31 marzo 2012

Vellutata tiepida con sedano, coriandolo e mandorle

IMG_0966

IMG_0951

Eccomi qui, alle prese con il secondo mal di gola/raffreddore nel giro di quindici giorni. Mi sembrava strano non essermi presa nulla per tutto l'inverno e così non appena appaiono i primi brillanti segni di una insolitamente calda primavera, io puntualmente mi ammalo. Oggi quindi si va di zuppa, magari non proprio bollente, viste le temperature decisamente alte! Perchè alla fine questa super vellutata cremosissima è perfetta anche appena appena tiepida, senza voler strafare. Gli ingredienti sono semplicissimi, la realizzazione velocissima e il gusto, se possibile, ancora più formidabile! Adoro gli aromi che si sprigionano durante la cottura e il sedano è altamente profumato e lascia quel suo inconfondibile sapore deciso alla vellutata. Per arricchirla ho lasciato spazio all'immaginazione e, curiosando un po' nella mia personalissima scorta di spezie, mi sono lasciata incantare dal coriandolo, in polvere ed essiccato. Se volete una zuppa ancora più gustosa e profumata però provate con quello fresco. Vedrete, è una cannonata! Le mandorle a lamelle sono opzionali, giusto per dare quel tocco in più di croccantezza e lasciare un retrogusto un po' più delicato e dolciastro. Nonostante il sedano non piaccia a tutti, numerosissime sono le sue qualità: ricco di potassio e vitamina C, ma anche di magnesio ha proprietà depurative e disintossicanti. In più le calorie sono ridotte al minimo, un motivo in più per consumarlo, specie se si è fase "operazione bikini". Con queste quantità otterrete 3/4 porzioni.

IMG_0980

IMG_0968

IMG_0976

IMG_0964

IMG_0967

IMG_0979

Ingredienti:
2 patate medie
1/2 cipolla
2/3 coste di sedano
600 ml di brodo vegetale
2 cucchiaini di coriandolo in polvere
sale q.b.
lamelle di mandorle per decorare
olio extravergine di oliva

Preparazione
Pulite attentamente il sedano, tagliatelo finemente e fatelo soffriggere con poco olio insieme alla cipolla, anch'essa tritata. Fate soffriggere a fuoco medio-basso per almeno 4 minuti. Nel frattempo scaldate il brodo vegetale che avrete preparato in anticipo. Pelate le patate, dopo averle ben pulite, tagliatele a cubetti molto piccoli in modo da ridurre al minimo i tempi di cottura.
Unite il brodo ben caldo al soffritto di sedano e cipolla, aggiungete le patate e fate sobbollire per circa 30 minuti. Sarà pronto non appena le patate risulteranno ben morbide. Tritate finemente il coriandolo (ben lavato) qualora decidiate di utilizzare quello fresco ed unitelo alla preparazione solo negli ultimi minuti. Altrimenti aggiungete quello in polvere.
Frullate il tutto con l'aiuto di un mixer. Completate con un cucchiaio di olio extravergine e qualche lamella di mandorle. Servite tiepida.

30 marzo 2012

Millefoglie al cioccolato con alchechengi

IMG_0937

IMG_0924

L'idea di utilizzare gli alchechengi per la realizzazione di un dolce molto cioccolatoso, mi ballonzola in testa da diversi mesi. Eppure ho dovuto aspettare il termine della stagione invernale e l'arrivo meraviglioso ed imminente della primavera per pubblicare questa ricetta. Non chiedetemi il motivo.. sappiate solo che aspettavo il tempo, l'ispirazione e qualche attimo libero da dedicare ad un dolce un po' diverso da quelli creati ultimamente. L'occasione finalmente si è presentata quando ho dovuto correre di fretta e furia per preparare un dessert da sottoporre all'attenzione dei miei inattesi ospiti una sera di questa settimana!! Fortuna che in casa mia non manca mai una cospicua scorta di cioccolato fondente e qualche frutto! Guarda caso poi ho avuto l'impareggiabile fortuna di avere tra le mani un cestino ricco ricco di questi straordinari frutti che sono gli alchechengi! Li avete mai provati? Per me era la prima volta e ne sono rimasta piacevolmente sorpresa. Attendevo con ansia il giusto momento in cui li avrei assaporati, ma soprattutto puntavo al perfetto ed esaltante abbinamento con il cioccolato!
So che la composizione di questa millefoglie non è propriamente adatta alla primavera, ma io non appartengo alla schiera di persone che con la bella stagione abbandona il tanto amato cioccolato, nè tantomeno i dolci ricchi e cremosi! Sappiatelo e preparatevi perchè vedrete ancora molti altri dolci ipercalorici nei prossimi mesi. Le diete non sono il mio forte sappiatelo!!
Per l'occasione, e visti i tempi ristretti, mi sono affidata ad una pasta sfoglia già pronta, perfetta per preparare una semplice e croccante millefoglie in tutta velocità. Inutile dirvi che mi sono affidata a Matilde Vicenzi, perchè è veramente una sorta di garanzia in casi come questi! Nonostante la confezione comprenda tre strati di sfoglia croccante e zuccherosa è perfetta per essere tagliata (a strisce o a quadri più piccoli, come nel mio caso) mantenendo alla perfezione la forma! Inoltre mantiene tutta la croccantezza che cercavo in un dolce come questo.
Nel caso in cui non abbiate la possibilità di utilizzare questo prodotto potete optare per una semplice sfoglia già pronta, oppure prepararla direttamente voi (ovviamente tempistica permettendo!). L'importante sarà spolverizzare con cura di zucchero semolato come segnalato nella ricetta! Quantità per 6 persone.

IMG_0929

IMG_0931

IMG_0943

IMG_0946

IMG_0933

IMG_0938

IMG_0906

Ingredienti:
400 gr di pasta sfoglia (oppure sfoglia Matilde Vicenzi)
200 gr di cioccolato fondente
80 ml di panna da cucina
30 gr di burro
20 alchechengi
zucchero semolato

Preparazione
Se non utilizzate la sfoglia Vicenzi, stendetela su un piano lievemente infarinato ad uno spessore di 2 o 3 cm. Ricavate circa 18 rettangoli più o meno della stessa dimensione e cospargeteli con zucchero semolato. Fate quindi cuocere su una teglia foderata con carta forno per circa 10 minuti a 190°C. Togliete brevemente dal forno, rispolverizzate con ulteriore zucchero e ponete nuovamente a cuocere per altri 10 minuti circa, o fino a quando non sarà ben dorata. Lasciate raffreddare completamente. Nel frattempo preparate la ganache al cioccolato. Fate fondere a bagnomaria il cioccolato fondente, unite il burro e mescolate velocemente. Aggiungete quindi la panna tiepida e sbattete velocemente fino ad ottenere una crema liscia, corposa ed omogenea.
Tagliate a pezzi non troppo piccoli gli alchechengi, avendo cura di eliminare le foglie ed il punto di innesto del peduncolo. Tenete da parte 6 alchechengi con le foglie che verranno utilizzati a puro scopo decorativo!
Posizionate il primo strato di sfoglia, versate un paio di cucchiai di ganache al cioccolato fondente e qualche pezzo di alchechengi, sovrapponete quindi un ulteriore strato di sfoglia. Proseguite così per 3 o 4 strati terminando con una sfoglia su cui andrete a versare un solo cucchiaio di ganache con qualche pezzetto di alchechengi e un frutto intero, aperto, corredato dalla sua foglia ben aperta che vi servirà come decorazione.
Gli alchechengi, una volta eliminata la foglia si conservano per un paio di giorni in frigorifero, ben coperti.

28 marzo 2012

...Everybody needs an App to love - #2 Food App

App to love

Pensavate che mi fossi dimenticata della rubrica dedicata al fantastico mondo apple? Neanche per sogno! Nonostante nel mese di febbraio la cosa sia scivolata via, eccomi che a fine Marzo proprio non posso rinunciare a segnalarvi le ultime App provate appositamente per darvi nuovi spunti ed idee interessanti. Eccomi quindi, con il capo cosparso di cenere, per la dimenticanza dello scorso mese, a proporvi ben 3 App(licazioni) diverse tra loro, ma tutte ugualmente fantastiche.

Non so voi, ma io senza la mia Moleskine non esco di casa. Questo almeno prima di possedere la App dedicata! Così adesso, oltre alla versione cartacea, ricca di ricette e schizzi di progetti di torte e dolcetti vari, ecco che mi ritrovo a salvare foto, testi e info da trasferire su questa versione virtuale della tanto amata Moleskine! Ci potete fare di tutto, salvare link, foto, trascrivere idee e ricette, suddividerle per categorie e applicare, sempre virtualmente, i coloratissimi stickers. Insomma non vi perderete proprio nulla, soprattutto in quei momenti in cui non è sempre possibile avere a portata di mano carta e penna! Nonostante io non riesca ancora a rinunciare alla tanto amata Moleskine reale, devo ammettere che sempre più spesso mi ritrovo a salvare le mille idee che mi passano per la testa. Comodissima anche per salvare al volo ricette tratte dalle varie App di cucina così da poterle avere sempre a portata di mano senza aprire necessariamente 10 App diverse (è capitato credetemi... soprattutto quando non ricordo esattamente dove avevo visto quella o questa ricetta!!).

mzl.ovltpenx.320x480-75 mzl.eprpgjfl.320x480-75
mzl.ccrvhxyu.320x480-75 mzl.lcogghyg.320x480-75

Non è proprio quel che si definisce un'applicazione economica però, credetemi, ne vale la pena. Le foto, le ricette, tutte le informazioni contenute scatenano l'insana voglia di cucinare e creare piccole deliziose meraviglie in chiunque! Più che una App è un vero e proprio libro di pasticceria, ricchissimo, dalle preparazioni più semplici e tradizionali a quelle un pochino più complesse. Ogni ricetta è corredata da foto e piccoli e importanti consigli. Tutto è spiegato in maniera efficiente ed esaustiva ed esiste anche la possibilità di commentare in una sorta di community per confrontarsi su trucchi e risultati ottenuti. La grafica è accattivante, il "libro virtuale" si sfoglia con un piacere inimmaginabile! Ovviamente l'unico punto debole sta nella lingua. A quanto pare questa App non è disponibile in italiano e vi dovrete accontentare di rispolverare un po' il vostro francese (ma informatevi perchè credo esista anche una versione in inglese e una in spagnolo!). Certo il prezzo fa ben riflettere prima dell'acquisto.. credetemi io ero seriamente combattuta .. poi la voglia di patisserie francese ha avuto il sopravvento!!

mzl.igpdkwwe.320x480-75 mzl.nluritgi.320x480-75
mzl.zkyslvuk.320x480-75 mzl.tetiwgre.320x480-75

Una delle mie preferite. In assoluto. Mai e poi mai potrei stancarmi di guardarla, leggerla, sfogliarla, curiosare tra le sue mille ricette e prenderne appunti e spunti come se non ci fosse un domani! Quando la mia voglia di cucinare latita, basta un'occhiata veloce a questa App e subito torna il sorriso e la voglia di provare, sperimentare e mettersi alla prova! Le ricette sono corredate da fotografie eccezionali, di una perfezione semplice e grandiosa al tempo stesso. Così come le ricette, facili, veloci e intuitive su cui non si può cadere in errore! Inoltre esiste anche una versione di prova, la cosiddetta versione Lite, gratuita, per avere un piccolo assaggio di tutto il pazzesco ed entusiasmante mondo che si cela dietro una delle App più amate e tratta da una rivista francese di notevole pregio! Io la adoro, giuro, non potrei farne a meno! In francese.

mzl.anbqzloc.320x480-75 mzl.vziauosj.320x480-75
mzl.smqklghk.320x480-75 mzl.bsnkonik.320x480-75

27 marzo 2012

Trancetti al tè Matcha glassati per Pasqua

IMG_0624

IMG_0610

Nonostante io sia una folle ed indiscussa amante del tè in generale e di tutto ciò che ne consegue, purtroppo non nutro un'insana adorazione per il Matcha. Sarà che ha un profumo troppo forte, sarà per via della sua ricchezza, lascio spesso dolci e bevande a base di questa magica miscela direttamente a chi la sa apprezzare. Questo ovviamente non è un valido motivo per snobbarlo e, quindi, capita anche a me di cimentarmi in ricette che prevedono questo magico e coloratissimo tè. Devo ammettere però che, utilizzato per la creazione di dolci, fa sempre la sua bella figura e riesce persino a piacermi quel tanto che basta per divorarmi uno o due trancetti! Dal momento che ho utilizzato una teglia un po' troppo fuori misura (se ne scovate una quadrata 20x20cm avrete tutta la mia ammirazione!), i suddetti tranci mi sono venuto un po' "bassetti"... ma non facciamoci troppo caso! Perchè, per non mettere in risalto il difettuccio, mi sono inventata questo trucco stratosferico della decorazione in tema decisamente Pasquale o primaverile. Non sono carinissimi?! Io li ho adorati fin dal primo istante. L'idea in realtà non è tutta farina del mio sacco. Qualche tempo fa infatti mi era capitata tra le mani una vecchia rivista francese, in cui proponevano appunto una torta al Matcha glassata. Mettere solo la glassa però mi pareva giusto un po' triste... quindi ho mobilitato la mamma per la super produzione di fiori, fiorellini, foglie e simili in pdz. E' lei, in famiglia, quella che ha la passione per questo genere di decorazione e che prepara rigorosamente la sua pdz "home-made", quindi ne ho approfittato abbondantemente! Fatto sta che mi sono ritrovata con miriadi di fiorellini colorati, tanto che non sapevo quali scegliere! Inutile farvi notare che sono rimasta sui soliti intriganti colori che ho avuto il piacere di usare per tutto questo mese! Insomma se volete preparare qualcosa di veloce, semplice, profumatissimo e che, ovviamente, non può non ricordarvi che la primavera sta praticamente esplodendo intorno a noi... ecco i trancetti che fanno per voi!!
Come vi dicevo, se li desiderate un filo più soffici e alti, utilizzate una teglia quadrata 20x 20cm o al massimo 22x22cm (io ne possiedo solo una da 27cm, ma rimedierò!!) ed eventualmente potete anche aggiungere un cucchiaino di lievito per dolci. Io ho volutamente omesso questo particolare!

IMG_0627

IMG_0618

IMG_0626

IMG_0617

IMG_0620

IMG_0613

IMG_0611

IMG_0609

IMG_0600

IMG_0599

Ingredienti:
4 uova
65 gr di fecola
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di lievito (facoltativo)
125 gr di zucchero semolato
2 cucchiaini di tè verde Matcha
80 gr di burro
Per la glassa:
100 gr di zucchero a velo
1 cucchiaio di acqua
colorante rosa
1 o 2 cucchiai di polvere di meringa (facoltativo)
fiori, foglie e decorazioni in pasta di zucchero

Preparazione
Accendi il forno a 150°C. In una ciotola sbatti i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso e chiaro. Fai fondere il burro nel frattempo e lascialo raffreddare completamente. Aggiungi al composto di uova e zucchero la fecola e il tè Matcha. Mescola bene fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. A questo punto unisci il burro fuso, sempre mescolando. Monta a neve gli albumi con un pizzico di sale. Non appena saranno ben fermi unisci il tutto in due volte all'impasto, incorporandoli alla perfezione con l'aiuto di una spatola e avendo molta cura e delicatezza per far sì che non smontino! Se preferisci una torta più soffice aggiungi un cucchiaino di lievito per dolci. 
Imburra e infarina leggermente uno stampo rettangolare di circa 20x20cm. Versa l'impasto, livellandolo e inforna per circa 35 minuti controllando la cottura con uno stuzzicadenti.
Lascia raffreddare e togli dallo stampo ponendo a riposare su una griglia. Nel frattempo prepara la glassa. Ti basterà mescolare lo zucchero a velo con un cucchiaio di acqua. Aggiungi lentamente il colorante fino ad ottenere la tonalità desiderata. Dovrai ottenere una glassa liscia ed omogenea. Se la desideri più consistente puoi aggiungere qualche cucchiaio di polvere di meringa, ma è assolutamente facoltativo. Con una sacca da pasticcere, un cucchiaio o una spatola decora il trancetto. Aggiungi a piacere decorazioni in pasta di zucchero per completare l'effetto "prato fiorito"!


23 marzo 2012

Chocolate whoopie pies a forma di coniglietto.. per Pasqua!

IMG_0560

IMG_0535

Nuovo post e nuovo appuntamento con i miei piccoli esperimenti per Pasqua. Innanzitutto premetto che sono le mie primissime whoopie pies, perciò abbiate pietà se non sono esattamente ed esteticamente favolose! Eppure non ho saputo resistere alla tentazione di usare quella simpatica teglia con i coniglietti, comprata ormai ben 3 anni fa! Ricordo che avevo forse aperto il blog da qualche mese quando mi era balenata in mente l'idea di acquistarla. Quei coniglietti erano così graziosi e io ancora ero ignara del potere squisitamente dolce delle whoopie pies! Ma soprattutto mi sono chiesta per qualche tempo a cosa potesse servire quella teglia. Le forme di coniglietto non erano troppo profonde e per delle normali torte non andavano assolutamente bene! Poi, tutto ad un tratto, curiosando tra i vari siti d'oltreoceano mi sono accorta di questi piccoli bocconi di torta, anche se chiamarli così è limitativo. Le whoopie pies sono qualcosa di più! A quanto pare in America stanno letteralmente spopolando, tanto da arrivare a offuscare la celebre fama dei cupcakes! Noi potremmo definirli quasi dei sandwich di torta in formato mini. Non so se rendo abbastanza chiaramente l'idea, ma credetemi sono veramente stupefacenti in quanto a gusto e consistenza!
La loro origine è alquanto interessante. Provengono infatti dalla tradizione Amish. Si narra che le donne Amish li preparassero per i loro mariti come dessert, da mettere prontamente nelle loro "lunch box". Non appena i mariti videro questi straordinari dolcetti esclamarono entusiasti: "whoopie!!". Questa l'origine bizzarra e simpatica del nome!
Quella che vi propongo oggi è una piccola rivisitazione di una delle ricette originali provenienti da "The Hummingbird Bakery". Solitamente vengono farciti con una crema tipicamente americana, molto morbida e dolce a base di un composto chiamato "Marshmallow Fluff". Personalmente ho preferito affidarmi al mio fidatissimo frosting al philadelphia che non delude mai e non è troppo dolce. Abbinato a queste whoopie squisitamente "cioccolatose" creavano un mix incredibile! Se non avete a disposizione una teglia per whoopie pies... niente paura!! Foderate con carta forno una normale teglia e prelevate il composto con un cucchiaio (perfetti i cucchiai porzionatori da gelato, meglio se non troppo grande). Adagiate quindi sulla teglia mantenendo le palline di impasto ben distanti l'una dall'altra. Con queste quantità otterrete circa 16-20 whoopie pies.

IMG_0555

IMG_0552

IMG_0559

IMG_0554

IMG_0557

IMG_0550

IMG_0547

IMG_0541

Ingredienti:
1 uovo grande
150 gr di zucchero di canna Bronsugar Guadaloupe
125 gr di yogurt intero
25 ml di latte intero
1/4 cucchiaio di essenza di vaniglia
75 gr di burro fuso
200 gr di farina 00
80 gr di cacao amaro Van Houten
3/4 cucchiaino di bicarbonato di sodio
1/4 cucchiaino di lievito per dolci
Per il frosting colorato al philadelphia:
80 gr di formaggio Philadelphia
150 gr di burro morbido
160 gr circa di zucchero a velo
latte (se necessario)
coloranti alimentari

Preparazione
Fate sciogliere il burro e lasciate raffreddare completamente. In una ciotola sbattete energicamente lo zucchero con le uova fino ad ottenere un composto spumoso. A parte mescolate yogurt, latte ed essenza di vaniglia, aggiungete quindi il tutto alle uova e mescolate. Unite il burro fuso e sbattete ancora per pochi minuti.
Setacciate in una ciotola la farina, il cacao, il lievito e il bicarbonato e aggiungete al resto degli ingredienti, in due tempi, mescolando bene dopo ogni aggiunta affinchè il composto risulti liscio e ben omogeneo. Ponete quindi a riposare in frigorifero per almeno 20-30 minuti. Nel frattempo preriscaldate il forno a 170°C. Se utilizzate una teglia preparata appositamente per whoopie pies non avrete bisogno di foderare con carta forno, altrimenti seguite le istruzioni qui sopra! Vi basteranno delle semplici teglie, carta forno e un cucchiaio porzionatore per gelato per avere le vostre whoopie pies!
Trascorso il tempo di riposo, prelevate un po' di impasto con un cucchiaio e ponetelo nello stampo facendolo aderire alla forma (in questo caso di coniglietto!).
Ponete quindi in forno ben caldo per un periodo di tempo che varia, a seconda delle dimensioni delle whoopie pies, dai 10 ai 13 minuti. Controllate il grado di cottura con uno stuzzicadenti già dopo i primi 8 minuti. Lasciate quindi raffreddare e ponetele poi su una griglia.
Nel frattempo procedete con la preparazione del frosting al philadelphia.
Sbattete energicamente il burro fino ad ottenere una crema soffice e spumosa. Unite lo zucchero a velo e, quando sarà ben incorporato, aggiungete il philadelphia (meglio utilizzare quello in panetto singolo, è perfetto per preparare il frosting!). Se il frosting dovesse risultare troppo duro aggiungete un cucchiaio di latte, o viceversa, se dovesse essere troppo morbido, unisci al composto ulteriore zucchero a velo fino a raggiungere la consistenza desiderata. Dividi quindi il frosting in diverse ciotoline e aggiungi piccole quantità di colorante alimentare fino ad ottenere i colori desiderati per la decorazione. Riempite quindi una sacca da pasticcere con una bocchetta a stella e riempite metà delle vostre whoopie pies (potete anche utilizzare una spatola o un cucchiaio, ma con la sacca tutto sarà più veloce e preciso!). Appaiatele e premete leggermente e con delicatezza. Conservatele al fresco, meglio se in frigorifero, qualora non decidiate di consumarle subito.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...