 immersioni o almeno fino a quando la fragola sarà ben ricoperta di cioccolato bianco. Ponete quindi le fragole a riposare su una griglia (lasciate sotto della carta forno o un piatto, in modo da non sporcare) e mettete tutto in frigorifero. Fate raffreddare e rapprendere il cioccolato per almeno 1/2 ora. Trascorso questo tempo applicate le orecchie dei topolini utilizzando come collante pochissimo cioccolato fuso. Applicate con lo stesso procedimento una perlina rosa al posto del naso e due puntini di pasta di zucchero colorata di nero per creare gli occhi. Per la coda, create un rotolino di pasta di zucchero bianca (o rosa) e attorcigliatelo lievemente. Poi applicatelo con delicatezza sempre utilizzando il cioccolato bianco come collante. Lasciate riposare nuovamente in frigorifero o in luogo molto fresco fino al momento di decorare.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...