31 maggio 2011

Insalata di finocchi, limone e coriandolo

IMG_4715

IMG_4724

In vista dell'estate qualcuno dei miei prossimi post sarà completamente dedicato alle insalate e ai piatti estivi. Per iniziare mi sono lasciata incantare da questa fresca e profumatissima insalata, rubacchiata da "Verdure golose" di Delphine De Montalier e lievemente arrangiata. Il risultato è fresco ed eccellente per una giornata calda e il profumo del finocchio e degli agrumi è sorprendente! Per preparare questa insalata velocissima sarebbe consigliato utilizzare un finocchio "maschio" (quello più panciuto!) ed evitare la "femmina" (più alto e adatto invece alla cottura). Utilizzate inoltre limoni con bucce non trattate e possibilmente molto succosi. Le quantità indicate sono per una piccola insalata per 1-2 persone.

IMG_4727

IMG_4721

IMG_4723

IMG_4738

IMG_4732

IMG_4722

Ingredienti:
1 finocchio "maschio" abbastanza grande
2 limoni succosi non trattati
coriandolo tritato
fleur de sel, o sale
olio extravergine di oliva DOP Tandem Ursini
pepe

Preparazione
Tagliate molto finemente il finocchio e ponetelo in una insalatiera. Sbucciate un limone e tagliatelo a fette sottili eliminando accuratamente ogni residuo della buccia, soprattutto la parte bianca. Dividete poi ogni fetta in 4 parti e unitele ai finocchi. Grattugiate la buccia del secondo limone, tritate finemente il coriandolo e aggiungete il tutto alla vostra insalata. Spolverizzate con fleur de sel, o sale, il succo di metà limone, un filo di olio extravergine di oliva e del pepe macinato fresco. Mescolate e ponete a riposare in frigo fino al momento di servirla. E' ancora più buona se la lasciate marinare per almeno 1 ora.

Tratto da Verdure golose

30 maggio 2011

Pane (veloce) rosmarino, olive e alici

IMG_4685

IMG_4676

Un pane un po' diverso dal solito per regalare un tocco di gusto in più. L'idea nasce da una rivisitazione e dal pochissimo tempo a disposizione che ho ultimamente per dedicarmi a tutto ciò che è panificazione. Eppure non volevo proprio rinunciare a "mettere le mani in pasta"! E poi visto il temporale dei giorni scorsi non potevo non mettermi all'opera! In realtà questa è una versione molto semplificata per la preparazione del pane. Come vi dicevo prima, non ho molto tempo a disposizione per la panificazione al momento; Ludovico è ancora in fase svezzamento e mi tiene molto impegnata e stare dietro a tutto e praticamente impossibile! Da qui nasce l'idea di utilizzare un preparato per pane. Basta seguire poche semplici istruzioni, generalmente riportate sulla confezione, aggiungere qualche ingrediente e il gioco è fatto! Quindi perchè non provare? Ora non sto a paragonarlo a quello fatto con i vecchi sistemi però, credetemi, vale veramente la pena di assaggiarlo e non ve ne pentirete!

IMG_4672

IMG_4700

IMG_4680

IMG_4682

IMG_4687

IMG_4688

IMG_4690

Ingredienti:
500 gr di preparato per pane (+ relativi ingredienti richiesti)
60 gr di olive verdi tagliate grossolanamente
1 confezione di alici in salsa piccante Rizzoli Emanuelli
1 rametto di rosmarino

Preparazione
Seguendo le istruzioni fornite sulla confezione del preparato per pane da voi scelto iniziate ad impastare e lasciate riposare l'impasto ottenuto in una ciotola per il tempo necessario alla prima lievitazione. Nel frattempo tagliate grossolanamente le olive verdi e le alici. Tritate finemente il rosmarino e unite tutto. Non appena sarà terminata la prima lievitazione ristendete il pane, sempre seguendo le indicazioni, e aggiungete gli ingredienti tritati, pochi alla volta, amalgamando bene. Occorrerà un po' di pazienza per incorporare bene il tutto e far sì che l'impasto non risulti troppo molle. Formate quindi una pagnotta donandole la forma che preferite e ponetela a riposare, per la seconda lievitazione, su una teglia ricoperta di carta forno, per il tempo necessario (generalmente 30-45 minuti). Terminata la seconda fase di lievitazione, ponete una ciotolina contenente circa 200 ml di acqua nel forno. Portate ad una temperatura di 220°C circa (salvo diverse indicazioni presenti sulla confezione) e fate scaldare bene il forno. Infornate quindi la pagnotta e fate cuocere per circa 25 minuti fino a completare la cottura. Una volta sfornata fate raffreddare brevemente su una griglia.

28 maggio 2011

Tortine alle ciliegie

IMG_4616

IMG_4642

Vi capita mai di andare a trovare amici o parenti e ritrovarvi con vagonate di frutta/verdura appena colta?! Ecco questo è all'incirca quello che mi è successo questa settimana - con estrema gioia ovviamente.. visti i prezzi proibitivi delle ciliegie!! Nonostante poi mio marito faccia parte della filosofia "una tira l'altra", soprattutto dopo cena, ecco che qualcuna sono riuscita anche a toglierla dalle sue grinfie per poterne fare un piccolo dolce! Volevo qualcosa di semplice e monoporzione et voilà.. ecco delle morbidissime e profumatissime mini tortine! Per comodità le ho cotte nelle ramequins, ma potete utilizzare tranquillamente uno stampo per muffins, l'importante è che sia ben imburrato. Nel caso in cui vogliate utilizzare le ramequins vi consiglio di tagliare una striscia di carta forno e posizionarla prima di versare l'impasto (imburrate sempre tutto, mi raccomando!). La ricetta è velocissima e perfetta anche per i più piccoli. Al primo assaggio poi, queste tortine, assomigliano a dei piccoli e soffici plumcakes, almeno fino a quando non si arriva alle ciliegie.. da qui in poi è tutto una goduria! Per circa 10 tortine.

IMG_4617

IMG_4612

IMG_4620

IMG_4623

IMG_4632

IMG_4639

IMG_4661

IMG_4654

Ingredienti:
1 grossa manciata di ciliegie (almeno 30)
130 ml di latte
120 gr di zucchero semolato
100 ml di olio di oliva (non troppo forte)
3 uova medie
1 cucchiaino di estratto di vaniglia

Preparazione
In una ciotola sbattete energicamente lo zucchero con le uova fino a quando non otterrete una soffice spuma. Aggiungete quindi l'olio, il latte, la farina (+lievito), l'estratto di vaniglia e mescolate fino ad ottenere un impasto omogenea. Tagliate quindi a pezzi non troppo piccoli le ciliegie pulite e privatele del nocciolo. Unitele al composto e mescolate. Imburrate i vostri stampini o ramequins, posizionate una piccola striscia di carta forno e versate l'impasto fino a riempire massimo i 3/4 dello stampo. Fate cuocere in forno già caldo a 180°C per circa 25 minuti.

Con questa ricetta partecipo al contest:


26 maggio 2011

Tagliatelle profumate al limone

IMG_4607

IMG_4604

Un'idea velocissima per preparare un primo piatto ricco, gustoso e profumato. Ultimamente mi è scattata un'adorazione per gli agrumi (oltre che per le erbe aromatiche.. ma questa è un'altra storia!) e spesso vago alla ricerca di nuove ricette da provare. Fin qui tutto nella norma, fino a quando non vado a frugare nel mio fidato Cucchiaio d'argento e ci trovo queste tagliatelle tutte speciali. Siccome sono anche una grande fanatica della panna (.. e non posso farci nulla, proprio non posso farne a meno) non mi sono tirata indietro quando ho letto la ricetta e ho deciso di riproporla, un poco a modo mio, ma comunque nella versione quasi classica. Unico consiglio: abbondante con il parmigiano: non è mai abbastanza!! Gli ingredienti sono per 2 persone.

IMG_4605

IMG_4603

IMG_4602

IMG_4593

IMG_4597

Ingredienti:
180 gr di tagliatelle fresche all'uovo (qui la ricetta per la pasta fresca)
150 ml di panna fresca
1 limone grande non trattato
30 gr di burro
50 gr di parmigiano reggiano grattugiato
sale

Preparazione
Fate cuocere la pasta come d'abitudine, in abbondante acqua salata e scolatela al dente. Nel frattempo, in un pentolino fate scaldare il burro a fuoco basso e non appena si creano delle bollicine aggiungete la scorza di limone e mescolate. Aggiungete quindi la panna, un bel cucchiaio di parmigiano e un pizzico di sale e cuocete per pochi minuti. Fate quindi saltare le tagliatelle per pochi minuti con la panna fino a quando non si saranno bene insaporite. Completate con una abbondante spolverata di parmigiano grattugiato prima di servire.

23 maggio 2011

Pasta fredda con pesto di olive e basilico

IMG_4577

IMG_4589

Ormai l'estate è alle porte e queste prime giornate di sole sicuramente fanno venire a tutti un'estrema e sana voglia di mare e ferie. Dal momento che pure la voglia di cucinare prende e decide di andare in vacanza, questa che vi propongo oggi è un'alternativa gustosissima al classico pesto e alla classica insalata di pasta fredda. Ammettiamolo chi di noi non inizia a preparare quintali di insalata di riso o pasta fredda ad orari incredibili (ho visto gente prepararla alle 5 del mattino, giuro!!) non appena arriva il primo grande caldo??!! Per non sorbirsi sempre la stessa (seppur ottima) insalatona di pasta ecco una piccola variante fatta con basilico freschissimo (non so voi ma ho una giungla di basilico!!), olive verdi e alici in salsa piccante. Il risultato è strepitoso e freschissimo. Io già non vedo l'ora di gustarla di nuovo, possibilmente sotto l'ombrellone!! Ingredienti per 2 persone.

IMG_4576

IMG_4578

IMG_4588

IMG_4580

Ingredienti:
200 gr di fusilli Azienda Agricola Mancini
30 olive verdi denocciolate
10-15 foglie di basilico fresco
2 filetti di alici in salsa piccante Rizzoli Emanuelli
3-4 cucchiai abbondanti di parmigiano reggiano
1 pizzico di fleur de sel
olio di oliva extravergine DOP Tandem di Ursini
olive nere per decorare (facoltativo)

Preparazione
Fate cuocere la pasta in abbondante acqua salata, mantenendo la cottura al dente. Non appena sarà pronta, scolatela e passatela sotto l'acqua fredda. Lasciatela raffreddare lievemente e poi ponetela in una ciotola capiente spruzzandola con olio di oliva extravergine. Mescolate bene e lasciate riposare al fresco. Nel frattempo preparate il pesto. L'ideale sarebbe utilizzare un mortaio, ma va benissimo anche un mixer o un frullatore. Unite olive, il basilico pulito, le alici, il parmigiano e una buona quantità di olio extravergine per amalgamare bene il tutto, quindi riducete in crema. Nel caso in cui dobbiate utilizzate il mixer, vi consiglio di azionare le lame per pochi secondi alla volta in modo da non surriscaldare il pesto. Una volta pronto versatelo abbondantemente sulla pasta e mescolate bene. Completate con un pizzico di fleur de sel e qualche oliva (io ho aggiunto anche qualche oliva nera!)

22 maggio 2011

Patate profumate al rosmarino e fleur de sel

IMG_4483

IMG_4488

Un'altra ricetta veloce per un contorno saporito e profumato. Lo so la ricetta in sè è veramente banale e fin troppo semplice, però queste patate con una spolveratina di fleur de sel sono veramente buonissime e non potevo non consigliarvele. Io le trovo perfette per qualsiasi occasione e per ogni stagione. Inoltre si adattano perfettamente a qualsiasi piatto decidiate di servire. Io le adoro anche un po' tiepide, nelle giornate veramente calde. Ultimamente poi ho scoperto la cottura delle patate anche al microonde. Io che il microonde lo uso in pochissime occasioni mi sono ritrovata, con piacevole sorpresa, a scoprirne gli svariati utilizzi solo ora. Con le giornate calde poi la voglia di mettermi a cuocere le patate per 40 minuti cala decisamente e quindi mi sono arrangiata così: lavate le patate e, senza sbucciarle, praticate dei forellini con la forchetta, ponetele in un piatto e fate cuocere alla massima potenza per 10 minuti. Attendete fino a quando non si saranno ben raffreddate e sbucciatele. Rimarranno molto sode e praticamente saranno perfette per ricette come questa, che prevedono un'ulteriore cottura. Ingredienti per 2-3 persone.

IMG_4489

IMG_4481

IMG_4479

IMG_4470

IMG_4468

Ingredienti:
5 patate medie
3 spicchi di aglio
1 cucchiaio di fleur de sel
3 cucchiai di olio extravergine di oliva Opera Mastra Ursini
3 rametti di rosmarino
1 cucchiaino di insaporitore per patate Ariosto (sale marino, aglio, rosmarino, salvia, ginepro, basilico, maggiorana, origano, alloro, coriandolo e prezzemolo)

Preparazione
Fate cuocere le patate intere, fatele raffreddare ed eliminate la buccia. Tagliatele a fette non troppo sottili (0,5 - 1 cm di spessore). Fate scaldare in una padella antiaderente l'olio e fate imbiondire l'aglio. Aggiungete le patate e lasciate cuocere per 5-6 minuti. Muovetele poi delicatamente per non romperle troppo e giratele in maniera tale che riescano a dorarsi su entrambi i lati. Aggiungete l'insaporitore e il rosmarino e proseguite la cottura per altro 5-10 minuti a seconda del grado di doratura desiderato. Spegnete il fuoco e completate con una spolverata di fleur de sel prima di servire, calde o tiepide.

21 maggio 2011

Risotto alla Milanese (allo zafferano)

IMG_4466

IMG_4457

Lo ammetto, io sono un'amante dei grandi classici. Quelli che non ci si stanca mai di cucinare, ma soprattutto di assaporare. Perchè alla fine la nostra cucina è una delle più buone e copiate al mondo. Copiata proprio per una forma di alta ammirazione. Perciò non posso rinunciare a pubblicare questa semplice e conosciutissima ricetta. Ognuno poi ci metta del suo e faccia tutte le variazioni possibili e immaginabili, ometta o no il midollo, ma il risotto alla Milanese è un piatto intramontabile a cui non si dice mai di no. Il risotto in questione poi non l'ho proprio fatto a caso, ma a seguito di un delizioso e graditissimo regalo di un'ammiratrice del blog. Ringrazio infinitamente Chiara per lo zafferano dell'Aquila che mi hai così gentilmente portato in dono! Inutile dire che ha un profumo e un sapore meraviglioso! Adoro lo zafferano e prossimamente pubblicherò qualche altra ricetta a base di questa delizia! Esiste poi la versione del risotto semplice allo zafferano, preparato senza il midollo di bue, perfetto per una ricetta un po' più semplice e veloce, ma comunque gustosa e profumatissima. Per la variazione omettete solo il midollo di bue e sostituitelo con 2 cucchiai di olio di oliva extravergine. In ogni caso non lasciatevi sconvolgere dall'uso del midollo, anzi provatelo! Il risotto risulterà più cremoso, per nulla pesante e molto saporito. Per 4 persone.

IMG_4465

IMG_4461

IMG_4459

IMG_4462

IMG_4456

Ingredienti:
400 gr circa di riso Carnaroli Margara
40 gr di burro + 20 gr per la mantecatura
30 gr di midollo di bue
1,5 litri di brodo di carne (o vegetale, se preferite)
70 gr di parmigiano reggiano grattugiato
1/2 cipolla grande
1 bicchiere di vino bianco
zafferano (un pizzico in pistilli oppure 1 bustina)

Preparazione
Da uno o più ossibuchi prelevare il midollo. In una pentola fate scaldare il burro, la cipolla tagliata finemente e il midollo di bue. Fate imbiondire la cipolla e attendete che il midollo e il burro si siano ben sciolti. Aggiungete il riso e mescolate per farlo tostare. Spruzzate con del vino bianco fino a farlo evaporare. Abbassate lievemente la fiamma e coprite il tutto con il brodo e lasciate cuocere per circa 15-20 minuti, mescolando il meno possibile. A cottura quasi ultimata aggiungete lo zafferano e mescolate. Se utilizzate lo zafferano in pistilli  lasciatelo a bagno nel brodo caldo per il tempo necessario e aggiungetelo sempre a cottura quasi ultimata. Non appena sarà pronto, togliete la pentola dal fuoco e aggiungete il burro rimasto e il parmigiano grattugiato per la mantecatura. Servite ben caldo decorando con qualche pistillo di zafferano.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...