31 agosto 2011

Plumcake vaniglia e rhum

IMG_6294

IMG_6311

Un'altra ricetta in stile plumcake. Ultimamente mi diverto moltissimo a sbizzarrirmi con le innumerevoli combinazioni che si possono ottenere. Questa ricetta è stata particolarmente apprezzata, già prima che venisse sfornato! Sarà per il fantastico profumo di vaniglia o per la morbidezza dell'impasto, credetemi sulla parola, è un dolce straordinario nella sua immensa semplicità. In più quella nota vagamente alcolica del rhum è proprio formidabile. Per un plumcake adatto alla prima colazione vi consiglio di seguire le dosi indicate, ma se desiderate un gusto decisamente più forte potete arrivare fino a 3 cucchiai senza problemi! Un altro consiglio che posso darvi è quello di utilizzare un estratto di vaniglia rigorosamente fatto in casa in maniera che ci sia anche qualche semino di vaniglia! sarà ancora più buono! Altrimenti, potrete semplicemente aprire un baccello e raschiare qualche semino contenuto all'interno. Conservatelo in un recipiente ermetico o avvolto nella pellicola, in maniera tale che mantenga tutta la sua fragranza, il profumo e la morbidezza. Se desiderate un dolce ancora più morbido e leggero sostituite il burro sciolto con la stessa quantità di olio di semi.

IMG_6314

IMG_6291

IMG_6289

IMG_6301

IMG_6306

IMG_6283

IMG_6296

IMG_6280

Ingredienti:
240 gr di farina Antigrumi Molino Chiavazza
1 bustina di lievito per dolci
100 gr di burro
1 pizzico di sale
3 uova
250 gr di yogurt alla vaniglia
140 gr di zucchero di canna BronSugar Brasil
2 cucchiai di estratto di vaniglia (se fatto in casa è meglio!)
1 baccello di vaniglia
1 cucchiaio di rhum

Preparazione
In una ciotola sbattete energicamente le uova e lo zucchero. Unite lo yogurt, l'estratto di vaniglia, il burro sciolto (e a temperatura ambiente) e il rhum. Mescolate fino ad amalgamare bene tutti gli ingredienti. Unite quindi la farina antigrumi e il lievito setacciato. Qualora decidiate di usare una classica farina 00 ricordatevi di setacciarla. Aggiungete un pizzico di sale e mescolate energicamente affinchè il composto non presente nessun grumo. Dovrete ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Imburrate uno stampo e ricoprite con della carta forno. Versate l'impasto e fate cuocere per 50 minuti circa in forno già caldo a 180°C. Controllate il grado di cottura inserendo uno stuzzicadenti all'interno del dolce. Esso dovrà uscirne completamente asciutto. Qualora il plumcake si dovesse colorire troppo abbassate la temperatura a 160°C.

30 agosto 2011

Pollo zenzero, soia e cipollotti

IMG_6211

IMG_6197

Spesso e volentieri preparo questo secondo piatto semplice e ricco di gusto, dalle note vagamente etniche. Ovviamente avrete capito che sono una vera e propria amante delle carni bianche e, in maniera particolare, del pollo. Per non avere però risultati troppo stopposi cerco sempre di utilizzare lo stesso metodo di preparazione per abbinarci poi combinazioni di gusti e profumi differenti. Il risultato è sempre decisamente squisito (vedi pollo al limone e mandorle e la wok di pollo alla soia!). Oggi ho voluto sperimentare una nuova combinazione, abbastanza semplice e senza troppe pretese, ma perfetta anche per chi non desidera un piatto troppo orientale. Vi consiglio vivamente di utilizzare zenzero fresco, e non quello in polvere, perchè il risultato sarà estremamente differente, a partire dai profumi che si sprigioneranno durante la cottura. Queste le quantità per 2/3 persone. Io ne preparo sempre tantissimo, anche da gustare come piatto unico e non ne avanza praticamente mai! Lo adorerete!!

IMG_6205

IMG_6193

IMG_6203

IMG_6200

IMG_6198

IMG_6180

IMG_6199

Ingredienti:
3 petti di pollo
1 cipollotto
zenzero fresco (1cm circa di radice)
5 cucchiai di salsa di soia
400 gr di germogli di soia
1 spicchio di aglio
1/2 cipolla
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
Vino bianco
1/2 tazza di brodo di pollo
1 pizzico di Insaporitore per carni Ariosto (salvia, ginepro, alloro, origano, timo, maggiorana, basilico)
sale q.b.
1/2 limone succoso

Preparazione
Tagliate il pollo a dadini non troppo piccoli e ponetelo a riposare in una ciotola dopo averlo irrorato con abbondante succo di limone filtrato e una spolverata di insaporitore per carni Ariosto. In una wok fate scaldare l'olio e unitevi il cipollotto pulito e tagliato finemente, la cipolla e l'aglio tritati e lo zenzero grattugiato. Fate soffriggere il tutto a fiamma moderata. Unite quindi il pollo a dadini con la sua marinatura al limone e fate cuocere per circa 5 minuti a fiamma vivace. Sfumate quindi con il vino bianco e fate evaporare bene. Aggiungete il brodo di pollo e proseguite con la cottura per altri 5 minuti, mescolando di tanto in tanto. Aggiungete quindi la salsa di soia fino ad ottenere una salsa. Unite i germogli di soia e continuate a cuocere per altri 5 minuti circa. A piacere aggiustate di sale. Servite con abbondante salsa di soia.

26 agosto 2011

Risotto al nero di seppia e gamberetti

IMG_6223

IMG_6216

Questo primo è particolarmente indicato per i nostalgici delle appena trascorse vacanze estive. Alzi la mano chi non ripartirebbe immediatamente!! Io personalmente non me lo farei dire due volte.. penso che potrei preparare la valigia a tempo record e mi tufferei a capofitto per una nuova vacanza! In realtà forse è meglio che io smetta di sognare a occhi aperti e riprenda seriamente in mano i mille impegni della vita di tutti i giorni. Fortunatamente posso ancora godermi qualche giorno di ferie e riabituarmi lentamente! La cosa che più mi rende nervosa è tutto questo gran caldo che, oltre ad essere terribilmente fastidioso, mi impedisce di cucinare come vorrei. Ogni giorno preparare un piatto risulta essere una sfida più complessa del solito. Ovviamente di accendere il forno non se ne parla..la tentazione c'è e non vi sto a raccontare della quantità esagerata di ricette che sto tenendo da parte per i giorni più freschi! Per questa volta però non ho saputo resistere alla malsana tentazione di mettermi ai fornelli per poter infine assaporare questo risotto delizioso con un delicato profumo (e sapore!) di mare. Io ho utilizzato degli squisiti gamberetti, ma vi consiglio enormemente di provarlo con delle ottime e freschissime mazzancolle!! Sarà ancora più buono! Per 2 persone.

IMG_6227

IMG_6237

IMG_6221

IMG_6220

Ingredienti
180 gr di riso Carnaroli Margara
1 sacchetto di nero di seppia
1 cucchiaino di Verdurine Mutti (a piacere, sostituibile eventualmente con del concentrato di pomodoro)
750 ml di brodo di pesce (o di vegetale, se preferite)
250 gr di gamberetti
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 noce di burro
1/2 cipolla grande
1 bicchiere di vino bianco
prezzemolo tritato a piacere

Preparazione
Tritate finemente la cipolla. In una pentola fate scaldare l'olio e una noce di burro e tuffateci la cipolla triatat per farla imbiondire. Aggiungete quindi il riso e mescolate per farlo tostare. Spruzzate con del vino bianco e lasciate evaporare. Abbassate lievemente la fiamma e coprite con il brodo di pesce. Lasciate cuocere per 15-20 minuti, aggiungendo il nero di seppia circa a metà cottura. Nel frattempo tuffate per un paio di minuti (non di più!) i gamberetti puliti e sgusciati in acqua bollente precedentemente salata. Non appena il riso sarà pronto aggiungete un cucchiaio di salsa di pomodoro "Verdurine" (sostituibile eventualmente con del concentrato di pomodoro) e togliete dal fuoco. Aggiungete i gamberetti, tenendone qualcuno da parte per decorare. Completate con prezzemolo tritato a piacere.

7 agosto 2011

Buone ferie!

chiuso per ferie2

Ebbene sì mi vado a gustare ancora un po' di ferie e di meritato riposo! In realtà la prima settimana sarà dedicata a vari progetti personali e non, ma soprattutto sarà sicuramente abbastanza estenuante perchè le cose da fare sono sempre moltissime! Poi invece potrò ammirare una regione che mi stuzzica da diversi anni e che, finalmente, mi decido a visitare in lungo e in largo (Ludovico permettendo!). Per noi niente mare ad Agosto, ma un breve tour di questa splendida regione italiana che è l'Umbria! Non vedo l'ora di poterla vedere, vivere e anche assaporare! Sperando di tornare carica di ottimi e succulenti prodotti tipici, vi saluto e vi aspetto di nuovo qui fra qualche settimana! Buone ferie e buon relax!

1 agosto 2011

Pasta all'aceto di pomodoro e pancetta

IMG_5755

IMG_5744

Erano diversi mesi che continuavo a tirar fuori questa ricetta senza decidermi poi a realizzarla. Si sa, sbirci in un vecchio libro o in qualche rivista e la vedi! Certo ti colpisce, ma poi il tempo passa e la ricetta resta lì, per qualche motivo, scritta su un foglio volante e spesso e volentieri ti ricade tra le mani. Tutto questo fino a quando non ho ricevuto il meraviglioso regalo di Mutti e del contest "cucinando con il pomodoro". Insomma apro l'enorme cesto e vi trovo questa graziosa bottiglia di aceto di pomodoro. La apro e già ne percepisco un profumo delizioso e subito penso a quali e quante ricette potrei realizzare con questo meraviglioso prodotto innovativo! Così vado a ripescare il mio foglietto e la sublime ricetta che oggi vi propongo. Se vi dovesse suonare un po' strano l'utilizzo dell'aceto per un primo piatto, non lasciatevi ingannare! Provatelo è strepitoso a costo di realizzarla con le giuste dosi e senza strafare. Il sapore sarà fenomenale e l'accostamento con la pancetta grandioso. Un ottimo primo piatto veloce da realizzare e con pochissimi ingredienti! La ricetta originale prevedeva l'utilizzo dell'aceto balsamico, ma con quello di pomodoro ha decisamente una marcia in più!

IMG_5736

IMG_5745

IMG_5750

IMG_5740

IMG_5743

Ingredienti:
4 cucchiai di aceto di pomodoro Mutti
1 cucchiaino di triplo concentrato di pomodoro Mutti
50 gr di parmigiano reggiano grattugiato
50 gr di burro
1/2 tazza di brodo vegetale caldo
200 gr di spaghetti
100 gr di pancetta dolce a cubetti
2 cucchiai di olio extravergine di oliva Opera Mastra Ursini
1/2 cipolla rossa non troppo grande
pepe nero

Preparazione
Fate cuocere la pasta in abbondante acqua salata. Nel frattempo in un tegame, preferibilmente di coccio fate scaldare lievemente l'olio e tuffateci la cipolla tagliata finemente e la pancetta dolce a cubetti. Fate rosolare bene e bagnate con l'aceto di pomodoro. Aggiungete poco brodo per volta e continuate a cuocere a fiamma moderata in maniera tale che il sughetto si addensi. Aggiungete quindi il burro e il parmigiano e completate con una buona spolverata di pepe nero. Mescolate e non appena si sarà formata una sorta di cremina non troppo densa fateci saltare gli spaghetti per pochi minuti. Servite con una buona spolverata di parmigiano grattugiato e una generosa macinata di pepe nero.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...