11 marzo 2013

Madeleines al miele di Arancio

IMG_6686

IMG_6693

Per troppo tempo sono andata alla ricerca della "maddalena" perfetta. Ho sfogliato diversi libri e molti mi hanno tristemente deluso, pur toccando l'argomento in maniera diretta e quasi volessero prendere il posto di una monografia.
In realtà la mia ricerca continua, più simile ad un accanimento verso la perfezione di quello che è, a mio parere, uno dei piaceri più grandi per l'ora del tè. Assaporare una buona madeleine è una sensazione indimenticabile, proprio come scriveva lui, il mitico Proust. Molti anni fa lessi con piacere "Alla ricerca del tempo perduto". Non mi soffermai su passaggi come questo, all'epoca, non ne apprezzavo largamente il significato e il blog non era neppure un minimo accenno nella mia vita, ma più rileggo queste frasi più riesco ad immedesimarmi nella poesia che si cela dietro un sottile ricordo, un piacevole attimo in cui la bocca viene a contatto con una maddalena. Questo tipo di impasto mi ha realmente soddisfatto e voglio condividerlo con voi perchè mantiene la giusta fragranza e il sapore originale delle vere madeleines.

IMG_6699

IMG_6703

IMG_6684

"Una sera d’inverno, appena rincasato, mia madre accorgendosi che avevo freddo, mi propose di prendere, contro la mia abitudine, un po’ di tè. Dapprima rifiutai, poi, non so perché, mutai parere. Mandò a prendere uno di quei dolci corti e paffuti, chiamati maddalene, che sembrano lo stampo della valva scanalata di una conchiglia di San Giacomo. E poco dopo, sentendomi triste per la giornata cupa e la prospettiva di un domani doloroso, portai macchinalmente alle labbra un cucchiaino del tè nel quale avevo lasciato inzuppare un pezzetto della maddalena. Ma appena la sorsata mescolata alle briciole del pasticcino toccò il mio palato, trasalii, attento al fenomeno straordinario che si svolgeva in me. Un delizioso piacere m’aveva invaso, isolato, senza nozione di causa. E subito, m’aveva reso indifferenti le vicessitudini, inoffensivi i rovesci, illusoria la brevità della vita…non mi sentivo più mediocre, contingente, mortale. Da dove m’era potuta venire quella gioia violenta ? Sentivo che era connessa col gusto del tè e della maddalena. Ma lo superava infinitamente, non doveva essere della stessa natura. Da dove veniva ? Che senso aveva ? Dove fermarla ? Bevo una seconda sorsata, non ci trovo più nulla della prima, una terza che mi porta ancor meno della seconda. E tempo di smettere, la virtù della bevanda sembra diminuire. E’ chiaro che la verità che cerco non è in essa, ma in me. E’ stata lei a risvegliarla, ma non la conosce, e non può far altro che ripetere indefinitivamente, con la forza sempre crescente, quella medesima testimonianza che non so interpretare e che vorrei almeno essere in grado di richiederle e ritrovare intatta, a mia disposizione ( e proprio ora ), per uno schiarimento decisivo. Depongo la tazza e mi volgo al mio spirito. Tocca a lui trovare la verità…retrocedo mentalmente all’istante in cui ho preso la prima cucchiaiata di tè. Ritrovo il medesimo stato, senza alcuna nuova chiarezza. Chiedo al mio spirito uno sforzo di più…ma mi accorgo della fatica del mio spirito che non riesce; allora lo obbligo a prendersi quella distrazione che gli rifiutavo, a pensare ad altro, a rimettersi in forze prima di un supremo tentativo. Poi, per la seconda volta, fatto il vuoto davanti a lui, gli rimetto innanzi il sapore ancora recente di quella prima sorsata e sento in me il trasalimento di qualcosa che si sposta, che vorrebbe salire, che si è disormeggiato da una grande profondità; non so cosa sia, ma sale, lentamente; avverto la resistenza e odo il rumore degli spazi percorsi…All’improvviso il ricordo è davanti a me. Il gusto era quello del pezzetto di maddalena che a Combray, la domenica mattina, quando andavo a darle il buongiorno in camera sua, zia Leonia mi offriva dopo averlo inzuppato nel suo infuso di tè o di tiglio…."

(Marcel Proust, "Alla ricerca del tempo perduto")


IMG_6697

IMG_6689

IMG_6701

La ricetta in questione proviene direttamente da Ladurée, con qualche piccola modifica sia negli ingredienti che nell'accortezza della preparazione. Un maggior sentore di arancia, dovuto alla scorza grattugiata, e l'utilizzo di un miele cremoso che conferisce un colore più caramellato e un gusto più deciso, dolce e pieno. Purtroppo ho avuto qualche intoppo con la classica "gobbetta" che caratterizza questi favolosi dolcetti, tutta colpa del forno! Il segreto per ottenerla consiste in uno shock termico tra l'impasto, ben freddo, e la temperatura molto alta del forno. Assicuratevi, quindi, di avere un po' di spazio in frigorifero, o in freezer addirittura, e che la temperatura del forno sia costante. Personalmente mi trovo molto meglio con stampi antiaderenti piuttosto che con quelli di silicone, ma lascio a voi la scelta. Io, dopo anni, sono finalmente riuscita ad avere quello che vedete nelle foto e ve lo consiglio. Comodissimo, soprattutto perchè è importante che lo stampo in questione sia imburrato e infarinato alla perfezione.

IMG_6696

IMG_6685



IMG_6691

IMG_6681

Ingredienti:
1 arancia non trattata
160 gr di zucchero semolato
175 gr di farina 00
10 gr di lievito per dolci
180 gr di burro
4 uova
35 gr di miele MielBio Arancio cremoso

Preparazione
L'impasto va preparato il giorno prima.
Grattugiate finemente la scorza di un'arancia non trattata e unitela allo zucchero semolato. Setacciate farina e lievito e tenete da parte. Fate fondere il burro e lasciatelo intiepidire. Sbattete quindi le uova con lo zucchero, profumato con scorza di arancia, e il miele fino ad ottenere un composto liscio e spumoso. Vi occorrerà qualche minuto.
Aggiungete quindi la farina e il lievito setacciati e, infine, il burro fuso. Mescolate per ottenere una pasta liscia e priva di grumi. Riponete il tutto in frigorifero coprendo bene e lasciate riposare per almeno 12 ore.
Il giorno seguente scaldate il forno a 200°C. Nel frattempo fate fondere poco burro e spennellatevi alla perfezione la teglia per madeleines. Infarinate ed eliminate l'eccesso di farina. Tenete al fresco fino a quando il forno non avrà raggiunto la giusta temperatura.
Con un cucchiaino prelevate l'impasto ben freddo da frigo e adagiatelo nell'apposito stampo riempiendo solo 2/3. Ponete nuovamente in frigorifero per circa 10-15 minuti oppure per circa 5-8 minuti in freezer affinchè l'impasto resti ben freddo e si venga a creare quello shock termico che permetterà alle madeleines di avere la caratteristica "gobbetta".
Infornate e fate cuocere dai 5 ai 10 minuti a seconda delle dimensioni dello stampo (circa 6 minuti per madeleines piccole o 8 per quelle grandi). Saranno pronte non appena risulteranno ben gonfie e dorate.
Lasciatele raffreddare brevemente e toglietele con delicatezza dallo stampo. Gustatele appena tiepide oppure, se non verranno consumate subito, conservatele in un contenitore ermetico. Sono ottime per 2/3 giorni e anche più.

24 commenti:

  1. più o meno questo è la ricetta che faccio io....le adoro semplicemente ! Il fatto è che una tira l'altra e non riesco a capire come fai a conservarle per 3-4 giorni salvo l'ipotese che ne fai 900...!! A casa nostra finiscono in mezz'ora...!!! E' ottima anche la ricetta con la ricotta e mandorle al limone...
    Usi sempre lo stampo in metallo ? Io uso quello in silicone...mi chiedo se fa differenza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero Marina, qui non arrivano mai a sera, figuriamoci se durano 3-4 giorni!! Anche con 900 sarebbe difficile salvarne qualcuna :)
      Sai che io con quelli in silicone non mi trovo, tu invece sì? Proverò anche la ricetta con ricotta e mandorle al limone, mi ispira moltissimo!!!!!!
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Proust mi ha sempre affascinata e quel brano mi è rimasto nel cuore! Come resistere alle tue madeleines che hanno anche il miele?? Un abbraccio amica mia.. sei bravissima! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono follemente innamorata di tutti gli scrittori francesi, quindi non faccio testo! Proust l'ho letto secoli fa e ho amato anche lui ;)
      Un bacione cara

      Elimina
  3. le tue madlenes con questo miele all'arancio mi piacciono davvero molto chissà che bontà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provale Simona, sono fantastiche! Hanno un profumo e una morbidezza irresistibili!
      Bacio

      Elimina
  4. Quel libro è uno spettacolo ed io lo paragono sempre ad un piccolo gioiellino da tenere ben custodito!! Le tue madeleines sono deliziose e immagino benissimo anche il profumo...Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo Patrizia, è un vero e proprio gioiello! Lo adoro!!

      Elimina
  5. In una foto ho visto un libro con la copertina verde chiaro che sogno... ogni volta che lo vedo in libreria sono sul punto di prenderlo... :-)
    Mi piace questo stile elegante, vintage, d'altri tempi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca devi assolutamente comprare questo libro!! E' meraviglioso!!!
      Credimi è un acquisto super intelligente! Non puoi perdertelo!!

      Elimina
  6. Risposte
    1. Ti ringrazio Sara! Sono davvero soffici e deliziose!

      Elimina
  7. Avranno anche una piccola gobbetta ma a me fanno gola lo stesso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La delusione della mancata gobbetta è stata superata al primo morso!! La prossima volta mi auguro di stare un po' attenta al forno! Poverino anche lui sta perdendo i colpi ;)

      Elimina
  8. ... le Madeleines sono il mio cruccio, prima o poi mi munisco di teglia e ci provo...queste foto sono così eleganti, mi rimandano indietro nel tempo...sembra di stare all'ora del tè nella corte della regina :-) e quel libro stupendo che vedo? è nella mia lista dei book da non perdere...un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono anche il mio credimi!! Sai quante versioni ho provato e quante volte le ho fatte?? Non ero mai soddisfatta del risultato! Queste come sapore sono pazzesche, ma sono stata poco attenta alla temperatura del forno e le gobbette ne hanno risentito!!
      Sono felice che le foto ti piacciano ;) Adoro questo vassoio!!!
      Il libro devi assolutamente averlo!! E' pura poesia, non puoi non amarlo!!
      Un bacio grandissimo

      Elimina
  9. Sono capitata da queste parti cercando ricettini per biscotti a forma di coniglio... e ti scopro un blog dolcissimo e pieno di ispirazioni... e con ricette meravigliose! Complimenti sono gia tra i toi lettori fissi, mi farebbe piacere se mi facessi una visitina! A presto allora Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Serena! Sono felice che il destino ci abbia fatto incontrare!!
      A presto
      Erika

      Elimina
  10. Risposte
    1. :) Benvenuta nel magico mondo dei food blog!! Ho visto che hai un blog nuovissimo!! A presto
      Erika

      Elimina
  11. Meravigliose!! Le madeleines sono le mie preferite, una tira l'altra fino a stare male......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione, una tira l'altra! Sono strepitose!!

      Elimina
  12. non lo so se saranno quelle perfette, ma di sicuro sono le mie preferite finora! :-)
    ps: ma lo stampo è quello grande o sono le mini?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Lo stampo è per quelle grandi! Ho inserito il link, io lo avevo acquistato su Amazone mi trovo molto bene!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...