29 novembre 2012

Mandarini al cioccolato con granella di pistacchi


IMG_3946

IMG_3979

Sono due giorni che tento di scrivere (o riscrivere) questo post. E' una settimana di fuoco e sono a dir poco distrutta! Perciò oggi vi regalo una ricetta velocissima. Non so voi ma il mese che precede il Natale è sempre costellato di impegni e imprevisti!
Quelli che vi propongo oggi sono il "regalo goloso" più veloce e semplice del mondo, lo so, ma fanno sempre la loro figura. Spesso il periodo che precede il Natale è sinonimo di visite e cene a parenti e amici con conseguente fatidica domanda "cosa porto?". E qui scatta l'operazione regalino "home made" che tanto mi ha preso a cuore durante questi anni di blog. Sì, perchè tutto è più bello e delizioso se preparato con le nostre mani e anche il più semplice dei regali di Natale diventa qualcosa di irresistibile e meravigliosamente pieno di amore!
Potete tranquillamente prepararli la sera prima del grande evento, ma il mio consiglio è di non conservarli per più di un giorno trattandosi di frutta fresca. Vi basterà qualche mandarino, del buon cioccolato fondente e una buona manciata di pistacchi non salati, et voilà, il gioco è fatto! Se poi recuperate anche qualche graziosa scatolina il tutto sarà ancora più scenografico! Siete pronti? Sono certa che al prossimo invito farete un figurone con questo dolcetto... perfetto per il dopo cena!

IMG_3973

IMG_3972

IMG_3992

IMG_3957

IMG_3962

IMG_3951

Ingredienti:
Clementine o mandarini
Cioccolato fondente
Pistacchi tostati non salati

Preparazione
Iniziate tuffando i pistacchi non salati in acqua bollente per qualche minuto affinchè il colore verde si intensifichi. Toglieteli con una schiumarola e poneteli su un canovaccio pulito. Sfregateli ed eliminate la pellicina. Tritateli finemente e teneteli da parte.
Sbucciate i mandarini e ricavate gli spicchi. Fate sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente. Tuffateci quindi i mandarini sono per metà, passateli nella granella di pistacchio e poneteli ad asciugare su un foglio di carta forno per almeno un paio di ore. Io solitamente li preparo con tranquillità la sera prima e li lascio riposare in un posto fresco per l'intera notte affinchè il cioccolato si solidifichi completamente.

27 novembre 2012

Pepparkakor, biscotti svedesi speziati

IMG_3716

IMG_3714

Sono sicurissima che molti di voi avranno già adocchiato questi biscotti speziati a forma di fiore all'Ikea. Impossibile non notarli e non averli mai assaggiati! Eppure mai ricetta è stata così semplice e così perfettamente adatta al Natale! Perchè diciamocelo, ormai il conto alla rovescia è ufficialmente iniziato e, dopo aver speso la bellezza di 4 euro per una sola pallina di Natale, troppo bella per essere lasciata lì, posso anche io iniziare puntualmente con la mia super produzione di biscotti ed entrare ufficialmente in modalità natalizia! Come avrete capito già non vedo l'ora di tirar fuori albero e lucine. Il marito mi sta frenando un po' terrorizzato dall'idea che la piccola peste mi possa distruggere mezza casa per arrivare ad acchiappare le varie decorazioni natalizie! E' arrivato addirittura a propormi di non fare l'albero quest'anno, ma io non demordo. Non c'è motivazione che tenga, la preparazione dell'albero è il segno effettivo che il Natale si avvicina sempre più e io non voglio proprio rinunciarci... e poi sono convinta che per Ludovico sarà una gioia immensa vederlo troneggiare in un angolo della sala, ricoperto di luci, nastri e, perchè no, biscotti!
Questi, ad esempio, non mancheranno, insieme ad omini di pan di zenzero e altri gingerbread. C'è un libro che è una fonte inesauribile di idee per quanto riguarda la fase di "produzione di biscotti" natalizia e io, quest'anno, non posso fare a meno di provarne un gran numero di ricette! Mi ero fatta regalare il suo meraviglioso libro, completo di scatola dei biscotti, con tutte le formine necessarie. Credo che le ricette di Babs siano sempre una garanzia e questo libro è perfetto anche come originalissimo regalo di Natale! Oggi vi propongo la sua versione dei Pepparkakor, profumatissimi ed intriganti. La ricetta è perfetta, facile e soprattutto super buona! Provare per credere, ve la lascio, senza modifiche, per convincervi ulteriormente all'acquisto del suo meraviglioso libro!

IMG_3715

IMG_3736

IMG_3749

IMG_3759

IMG_3737

IMG_3744

Ingredienti:
270 gr di farina 00
90 gr di burro
70 gr di miele (millefiori o acacia)
90 gr di zucchero di canna BronSugar Muscovado
1 cucchiaio di cannella in polvere
1 cucchiaio di zenzero in polvere
1/2 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
1 cucchiaino di lievito per dolci
90 gr di acqua

Preparazione
In una pentola portate ad ebollizione l'acqua, il miele, lo zucchero e le spezie, mescolando spesso. Togliete dal fuoco e unite il burro, tagliato a pezzetti e mescolate fino a quando non si sarà completamente sciolto.
In una ciotola unite farina e lievito. Uniteli quindi al miele ancora caldo e mescolate energicamente fino ad ottenere un impasto omogeneo e dalla consistenza molto morbida. Ponetelo in una ciotola, copritelo con della pellicola trasparente e fate riposare in frigorifero per una notte affinchè si solidifichi e sia così facilmente lavorabile.
Preriscaldate il forno a 170°C. Togliete l'impasto dal frigo e prelevate piccole parti di impasto che andrete a stendere, con uno spessore di circa 2 mm, su un piano infarinato. Ritagliate con un tagliabiscotti a forma di fiore i pepparkakor e disponeteli su una teglia foderata con carta forno. Cuocete per circa 10 minuti e fate poi raffreddare su una griglia. Si conservano alla perfezione per diversi giorni in una scatola di latta.

Ricetta tratta da:
Biscotti di Natale
di Barbara Torresan

25 novembre 2012

GranPanzerotti di patate con ragù di porcini

IMG_3649

IMG_3652

La follia e la frenesia pre natalizia di questi giorni mi ha portato ad una insana e terrificante decisione: quest'anno mi occuperò personalmente di tutto il pranzo di Natale! E qui scatta anche un po' di panico, insieme alla smania di trovare le giuste ricette, i giusti abbinamenti, i prodotti più adatti e la terribile circostanza di dover accontentare un po' i gusti di tutti! Manca ufficialmente un mese al grande giorno e io sono già alla ricerca del menù perfetto. Quello che rende felice e soddisfatto ogni commensale e, credetemi sulla parola, nella mia famiglia questa faccenda rasenta l'impossibile! Ecco perchè l'arduo compito della stesura e preparazione dell'idilliaco pranzo di Natale solitamente spetta a mia mamma!
Attenta ai gusti e alle esigenze di tutti sforna e impiatta qualcosa come 20 portate diverse tutti gli anni, nonostante fossimo sostanzialmente in 8. Perchè c'è chi non gradisce il risotto, chi, ogni santo anno, richiede espressamente l'anatra all'arancia, chi proprio non può fare a meno di almeno un piatto a base di pesce, meglio poi se si tratta di crostacei. Insomma non so esattamente cosa l'abbia spinta a questa tendenza masochista anno dopo anno. Forse è stata più una questione di obbligo morale, fatto sta che dopo tutto questo tempo noto un certo "terrore" sul suo volto non appena si accenna al grande evento e al relativo pranzo!
Per qualche strana ragione, quest'anno, mi sono fatta avanti. Con il mio ultimo acquisto tra le mani, un libro vintage completamente dedicato al Natale, ho preso l'iniziativa convinta che il mio compito non sarà poi così complesso. Sento già in cuor mio che sono nel torto e che dovrei seriamente preoccuparmi, ma continuo imperterrita a sfogliare libri e riviste alla ricerca del giusto menù! Nel frattempo credo che uno degli ultimi piatti preparati per "Lo Scoiattolo" possa essere utile allo scopo. Un piatto semplice e ricco di gusto con un profumo che non può non attirare consensi, ne sono certa! La ricetta la trovate anche qui, ma per comodità ve la riporto pari pari con qualche breve scatto!

IMG_3656

IMG_3650

IMG_3647

IMG_3644

Ingredienti:
250 gr di GranPanzerotti con patate, rosmarino e parmigiano "Lo Scoiattolo"
300 gr di funghi porcini
200 gr di pomodorini datterini
1 spicchio di aglio
olio extravergine di oliva
prezzemolo
sale
pepe bianco

Preparazione
Pulite molto bene i funghi, asciugateli e tagliateli quindi a dadini. Lavate e tagliate i pomodorini a metà. In una padella fate scaldare un filo di olio extravergine di oliva con uno spicchio di aglio. Aggiungere a piacere pochissimo peperoncino tritato. Fatevi quindi saltare i funghi e i datterini per 3/5 minuti, mescolando di tanto in tanto. Aggiustate di sale e pepe. Unire abbondante prezzemolo tritato. Fate cuocere i ravioli in abbondante acqua salata e uniteli al condimento facendo saltare il tutto in padella per pochi minuti affinchè si insaporiscano.

22 novembre 2012

Tortine Sablé alla confettura

IMG_3789

IMG_3803

I libri di cucina che possiedo trasbordano sempre, senza eccezioni, di post it, foglietti e annotazioni. Non c'è un solo volume che non abbia subito questo trattamento! E poi c'è quel piccolo libro scritto in francese e acquistato per pochi euro che ormai da diversi anni non riesco mai a smettere di sfogliare e ammirare. 200 pagine di ricette con almeno una variante per ogni ricetta base. Una vera e propria fonte di idee ed è, credo, il libro con maggior numero di post it. Quello che merita di essere scopiazzato pagina dopo pagina. Adoro i libri editi da Marabout che, anche se in francese (lingua che tra l'altro adoro!), riescono sempre a stuzzicare la mia fantasia culinaria!
Una delle prime ricette che avevo adocchiato era sicuramente quella di un delizioso e stupefacente biscotto sablè. Già delle foto mi ero innamorata di quei cerchietti preparati con una sacca da pasticcere che si arrampicavano strato dopo strato fino a creare un biscotto alto e perfetto per contenere una buona e generosa cucchiaiata di confettura. Quello di cui non avevo tenuto conto era però la mia distrazione degli ultimi giorni. Un piccolo errore, quel cucchiaino in più di lievito mi è stato fatale e i biscotti sono diventati una sorta di tortina, sempre stupende e magnificamente buonissime! Così sono nate le tortine sablè, mi piace ribattezzarle così! Ad ogni modo credo che un buon compromesso tra le due quantità di lievito, quello utilizzato e quello segnalato, sia necessario. Quindi le dosi che trovate di seguito sono la giusta via di mezzo. Quello che vi permetterà di ottenere il giusto dolce, soffice e delicato. Il libro consiglia di prepararle con una sacca da pasticcere, meglio se con una bocchetta a stella e di adagiare l'impasto in pirottini di carta, per muffins o meglio ancora quelli per crostatine. A seconda della vostra scelta otterrete 6 o 8 tortine.

IMG_3792

IMG_3806

IMG_3781

IMG_3778

IMG_3764

IMG_3790

IMG_3794

Ingredienti:
100 gr di burro morbido
50 gr di zucchero a velo
2 tuorli
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
120 gr di farina
7 gr di lievito per dolci
25 gr di maizena
confettura di fragole
zucchero a velo

Preparazione
In una ciotola sbattete energicamente il burro morbido con lo zucchero a velo fino a quando non otterrete un composto cremoso. Incorporate un tuorlo alla volta, l'estratto di vaniglia, la farina, il lievito e la maizena. Mescolate fino a rendere il composto omogeneo. Aiutandovi con una spatola riempite una sacca da pasticcere munita di bocchetta a stella. Con dei movimenti circolari foderate il fondo di ogni pirottino e salite fino a creare uno spesso bordo. Versate al centro di ogni tortina con un abbondante cucchiaio di confettura di fragole. Ponete in forno già caldo a 180°C e fate cuocere per circa 15 minuti fino a quando non saranno ben dorate! Sfornate, lasciate raffreddare e spolverizzate con abbondante zucchero a velo.

20 novembre 2012

Fettuccine integrali alla zucca con pancetta croccante

IMG_3627

IMG_3625

E così abbiamo dato il via ad un nuovo ed entusiasmante progetto! Di che si tratta esattamente?! Vi avevo anticipato a grandi linee di questa nuova esperienza già nei precedenti post e vi confermo che ormai sono felicissima di collaborare con il "Raviolificio Lo Scoiattolo" per la realizzazione di alcune ricette che a breve verranno pubblicate sul loro nuovo blog dedicato e, ovviamente, sulla loro pagina facebook. Ho avuto il piacere e l'onore di cucinare nella loro meravigliosa ed accogliente cucina; uno spazio luminoso, giovane e fresco, pieno di energia e di simpatia, oltre che di ottimi prodotti. La mia giornata parte con la stesura di alcune idee, una breve e veloce spesa per recuperare tutti gli ingredienti adatti alla preparazione e poi, con borsa da foodblogger al seguito, mi dirigo velocemente verso l'azienda! Mi metto prontamente all'opera e con tanta, tantissima passione (e anche un po' di emozione iniziale, lo ammetto) sforno un bel po' di ricette. Poi si passa al "set fotografico" e ovviamente alla degustazione!! Sono davvero entusiasta di questa nuova avventura, credo sia una splendida opportunità di crescita e mi fa apprezzare sempre più la passione e la gioia che metto ogni giorno nella mia cucina. Ormai, lo sapete, i miei piatti hanno in comune il fattore "semplicità" e raramente mi discosto da questo. Conoscevo già i loro ottimi prodotti e quando mi si è presentata questa occasione non ho saputo proprio rinunciarvi! E' un'esperienza bellissima e voglio davvero ringraziare di cuore anche "Lo Scoiattolo" che mi ha offerto questa opportunità e Alice e Gloria, due ragazze splendide, che mi stanno aiutando tantissimo!!
Tornando a noi, voglio però condividere con voi una delle mie prime ricette (l'originale la trovate qui, insieme a tante altre ricette)! Un piatto semplice e gustoso, senza troppe pretese e che si prepara in un lampo! Buon appetito!

IMG_3614

IMG_3624

Ingredienti:
250 gr di Fettuccine integrali Lo Scoiattolo
300 gr di zucca già pulita
150 gr di pancetta dolce
una noce di burro
3 cucchiai di Parmigiano Reggiano
brodo vegetale q.b.
sale
pepe bianco

Preparazione
Tagliate la zucca a fette e poi a dadini e cuocete in forno a 220°C per 10-15 minuti fino a quando non sarà ben morbida. Frullate quindi la zucca con poco brodo caldo, aggiungete il parmigiano e aggiustate di sale e pepe. In una padella fate fondere una noce di burro e rosolatevi la pancetta tagliata a dadini, girandola spesso, fino a quando non sarà croccante. Cuocere le tagliatelle. Unire parte della pancetta alla crema di zucca. Impreziosire le fettuccine con il condimento e infine cospargere con la restante granella di pancetta croccante.

19 novembre 2012

Ruffle Cake al cacao con ganache alle more

IMG_3692

IMG_3573

Finalmente riesco a pubblicare qualche scatto del compleanno del mio cucciolo! Anche quest'anno non ho saputo resistere al fascino di una torta a strati densa e ricchissima di cioccolato! E poi ho osato, per la decorazione, scopiazzando qua e là la tecnica per la realizzazione di quella che viene chiamata "ruffle cake". La lavorazione in sè non è particolarmente complessa, ma sicuramente bisogna prenderci la mano. Come potrete notare infatti, questa volta ho commesso qualche piccolo errore, ma non smetterò di tentare e ritentare affinchè il risultato sia più preciso! In ogni caso, nonostante qualche sbuffo nella decorazione, la torta era qualcosa di semplicemente fantastico, complice anche la scelta di una ganache per la farcitura preparata con cioccolato bianco e composta di more!
Gli scatti sono pochi e fatti velocemente tra una preparazione e l'altra della festa, quindi mi scuso se non sono poi così belli, ma sono certa che saprete apprezzare una fetta di torta virtuale!
Ah, quasi dimenticavo! Nei prossimi giorni vi farò avere maggiori notizie a proposito dei corsi che sto organizzando! Vi dico solo che si tratta di due corsi diversi su biscotti e dolci di Natale, perciò se siete delle province di Varese, Como o Milano restate sintonizzati perchè vi svelerò tutto il programma!

IMG_3695

IMG_3574

IMG_3689

Ingredienti:
Per lo sponge al cacao:
430 gr di farina 00
2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 cucchiaino di sale fino
250 ml di acqua calda
100 gr di cacao amaro
250 ml di acqua fredda
200 gr di burro morbido
4 uova
4 cucchiaini di essenza di vaniglia
Per la buttercream alla vaniglia:
500 gr di burro
500 gr di zucchero a velo
2 cucchiai di estratto di vaniglia
colorante in pasta blu
Per la ganache:
200 gr di cioccolato bianco
qualche cucchiaio di confettura di more

Preparazione
Preriscaldate il forno a 170°C. Imburrate una teglia da 20 cm di diametro e foderate con carta forno. L'ideale sarebbe tagliare in misura un fondo tondo di carta forno e una striscia che vada a coprire tutto il bordo. Setaccia la farina, il lievito, il sale e il bicarbonato. In una ciotola a parte stemperate delicatamente il cacao in polvere nell'acqua calda, fino a creare una morbida salsa. Aggiungete quindi l'acqua fredda e mescolate bene. Tenete da parte.
Sbattete energicamente il burro per qualche minuto fino a quando non otterrete una morbida crema. Aggiungete quindi lo zucchero continuando a mescolare. Unite un uovo alla volta incorporandolo alla perfezione. Completa con l'essenza di vaniglia. Aggiungete a questo punto metà della farina che avete setacciato, mescolando con delicatezza. Proseguite poi con metà salsa al cacao. Mescolate bene e terminate con la restante farina e l'ultima parte di salsa al cacao. Fate attenzione a non mescolare il tutto troppo a lungo. Non appena l'impasto sarà ben liscio ed omogeneo potrete versarlo nella teglia. Infornate quindi per 40-45 minuti in forno già caldo, i tempi di cottura variano a seconda della teglia e del tipo di forno. Sarà comunque pronta se inserendo uno stuzzicadenti al centro, esso ne fuoriuscirà completamente asciutto. Sfornate e lasciate raffreddare per circa 20-25 minuti all'interno della teglia. Dopo ciò potrete lasciarla raffreddare completamente su una griglia. Attendete almeno un'intera giornata prima di tagliarla, farcirla e decorarla con la buttercream.
Preparate la buttercream. Sbattete energicamente il burro morbido fino ad ottenere una crema. Unisci al burro l'estratto di vaniglia. Aggiungi quindi lo zucchero a velo e continua a sbattere fino a quando non otterrai una morbida crema. Qualora fosse troppo liquida aggiungi ancora poco zucchero a velo. Se invece fosse troppo dura, unisci un cucchiaio di latte. Aggiungi il colorante, poco alla volta, e mescola bene affinchè il colore sia omogeneo. Conservala in un contenitore ambiente in un luogo fresco. Prepara la ganache per il ripieno. Fai fondere a bagnomaria il cioccolato bianco. Lascialo raffreddare brevemente e unisci qualche cucchiaio di confettura di more, mescolando bene per un risultato omogeneo e cremoso. Dividi quindi a metà la torta e farcisci con la ganache al cioccolato e more. Ricopri quindi, aiutandoti con una spatola, con la buttercream alla vaniglia. Non sarà necessario usare tutta la buttercream. Questo strato serve per eliminare i difetti della torta e avere una maggiore aderenza per la decorazione con la tecnica "ruffle". Non importa se la copertura non sarà precisa o particolarmente omogenea! Fai riposare in frigorifero per almeno 2 ore affinchè si solidifichi Procedi quindi con la decorazione partendo dai lati della torta e sempre dal basso come indicato in questo video. Lascia quindi riposare la torta per almeno un paio di ore prima di gustarla (sempre in luogo fresco, altrimenti poni in frigorifero e tirala fuori almeno mezz'ora prima di servirla!).

15 novembre 2012

Palmiers con tapenade e il vincitore del giveaway!!

IMG_1102

IMG_1086

Questa è una ricetta che ho in archivio da molto, moltissimo tempo. Anche fin troppo! Eppure mi era piaciuta così tanto che l'ho fatta e rifatta milioni di volte. Forse perchè adoriamo la tapenade, soprattutto quella classica, di olive nere, o forse perchè non sappiamo proprio rinunciare alla pasta della pizza!
In ogni caso questi bocconcini sfiziosi sono fantastici anche per un aperitivo o un brunch con gli amici. Sono anche facilissimi e veloci da preparare, perfetti per quando avete un po' di pasta per pizza in più!
In questi giorni sono stata davvero super impegnata, ma ho avuto giorni ricchissimi di lavoro e soddisfazioni personali! Vi avevo parlato nel mio ultimo post di alcuni progetti a cui sto lavorando. In primo piano c'è la fantastica esperienza ed opportunità che mi è stata offerta dal Raviolificio Lo Scoiattolo per diventare la loro foodblogger ufficiale! Sono così emozionata ed entusiasta di partecipare a questo nuovo progetto. Ieri c'è stata la prima giornata di ricette e a breve le troverete online, sulla loro pagina facebook e sul loro blog, che a breve subirà uno splendido restyling per l'occasione! Ovviamente sarà mia premura tenervi costantemente aggiornati.
Poi ci sono i progetti per i corsi di cucina, tutto il lavoro di organizzazione sta proseguendo e a breve vi segnalerò tutti i dettagli anche qui sul blog! Se volete qualche informazione in più non esitate a scrivermi (tanadelconiglio@live.it).
E ora arriviamo alla notizia più importante... il vincitore del giveaway!!!! Ho ricevuto i 115 commenti più belli ed emozionanti di questi tre anni insieme! Ogni volta che li leggevo mi sforzavo immensamente per non rispondere ad ogni messaggio che mi avete inviato! La cosa che mi ha commosso maggiormente è stata la presenza di commenti da parte di tutti voi, foodbloggers e non, che in questi anni avete saputo dimostrarmi un fortissimo affetto!! Mi ha fatto un piacere grandissimo tanto che quasi mi piange il cuore a dover nominare un solo vincitore!! Ma è comunque con grande e sincera felicità che sono lieta di annunciarvi che 


il commento vincitore del giveaway è il numero 43 - Pupaccena!!

giveawaygiveaway2

Complimenti Roberta!! A breve ti contatterò per chiederti tutti i dati ed inviarti il premio!
Adesso, però, lascio a tutti voi questa piccola ricetta...

IMG_1097

IMG_1093

IMG_1104

IMG_1083

IMG_1099

Ingredienti:
Per la tapenade:
olive nere
1 acciuga piccola
olio extravergine di oliva q.b.
capperi
Per l'impasto:
750 gr di farina 00
2 cucchiaini abbondanti di sale fino
acqua q.b. a temperatura ambiente
1 cubetto di lievito fresco (25 gr circa) o 1 bustina di lievito secco (7 gr)
olio evo

Preparazione
Nella ciotola del mixer o della planetaria versate la farina, il sale, due giri di olio evo e il lievito sciolto in poca acqua tiepida (assolutamente non calda). Mentre la planetaria impasta aggiunge acqua, tanta quanto basta per formare una palla di impasto omogeneo e compatto. Qualora fosse troppo morbida, rimediate aggiungendo un cucchiaio scarso di farina. Lavoratelo velocemente a mano per 1 o 2 minuti al massimo. Formate una palla e ponetela a riposare in una ciotola lievemente infarinata coperta con un canovaccio umido. Lasciate lievitare fino a quando non sarà raddoppiato di volume. Occorrerà all'incirca 1 ora -1 ora e mezza.
Stendete l'impasto su una spianatoia lievemente infarinata, aiutandovi con un mattarello. Tagliate delle strisce lunghe circa 15-20 cm e larghe 2 cm. Stendetevi la tapenade ottenuta frullando tutti gli ingredienti fino ad ottenere una crema, aggiungendo a filo olio extravergine per renderla liscia.
Arrotolate i bordi e schiacciate lievemente per sigillarli. Disponete i palmiers su una teglia ricoperta con carta forno e fate cuocere in forno già caldo a 200° per circa 15-20 minuti.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...