Powered by Blogger.

Torta alla ricotta con mele e pere


La Torta alla ricotta con mele e pere è una variante della famosa "Ricotta e pere" di Sal de Riso. Un dolce raffinato e dal sapore delicato che sembra quasi stato creato appositamente per stagioni come questa, in cui l'estate non vuole cedere il posto all'autunno. La ricetta originale prevede, ovviamente, il solo utilizzo di pere, mentre io ho optato per un mix di mele e pere, più per comodità e necessità.
Se siete alla ricerca di un dolce straordinariamente buono, come quelli realizzati in pasticceria, questa torta, semplice e gustosissima, non vi deluderà. E' talmente facile da realizzare che quasi non ve ne renderete conto e vi ritroverete a gustare fetta dopo fetta questo dolce squisito e morbidissimo. Tutto quello che vi serve è della ricotta freschissima per ricreare a casa propria questo dolce tipico della Costiera Amalfitana.
Per una torta da 24 cm



Ingredienti
Per la pasta biscotto alle nocciole:
100 g di zucchero semolato
30 g di zucchero a velo
120 g di farina di nocciole
30 g di burro
60 g di farina tipo 00
4 uova
Per la farcitura:
200 ml di panna montata
300 g di ricotta
80 g di zucchero a velo + 30 g extra per decorare
2 pere
2 mele
1 cucchiaino di succo di limone
10 g di burro
20 g di zucchero semolato

Preparazione
Sbucciate le pere e le mele e tagliatele a pezzetti. In un pentolino fatele caramellare per circa 10 minuti con lo zucchero semolato, il burro e il succo di limone. Togliete dal fuoco e lasciate raffreddare.
In una ciotola lavorate la ricotta con lo zucchero a velo, unite le pere e le mele ormai fredde e mescolate bene. Montate la panna ben fredda da frigorifero e incorporatela alla crema di ricotta. Mescolate bene, coprite con pellicola e conservate in frigorifero.
Preparate quindi la pasta biscotto.
Separate i tuorli dagli albumi e montate questi ultimi con un cucchiaio di zucchero a velo (preso dal totale degli ingredienti). Tenete da parte.
In una ciotola a parte montate anche i tuorli con il restante zucchero a velo fino ad ottenere un composto spumoso. Unite quindi la farina di nocciole e la farina 00. Aggiungete infine il burro fuso, ormai freddo, e mescolate il tutto fino ad ottenete un impasto liscio ed omogeneo. Incorporate gli albumi montati a neve con estrema delicatezza, facendo attenzione a non smontare il composto.
Imburrate e infarinate due stampi con cerniera apribile diametro 24 cm e distribuite il composto in maniera omogenea.
Fate cuocere in forno statico già caldo a 200°C per circa 10 minuti. L'impasto dovrà risultare dorato in superficie. Sfornate e lasciate raffreddare completamente.
Adagiate nuovamente uno dei dischi di impasto nello stampo e distribuite in maniera uniforme la crema di ricotta e frutta. Livellate bene e adagiate sulla superficie il secondo disco di pasta biscotto.
Premete leggermente e fate riposare in frigorifero per 3 ore circa.
Trasferite il dolce su un piatto da portate e, prima di servire, cospargetene la superficie con zucchero a velo.

Sangria analcolica allo zenzero e limone con pesche


Ebbene sì, l'estate sembra non volerci proprio lasciare e se da una parte ci sono le belle giornate ancora ricche di sole e luce, dall'altro ci ritroviamo ancora con un caldo torrido. Per l'occasione ho pensato ad una ricetta "non ricetta" che però può essere uno spunto per un aperitivo con gli amici, perfetto per una serata in compagnia in cui si possono ripercorrere con la mente i momenti più belli delle vostre vacanze estive: la Sangria analcolica allo zenzero e limone con pesche.
Per la preparazione di questa "Sangria" un po' speciale mi sono affidata a King Cup Coffee e alla sua bevanda allo zenzero e limone, perfetta per creare una base analcolica, ma anche gustosa per la mia speciale Sangria!
Pronti a gustarla?




Ingredienti
500 ml di acqua naturale
3 pesche nettarine
1 bicchiere di succo di arancia
1 pizzico di cannella
2 chiodi di garofano (facoltativi)
altra frutta a piacere
qualche foglia di menta


Preparazione
Preparate per prima cosa una caraffa con 500 ml di acqua naturale a cui andrete ad aggiungere le bustine di zenzero e limone King Cup Coffee
Unite il succo di arancia e le spezie
Tagliate a fette le pesche e unitele alla sangria
Mescolate bene e lasciate riposare in frigorifero per almeno 2 ore
Prima di servire completate con qualche fogliolina di menta fresca

Hot milk sponge cake con cioccolato bianco e lamponi


La Hot milk sponge cake con cioccolato bianco e lamponi è un dolce unico, soffice e delicato come una nuvola, ma con tutta la golosità di una farcitura profumata e cremosissima a base di formaggio spalmabile e cioccolato bianco e l'aggiunta di succosi lamponi. Insomma è la torta perfetta per chi cerca un dolce ricco di gusto senza utilizzare le più classiche basi di pan di Spagna o le consuete creme all'uovo.
La Hot milk sponge è una torta al latte caldo, unica nel suo genere, che può essere gustata in tutta semplicità, ma che si presta perfettamente a sostenere strati di golosa farcitura.
Io trovo che sia perfetta per inaugurare il mese di Settembre. I ritmi sono ancora piuttosto lenti e ancora non ci siamo ben ripresi dal rientro delle vacanze (nonostante siano ormai passate diverse settimane). In questi giorni ripartiremo anche con i ritmi scolastici e una fetta di torta sembra essere la soluzione più allettante a giornate difficili. Non trovate anche voi?
Questa ricetta è tratta da una dei libri che ho realizzato per la collana "Fatto in casa" e che, se vi siete persi, potete acquistare qui, direttamente sul sito della casa editrice. All'interno trovate tante accattivanti ricette per preparare le più famose torte a strati e utili trucchi per la loro realizzazione.
Mentre io termino di preparare astucci, quaderni e zaino per i primi giorni di scuola del mio piccolo vi lascio una fetta di questa dolce torta a strati!



Ingredienti
Per l'impasto:
145 g di farina tipo 00
150 g di zucchero semolato
120 ml di latte intero
60 g di burro
+ 10 g di burro per la teglia
6 g di lievito per dolci
3 uova
1/2 stecca di vaniglia
1 pizzico di sale
Per la farcitura o “frosting”:
250 g di formaggio cremoso spalmabile
100 g di cioccolato bianco
10 ml di latte intero
125 g di lamponi

Preparazione
Imburrate e foderate con carta forno due teglie apribile dal diametro di 20 cm.
In un pentolino fate scaldare il latte con il burro. Non appena il burro si sarà ben sciolto, togliete dal fuoco e unite la bacca di vaniglia tagliata per il senso della lunghezza.
Nel frattempo in una ciotola setacciate la farina con il lievito per 2 volte .
In un'altra ciotola capiente lavorate con uno sbattitore elettrico le uova aggiungendo lo zucchero in tre tempi e un pizzico di sale. Montate per circa 10 minuti o almeno fino a quando il composto non sarà triplicato di volume. Quando sarà ben spumoso e molto chiaro, aggiungete la farina, precedentemente setacciata con il lievito, in due tempi, mescolando delicatamente con una spatola dopo ogni aggiunta. Fate attenzione a non smontare troppo il composto.
Scaldate nuovamente il latte, eliminate la bacca di vaniglia e, prima che arrivi ad ebollizione, unitelo all'impasto in una o due volte. Mescolate sempre con delicatezza utilizzando una spatola.
Dividete l'impasto in due parti uguali e versatelo nelle due teglie. Fate cuocere in forno statico ben caldo a 170°C per 25-30 minuti. Testate il grado di cottura con uno stecchino, che dovrà fuoriuscire ben pulito e asciutto.
Una volta pronte le due basi, lasciatele raffreddare per una decina di minuti all'interno dello stampo, poi sformatele, eliminate la carta forno e lasciatele raffreddare completamente.
Nel frattempo preparate la farcitura o “frosting”. Fate fondere a bagnomaria il cioccolato bianco. Lasciate raffreddare completamente. Unitelo quindi al formaggio cremoso. Aggiungete il latte e lavorate energicamente con una spatola fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea.
Prendete la prima base e farcitela con il “frosting” aiutandovi con un cucchiaio. Distribuite metà dei lamponi. Coprite con il secondo strato di torta e distribuite nuovamente il frosting creando delle piccole onde con un cucchiaino. Decorate a piacere con lamponi.


Matcha budino senza lattosio con lamponi


Non so voi, ma io in questi giorni vivrei di gelati, budini, creme morbide e leggere, ma soprattutto di piatti freschi anzi freschissimi. Vorrei poter dire che con questo caldo mi è calato l'appetito, ma non è proprio così. Tuttavia ho scoperto questo delizioso matcha budino senza lattosio con lamponi che è davvero la perfezione per una freschissima colazione o una leggera merenda! L'ho preparato senza lattosio per gustare tutto l'aroma del latte di mandorla abbinato al tè matcha. Un accostamento che mi piace davvero moltissimo, un po' quello con i lamponi, che a piacere, però, potete sostituire con tantissima altra frutta fresca di stagione.


Come sempre è una ricetta facilissima che si prepara in pochissimo tempo, giusto qualche minuto di cottura per fare in modo che l'agar agar compia il suo lavoro di addensante (perfetto per chi vuole preparare un dolce senza uova!) e il gioco è fatto. Vi basta dimenticarvi del matcha budino in frigorifero per qualche ora e poi preoccuparvi solo di affondarci il cucchiaino.
In questi giorni sono chiusa in cucina a lavorare su un nuovo progetto importante. Vi dico solo che i piatti sono particolarmente adatti all'autunno-inverno e il mio livello di sopportazione del caldo è ai minimi storici, ma forse fra poco più di una settimana mi godrò anche io qualche giorno di relax.
Nel frattempo vi lascio questo super budino energizzante incredibilmente buono, e perfetto anche per ricaricare le batterie!
Per 4-6 persone



Ingredienti
400 ml di latte di mandorla
2 cucchiai di sciroppo di agave
1 cucchiaio di agar agar (o 1 foglio di colla di pesce)

lamponi freschi

Preparazione
Unite all'agar agar le bustine di Matcha King Cup Coffee.
Aggiungete quindi il latte di mandorla freddo e mescolate bene.
Portate ad ebollizione e fate cuocere per almeno 2-3 minuti a fuoco medio, mescolando con una frusta.
Togliete dal fuoco e suddividete il budino tra le varie coppette.
Fate raffreddare completamente a temperatura ambiente poi ponete in frigorifero per almeno 2 ore.
Prima di servire i budini completate con lamponi freschi

Insalata fredda di farro con verdure e mozzarella


L'insalata fredda di farro con verdure e mozzarella è un piatto unico leggero e saporito, perfetto per affrontare l'afa estiva senza rinunciare al gusto. In questa particolare stagione si cerca sempre di trovare nuovi spunti e idee per poter preparare un pasto veloce senza necessariamente stare troppo a lungo ai fornelli.
Le insalate di pasta e i piatti unici freddi sono tra i più gettonati, ma per non ricorrere sempre alle stesse ricette ho pensato, questa estate, di affidarmi ai cereali per creare nuovi accostamenti, più salutari e ricchi di fibre, e variare dalla solita routine. Per esempio, se siete alla ricerca di ispirazione, qui trovate delle gustose idee per tante ricette di insalatone estive.
La preparazione è davvero molto semplice e non necessita di grandi spiegazioni. Tuttavia per ottenere una buona insalata di farro vi consiglio di lasciarla riposare per qualche ora in frigorifero e riportarla a temperatura ambiente per circa 20 minuti prima d gustarla. Come sempre, il mio consiglio base per ottenere un ottimo piatto è utilizzare ingredienti di ottima qualità.


Scegliete verdure bio, magari a km 0. Informatevi perché nella vostra zona ci sarà sicuramente qualche contadino o azienda agricola che vi potrà aiutare a ridurre costi e ad aumentare la qualità e il sapore dei vostri piatti. Non dimenticate che i tempi di cottura sono diversi in base al tipo di verdura utilizzato. Fate quindi cuocere prima quelle con tempi di cottura più lunghi e che magari necessitano dell'aggiunta di poca acqua. Per questa ricetta iniziate dai peperoni, proseguite poi con melanzane e zucchine. Qualora optiate anche per funghi e pomodori ricordatevi sempre di aggiungerli per ultimi. Per quanto riguarda il farro in commercio trovate prodotti con una cottura abbastanza rapida (circa 10 minuti). In caso contrario i tempi di cottura sono piuttosto lunghi e arriveranno anche ai 30 minuti. Vi consiglio quindi di controllare sulla confezione prima dell'acquisto.



Anche il condimento vuole la sua parte ed è preferibile utilizzare un olio dal sapore delicato che lasci risaltare il profumo del farro e delle verdure. A piacere potete aggiungere alla vostra insalata fredda di farro con verdure e mozzarella anche dei crostini o renderla più speziata aggiungendo, durante la cottura delle verdure, qualche spezia, come ad esempio, zafferano, curry o un pizzico di peperoncino. Questa ricetta può essere realizzata in anticipo senza problemi, anzi ve lo consiglio perché in questo modo il farro assorbirà tutti i profumi e il condimento e l'insalata di farro risulterà ancora più gustosa. Se cercate altri spunti per piatti freddi deliziosamente buoni li trovate qui.
Per 4 persone



Ingredienti
250 g di farro
peperone rosso
peperone giallo
zucchina
melanzana
mezza cipolla
250 g di mozzarella
olio evo
1 spicchio di aglio (facoltativo)
basilico fresco
sale e pepe q.b

Preparazione
Sciacquate il farro sotto abbondante acqua corrente per evitare che formi schiuma durante la cottura, poi fate cuocere in acqua salata portata a bollore. Fatelo cuocere seguendo le istruzioni fornite sulla confezione. Indicativamente occorreranno dai 10 ai 30 minuti a seconda del tipo di farro acquistato. Per rendere più veloce la preparazione potete anche optare per la cottura con pentola a pressione.
Nel frattempo lavate ed asciugate le verdure, pulitele da semi e filamenti, e tagliatele in piccoli pezzi. Più piccoli saranno i pezzi minor tempo impiegheranno a cuocere.
In una padella antiaderente fate scaldare un cucchiaio di olio evo, unite un piccolo spicchio di aglio (facoltativo) e un po' di cipolla tritata finemente. Lasciate dorare per pochi minuti poi aggiungete le verdure. Unite nell'ordine peperoni, melanzana e infine la zucchina. Aggiungete se necessario qualche cucchiaio di acqua e portate a termine la cottura. Aggiustate di sale.
Scolate il farro, passatelo sotto acqua corrente fredda. Conditelo con le verdure, aggiungete quindi qualche cucchiaio di olio evo, basilico fresco e aggiustate, se necessario, di sale e pepe.

Panino con straccetti di cotoletta alla milanese


Gli straccetti di cotoletta alla milanese sono una variante croccante e sfiziosa della ricetta classica della tradizione lombarda. Simbolo della gastronomia meneghina, la ricetta autentica prevede il taglio dalla lombata o dalle prime costole del carrè di vitello. La polpa deve essere alta quanto l'osso in modo da restare morbida e rosea all'interno mantenendo una croccante crosticina dorata all'esterno.


La Lombardia non è certo una delle regioni più famose per lo street food, o cibo di strada. Solitamente si trattava di piatti poveri, destinati a chi lavorava nei campi e che, per questione di tempo e comodità, portava con sé un pasto veloce che spaziava dalla classica “schiscetta”, contenente un vero e proprio pasto in un contenitore, spesso anche termico, per mantenere la giusta temperatura, oppure, nei mesi più caldi si optava per un semplice panino: dalla michetta ancora calda e fragrante farcita con salumi e affettati fino ad arrivare al panino con la frittata.
Nei tempi passati la carne era un privilegio destinato a nobili e prelati. Tuttavia con il passare degli anni si è scoperto il piacere di gustare un semplice panino farcito con una tenera cotoletta alla milanese. Complici le gite fuori porta, le vacanze al lago o un semplice pic nic, il panino con la cotoletta è diventato sempre più popolare nella tradizione milanese, uno street food davvero squisito proprio perchè questo tipo di carne è ottima da gustare anche fredda accompagnata da verdure semplici, come pomodori e insalata.


La ricetta originale, oltre all'utilizzo della carne di vitello, prevede la cottura con burro chiarificato. Per la mia versione degli straccetti di milanese ho optato per una soluzione sorprendentemente efficace per ottenere un risultato croccante e leggero, con la giusta crosticina dorata e invitante. Ho utilizzato uno dei prodotti Sagra, perfetti per mantenere la frittura stabile fino a 225°C: l'olio di semi di girasole AltoOleico. Un olio dalla duplice utilità: perfetto per condire con leggerezza, e ricco di vitamina E, e insuperabile per le fritture, leggere e croccanti, anche ad alte temperature.
Ha un sapore delicato che preserva il gusto dei cibi e un alto contenuto di monoinsaturi (oltre l'80% di acido oleico) che aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo.
A piacere potete aggiungere alla panatura delle erbe aromatiche tritate come timo, prezzemolo e rosmarino.

Ricetta per 4-6 persone



Ingredienti
4 costolette di vitello con osso (alte circa 2,5 cm)
2 uova
pane grattugiato
erbe aromatiche a piacere
pepe
sale
4-6 panini
insalata
pomodori

Preparazione
Incidete la pelle esterna della costoletta e battete ogni costoletta con il batticarne in modo che la carne resti tenera. Eliminate l'osso e tagliate a striscioline ogni costoletta.
Sbattete le uova in un piatto fondo quanto basta per mescolare tuorli e albumi, unite una macinata di pepe, ma non aggiungete sale, in questo modo eviterete che la panatura si stacchi durante la cottura.
Unite un trito di erbe aromatiche a piacere al pangrattato. Passate ogni straccetto prima nell'uovo sbattuto e poi nel pangrattato. Lasciate riposare per circa 10 minuti su una teglia coperta con carta forno. Nel frattempo fate scaldare bene l'olio e non appena sarà bollente adagiatevi gli straccetti di milanese. Fate cuocere, girandoli spesso con delicatezza, fino a quando non risulteranno dorati e croccanti. A cottura ultimata, scolateli e adagiateli su carta assorbente. Salate leggermente e lasciate intiepidire. Quindi utilizzatele per farcire a piacere un gustoso panino con insalata e pomodoro.