31 dicembre 2011

Salutando il 2011...

Natale logo bassa

Questo 2011 è stato un anno decisamente sconvolgente, nel bene e nel male! Ma non posso non salutarlo come si deve dedicandogli un ultimo post! Un po' perchè dopo tutte le disavventure lavorative (e la conseguente disoccupazione!), questo blog mi ha comunque dato la forza di andare avanti e perseverare nel mio piccolo sogno. La strada da fare è ancora tanta e i progetti da realizzare sono infiniti, ma incrociamo le dita e speriamo che anche il 2012 sappia regalarci qualcosa di estremamente importante! Io per il momento rivivo con il pensiero tutti gli istanti felici, le nuove opportunità che mi si sono presentate, i piccoli successi e tutte le splendide persone che ho avuto modo di incontrare anche grazie al mio amatissimo blog (quelli infelicemente devastanti li lascio ad altri, io non li voglio!). Per questo motivo ho scelto appositamente 12 dolci ricette dal mio blog che mi hanno accompagnato in questo 2011. Con la speranza che il 2012 sia altrettanto dolce, ricco di passioni e pieno di gioia non mi resta che farvi i miei più cari, sinceri e dolcissimi auguri! Buon anno!

Erika


28 dicembre 2011

"Pain perdu" di Panettone con cioccolato

cucina 115

cucina 139

E' ufficiale, per il momento, le abbuffate sono concluse. Non so voi, ma io lo stomaco lievemente straziato dalla quantità di cibo ingurgitato in questi giorni. Con il fatto poi che festeggiamo all'incirca per tre giorni, e non solo quello di Natale, credetemi ieri ero a pezzi. Tanto che ho praticato un semi-digiuno!! Poi però stamattina mi sono rifatta, non ho resistito e, complice un buon sonno e il calduccio di casa.. e una buona dose di relax con i propri cari, ho pensato di fare una colazione diversa, poco leggera, ma che ci importa? Le cose buone vanno assaporate! Con abile maestria sono riuscita a tenere da parte qualche fetta del panettone Loison e mi sono tuffata in una super colazione! Mentre il mio piccolo stamattina rubava l'ennesima fetta e se la gustava dall'alto del suo seggiolone, io tuffavo altre fette nel latte e nelle uova e le facevo dorare per bene nel burro fuso! Sì lo so vi starete chiedendo se sono impazzita, dopo tanto mangiare, mi metto anche a fare una colazione iper calorica! Non so giustificarmi, mi dispiace davvero, io quando sento certi profumi mica so resistere ;) e poi se proprio volete, potete godervi questa delizia al posto del pranzo, o come super merenda!!
Posso dirvi che mi sono limitata, però, e non ho osato spolverizzare con zucchero a velo. Troppo dolce per me, solo cioccolato extra bitter grazie! Potete poi decorarlo a piacere, con fragole o frutti di bosco. Questa volta ho optato per delle arance succose e profumatissime che rallegrano davvero moltissimo con quel bel colore! Il mio consiglio è quello di utilizzare un panettone di ottima qualità, come Loison appunto, magari aperto già da qualche giorno, così potrete tagliare delle belle fette senza che si sfaldino. Direi che è un'ottima idea per la colazione dei prossimi giorni, al posto della semplice brioche, ed è uno spunto perfetto per esaurire con gusto tutti gli avanzi dei vostri panettoni. Per 4 fette.


cucina 137

cucina 146

cucina 134

cucina 130

cucina 125

cucina 122

cucina 140

Ingredienti:
1 uovo
100 ml di latte
15 gr di burro
4 fette di panettone Loison
gocce di cioccolato fondente q.b.
2 arance
zucchero a velo (facoltativo)

Preparazione
In una ciotola sbattete energicamente latte e uovo fino ad ottenere una pastella omogenea. Tagliate il panettone a fette e tuffatecele generosamente. Ponetele quindi su un piatto o su un piano ricoperto con carta forno. Cospargete abbondantemente due delle fette con gocce di cioccolato. Coprite quindi con le altre due fette, facendole aderire bene e cercando di racchiudere al meglio tutto il cioccolato. Fate sciogliere il burro in una padella antiaderente e, a fiamma moderata, fate dorare da entrambi i lati le fette di panettone, manovrandole con delicatezza. Non appena saranno pronte, trasferitele in un piatto e completate con frutta a piacere ed eventualmente con una spolverata di zucchero a velo.
Servite ben caldo.

23 dicembre 2011

Aspettando il Natale...

Natale logo bassa

Manca davvero pochissimo! Fra qualche giorno finalmente sarà Natale! Dopo tanto biscottare e cucinare e preparare dolci di ogni genere, forma e sostanza eccoci alla tanto attesa ora x!
Siete pronti? Avete già preparato l'argenteria, il menù, avete impacchettato per bene tutti i vostri regali "home made" e non? Io quest'anno mi sono affidata solo ed esclusivamente ai regali fatti in casa quindi ci saranno dolci sorprese per tutti! Non vi dico la mole di lavoro di questa settimana! Avrei voluto proporvi decine e decine di ricette e idee per questo giorno importante, ma non ho avuto un secondo di respiro. Ora ci prepariamo al grande giorno con un bel po' di entusiasmo, anche a causa del piccolo di casa, che per la prima volta resta estasiato davanti all'atmosfera natalizia. E la mamma ha contribuito parecchio quest'anno con albero, decorazioni e un intenso profumo di biscotti! Ovunque Ludovico si girasse trovava ad accoglierlo qualcosa di meravigliosamente natalizio. Abbiamo anche appurato la sua passione per gli omini di pan di zenzero, che quest'anno sono stati sfornati e decorati a centinaia! E' stata una faticaccia, ma mi sono davvero divertita e ora posso godermi anche io le tanto attese feste! No vi lascio una ricetta oggi, potete sbirciare nell'indice per trovare qualche allettante idea, se proprio ancora non avete deciso cosa preparare per il grande pranzo di Natale o per la cena della Vigilia! Se poi vi serve qualche idea per un regalo "home made" dell'ultimo minuto vi basterà cliccare qui e una serie di dolcetti e biscotti tipicamente natalizi comparirà per voi!
Non mi resta che augurarvi uno splendido Natale, che sia ricco di gioia e serenità!
A presto


Erika




Ecco infine qualche idea per il vostro menù di Natale!!


Antipasti
Baguette di sfoglia al pesto

Primi piatti

Secondi piatti

Contorni

21 dicembre 2011

Buche de Noel al cioccolato bianco e caffè

cucina 087

cucina 104

Anche quest'anno non ho resistito e mi sono tuffata sull'ennesimo "Buche de Noel". Che dirvi? E' il mio dolce natalizio preferito e fosse per me, lo farei praticamente tutte le volte che ho voglia di qualcosa di irresistibilmente dolce! La pasta biscotto è quella che preferisco e la ganache al cioccolato (che sia fondente o bianco poco importa in questi casi!) lo rende così morbido e profumato. Insomma se cercate qualcosa di completamente diverso dal solito Panettone questo dolce supererà ogni vostra aspettativa! Con questo non voglio affatto sminuire Pandoro e Panettone, anzi a breve dovrei riuscire a proporvi piccole delizie anche con questi due dolci squisiti! Tra l'altro non vedo l'ora di addentare il Panettone Loison questo Natale! Sto cercando ormai di resistergli da diversi giorni e non passa giorno che non vado ad esaltarmi con il suo celestiale profumo!! 
Ma torniamo al nostro tronchetto di Natale. Questa volta la scelta è caduta sul morbido e candido cioccolato bianco, perchè ho sempre la speranza che prima o poi la neve arrivi anche qui, magari proprio per queste feste! E invece ancora nulla.. quindi ricreiamo l'atmosfera con cioccolato bianco, una spolveratina di cocco e tantissima crema pasticcera al caffè. Però un caffè speciale, quello solubile all'amaretto faceva proprio al caso mio, soprattutto se si tiene conto che è ancora più profumato! 
Spesso e volentieri questa è una ricetta che incute un certo timore! Niente di più sbagliato. Ci vuole sicuramente una buona dose di tempo libero e un po' di pazienza, ma con i giusti accorgimenti vi accorgerete che non è poi così difficile da realizzare. Con queste quantità otterrete un rotolo abbastanza grande oppure due lievemente più piccoli. Potete anche tranquillamente dimezzare le dosi se la quantità di uova vi sembra esagerata.
Un'ultima piccola nota: chiedo scusa per le foto, ma ho fatto appena in tempo a scattarne qualcuna prima che il Buche de Noel sparisse magicamente dalle mie mani!

IMG_8637


cucina 112

cucina 092

Ingredienti
Per la pasta biscotto:
60 gr di Burro
160 gr di Farina Manitoba (eventualmente anche 00)
1 pizzico di Sale
8 Uova
160 gr di Zucchero 

Per la crema pasticcera:
50 gr di Farina
500 ml di Latte
6 Tuorli
1 baccello di Vaniglia
150 gr di Zucchero 

2 cucchiaini di caffè solubile all'amaretto Tea & Coffee House
Per la crema ganache:
50 gr di Burro
400 gr di Cioccolato Bianco
400 ml di Panna 

Farina di cocco (facoltativo)


Preparazione
Prepariamo per prima cosa la pasta biscotto, le cui dosi si adattano ad una teglia di cm 40 x 35. Unite in una ciotola abbastanza capiente 4 uova intere, 4 tuorli (conservate gli albumi), e lo zucchero. Ponete la ciotola a bagnomaria su una pentola contenente acqua calda. Fate attenzione che l'acqua non arrivi a bollore, ma sia sufficientemente calda. Con l'aiuto di uno sbattitore elettrico, sbattete tutti gli ingredienti per circa 10-15 minuti. Vi dovrà risultare un composto soffice e spumoso che aumenterà sicuramente di volume di quasi il doppio. Togliete la ciotola da bagnomaria e, per facilitare il raffreddamento, incorporare delicatamente aria aiutandovi con un cucchiaio di legno e mescolando delicatamente dal basso verso l'alto lentamente. Fate fondere il burro e lasciate raffreddare. Incorporate alla crema di uova la farina setacciata, aggiungendola poco per volta e mescolando sempre con estrema delicatezza. Unite infine il burro fuso ormai raffreddato.
In una ciotola montate a neve ben ferma, con un pizzico di sale, i 4 albumi che avevate tenuto da parte. Aggiungeteli poi al vostro composto molto delicatamente. Imburrate ora la teglia e ricopritela con carta forno. Imburrate anch'essa e versate il composto livellandolo. Dovrete ottenere un'altezza omogenea di circa 1 cm. Non maneggiatelo a lungo altrimenti rischierete di smontare gli albumi. Infornate in forno preriscaldato a 220°C per circa 6-7 minuti.
Prendete un canovaccio pulito e inumiditelo leggermente con dell'acqua. Adagiatelo su un piano e, una volta sformata la pasta biscotto rovesciatela su di esso con delicatezza, in modo che vi risulti visibile la carta forno. Eliminate quest'ultima lentamente. Se l'operazione dovesse risultare difficoltosa potrete spennellare con dell'acqua fredda la carta forno fino a che non si staccherà dalla pasta. Una volta eliminata la carta forno potrete procedere ad arrotolare nel canovaccio la pasta biscotto. Ci vuole pazienza e fermezza e non lasciatevi scoraggiare. Questa operazione rende la pasta più elastica e facilmente lavorabile e permette alla pasta di non attaccarsi durante il raffreddamento. Fatela raffreddare in un luogo fresco.
Preparate ora la crema pasticcera. Fate sobbollire il latte, a cui avrete unito il caffè solubile, tenendo da parte mezzo bicchiere, in una casseruola con un baccello di vaniglia. Poi toglietelo dal fuoco e lasciate in infusione per circa 10 minuti. In una ciotola lavorate i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso e aiutandovi con uno sbattitore elettrico. Incorporate poi la farina setacciata e il mezzo bicchiere di latte che avete tenuto da parte. Togliete dal latte caldo la stecca di vaniglia. Incorporate al latte fatto precedentemente scaldare, il composto di uova, farina e zucchero, incoroporandolo poco per volta e continuando a mescolare con una frusta. Portate il tutto ad ebollizione e, continuando a mescolare, fate sobbollire per qualche minuto a fuoco dolce, fino a che il composto non si addensa. Sbattete con la frusta affinchè non si formino grumi. Spegnete e togliete dal fuoco, mescolando energicamente affinchè il composto risulti liscio. Lasciate raffreddare, mescolandola ogni tanto.
Andate a riprendere il rotolo di pasta biscotto, srotolatelo delicatamente sul piano e farcitelo con abbondante crema pasticcera, facendo attenzione a lasciare uno o due centimetri dal bordo. Arrotolatelo nuovamente, questa volta senza l'ausilio del canovaccio. Avvolgetelo nella carta forno e lasciatelo riposare in frigorifero per almeno un'ora.
Nel frattempo preparate la crema ganache che verrà utilizzata per la copertura. A fuoco basso, portate quasi ad ebollizione la panna con il burro. E' consigliabile utilizzare una retina spargifiamme. Prima che la panna inizi a bollire, togliete la pentola dal fuoco e aggiungete il cioccolato finemente tritato, mescolando con una frusta fino a ottenere un composto omogeneo. Fate raffreddare per qualche minuto. Mettete la pentola a bagno in un contenitore con ghiaccio e acqua fredda e, con l'aiuto di uno sbattitore elettrico montate il composto per una decina di minuti o fino a che non otterrete una crema densa e quasi solida. Se non dovete utilizzarla subito conservatela in un ambiente molto fresco o, meglio, nel frigorifero poichè è una crema che tende a liquefarsi grazie alla presenza del burro.
Quando il rotolo si sarà ben compattato, togliete la carta forno e adagiatelo su un piatto da portata. Tagliate trasversalmente le due estremità del rotolo e tenetele da parte. Ricoprite il rotolo con la crema ganache, tralasciando logicamente la parte inferiore del dolce. Fate poi aderire al rotolo le due estremità precedentemente tagliate, per conferirgli la classica forma del tronchetto e ricoprite anch'esse con la ganache. Con una forchetta praticate delle leggere righe sulla crema ganache, in maniera tale da ricreare l'effetto corteccia. Potete eventualmente guarnire il vostro trochetto con zucchero a velo o cocco per simulare l'effetto neve, o ancora decorarlo con funghetti di meringa, stelle di Natale o agrifoglio o qualsiasi altra cosa vi suggerisca la fantasia.

17 dicembre 2011

Mini cakes banana e miele

cucina 064

cucina 059

Spesso e volentieri capita che in questo freddo periodo arrivi malaugurato l'intrepido raffreddore. Come lo odio (specie quando a risentirne è il mio cucciolo). Da qui partono tutta una serie di rimedi della nonna, piccole accortezze, come una bella tazza di latte caldo, magari un po' aromatizzata o un bel tè caldo, magari uno speciale, di quelli alla cannella e zenzero che il solo profumo ci risveglia i sensi. Dal momento che, soprattutto in questi momenti, si sente disperatamente anche il bisogno di piccole e dolci coccole ecco un piccolo peccato di gola che fa proprio al caso di tutti. Si tratta in realtà di un "Tea Bread", ossia quelle profumatissime torte, perfette da gustare durante la pausa del tè pomeridiano. Generalmente vengono cotte in stampi da plumcake e la loro consistenza vagamente umida fa sì che sia perfette per essere tagliate a fette spesse. Niente di più confortante, soprattutto se a far da padroni ci sono due profumatissimi ingredienti quali il miele e la banana. Per l'occasione però ho deciso di proporvele in formato mini, quasi fosse un finger food, da servire alle cinque del nostro pomeriggio invernale.
Quasi dimenticavo.. i tempi di cottura ovviamente variano a seconda che decidiate di sfornare un solo grande tea bread alla banana e miele oppure delle mini cakes. Prestate anche particolare attenzione alla colorazione del dolce, posizionando, durante gli ultimi 15-20 minuti di cottura un foglio di carta forno sopra lo stampo, in maniera tale che non si colorisca troppo.  Vi segnalo inoltre che questa ricetta è più che perfetta per chi casualmente ha delle banane un po' troppo mature lì in cucina e ancora non è riuscito a decidere cosa farsene. Più sono mature, più profumato e morbido sarà la vostra torta. Per il miele lascio a voi la scelta, io ho optato per il classico millefiori, ancor meglio se un po' cristallizzato (almeno è garantita la naturalezza). Un tocco in più: un pizzico di noce moscata nell'impasto, per regalare ancora più profumo! Per 12 mini cake oppure 1 tea bread per circa 6 persone.


cucina 083

cucina 081

cucina 080

cucina 077

cucina 070

cucina 065

cucina 063

cucina 054

IMG_8585

Ingredienti:
225 gr di farina autolievitante
100 gr di burro a pezzetti
225 gr di banana (ovviamente calcolate il peso della polpa, senza buccia)
100 gr di zucchero 
1 arancia di piccole dimensioni non trattata
2 uova
6 cucchiai di miele dorato
Per la copertura:
2 cucchiai di miele
granella di zucchero

Preparazione
Preriscaldate il forno a 160°C. In una ciotola lavorate la farina e il burro, tagliato a pezzetti e non troppo morbido, fino a quando non otterrete un impasto sabbioso e il burro si sarà ben amalgamato. Schiacciate le banane ben mature con una forchetta, aggiungetele alla farina con le uova, il miele, lo zucchero e la buccia grattugiata di un'arancia. Mescolate bene il tutto fino a quando non otterrete un impasto liscio ed omogeneo. Distribuitelo quindi negli stampi per mini cake fino a riempirne i 2/3; se utilizzate quelli in silicone, non sarà necessario imburrarli e infarinarli, altrimenti ovviamente procedete diversamente. Livellatene la superficie e ponete in forno ben caldo per circa 45 minuti o fino a quando non supereranno la prova stuzzicadente. Esso dovrà fuoriuscire completamente asciutto dal dolce. Qualora decidiate di preparare un unico grande tea bread, imburrate e infarinate lo stampo, qualora non fosse di silicone, e cuocere per circa 1 ora e 15 minuti. Per entrambe le cotture, durante gli ultimi 15 minuti, o non appena vedrete il dolce scurirsi troppo, copritelo con un foglio di carta forno. Non appena sarà pronto, toglietelo dal forno, lasciatelo raffreddare qualche minuto, sformatelo e ponetelo su una griglia fino a quando non sarà completamente freddo. Per la copertura: fate scaldare in un pentolino, a fuoco molto basso, qualche cucchiaio di miele fino a quando non sarà più liquido. Distribuitelo quindi sulle mini cakes e spolverizzate con granella di zucchero.

15 dicembre 2011

Truffles allo Strega e cioccolato fondente

cucina 046

cucina 051

Questi tartufi al cioccolato sono un dono particolare, appositamente studiato. Avevo già accennato al fatto che quest'anno proporrò solo regali rigorosamente "fatti in casa" in maniera tale da riuscire a personalizzarli il più possibile. In ogni caso, se avete anche voi un'amica molto "fashion" non potete rinunciare a questi piccoli peccati di gola.
E' risaputo quanto io impazzisca per il cioccolato, senza di esso mai e poi mai potrei vivere un solo giorno, non potevo quindi non preparare qualcosa a base di esso in tutta questa super produzione di regalini golosi, vi pare? La scelta è caduta sui truffles, o tartufi al cioccolato, molto semplici e decisamente super golosi. Però volevo qualcosa di assolutamente particolare da abbinare al gusto intenso e amaro del cioccolato fondente. Ecco qui allora che salta fuori la mia fidata bottiglia di liquore Strega, tenuta rigorosamente sotto chiave e custodita con estrema gelosia perchè dovevo assolutamente prepararci un super dolce!! Il colore mi ha letteralmente "stregato" e il gusto è qualcosa di perfetto per i dolci. Via parto con le prove per poi approvare il gusto al primissimo tentativo. Niente di più godurioso! Divini, magici, stregati!! Li adoro e so alla perfezione che si innamorerà anche chi li troverà sotto l'albero. Perdonate il "pink total look", ma mi sono fatta prendere un po' la mano con le decorazioni e lo splendido color oro del liquore Strega mi ha portato ad una eccitante combinazioni di colori, oltre che di gusti e profumi. Queste sono le quantità per circa 20 truffles, ma potete tranquillamente raddoppiare o triplicare le dosi!!

A chi regalarli: a chi ama il cioccolato in ogni sua forma; a chi adora i cioccolatini con una certa corposità e cremosità; a chi farebbe follie per un piacere divino che si scioglie letteralmente in bocca; a chi ricerca quel pizzico di brio in più in un cioccolatino; a chi ama i sapori lievemente liquorosi; a chi si concede un piccolo piacere dopo il caffè; a chi non sa resistere al profumo intenso del liquore Strega.

Colgo l'occasione anche per segnalarvi una splendida iniziativa promossa da Donna Moderna. Si tratta di "Basta il pensiero", un app facebook attraverso la quale quest'anno a Natale si potranno fare dei regali virtuali ai propri amici, avviando una catena di solidarietà. Ogni 5 regali scartati, Donnamoderna.com donerà infatti 1 euro alla Fondazione IEO (Fondazione Istituto Europeo di Oncologia), contribuendo in particolare alla ricerca contro il tumore al seno. Qui troverai maggiori informazioni, immagini, link e un Twibbon dedicato all’iniziativa per personalizzare il tuo avatar di Facebook e Twitter.  L’hashtag da utilizzare su Twitter è #bastailpensiero.


cucina 050

cucina 049

cucina 045

cucina 043

cucina 041

cucina 040

cucina 037

cucina 035

cucina 034

cucina 028

cucina 027

cucina 025

Ingredienti:
200 gr di cioccolato fondente
100 gr di burro morbido freschissimo
50 ml di liquore Strega
cacao zuccherato in polvere
2 cucchiaini di zucchero semolato

Preparazione
Fate fondere a bagnomaria il cioccolato fondente, mescolando di tanto in tanto e lasciatelo poi raffreddare a temperatura ambiente. Nel frattempo sbattete energicamente il burro morbido con il liquore Strega fino a ottenere una crema. Aggiungete anche un paio di cucchiaini di zucchero, soprattutto nel caso in cui il liquore facesse fatica ad amalgamarsi. Unite quindi il burro a pomata e il cioccolato fuso, mescolato attentamente fino a quando i sue composti non si saranno perfettamente amalgamati. Lasciare riposare per qualche minuto e non appena sarà tutto ben freddo, ponete a riposare in frigorifero per almeno un paio di ore (meglio ancora tutta la notte). Passiamo ora alla preparazione dei truffes. In una ciotola ponete il cacao il polvere ben setacciato, per evitare grumi, e lavatevi accuratamente le mani con acqua molto fredda in modo da facilitare la preparazione dei tartufi. Prelevate con un cucchiaino un po' di impasto e formate velocemente una pallina passandola tra le mani. Fatela quindi rotolare nella ciotolina con il cacao e ponetela su un vassoio ricoperto con carta forno. Procedete con queste operazioni fino a quando non avrete terminato il composto, lavandovi spesso le mani con acqua ben fredda. Passate nuovamente i truffes nel cacao e poneteli quindi in frigorifero per altre 2 ore o fino al momento di confezionarli. E' consigliabile comunque conservarli in frigorifero per preservarne la freschezza.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...