5 gennaio 2016

Caramelle mou (o toffee)


La prima ricetta di questo nuovo anno è perfetta per i più piccoli, ma farà sicuramente ingolosire anche i grandi. Un'idea semplice per riempire la calza della Befana: le caramelle mou! Perfette da preparare in pochi minuti, basta munirsi di qualche semplice ingrediente, che non può mancare nella credenza di ognuno, e di un termometro da cucina, per realizzare queste dolci caramelle.

Potete prepararle tranquillamente la sera o il pomeriggio, in meno di 30 minuti avrete delle buonissime caramelle. Vi basterà incartarle una per una con carta forno, o la speciale carta trasparente per alimenti. Le toffee, dal termine originale inglese, possono essere aromatizzate a piacere con cacao, vaniglia, cannella oppure ricoperte con farina di cocco, cioccolato fuso, granella di nocciole. Inoltre possono essere realizzate in forme diverse. Utilizzate uno stampo per plumcake o un piccolo stampo quadrato o rettangolare. Potete anche sbizzarrirvi utilizzando stampi in silicone, perfetti sono, ad esempio, quelli per cioccolatini. In questo modo le forme saranno ancora più originali e non avrete bisogno di oliare lo stampo. A questo proposito vi consiglio di utilizzare un olio dal sapore neutro come quello di riso o di semi. In alternativa potete utilizzare uno spray staccante, in vendita nei supermercati più forniti. 



Per le quantità lascio a voi la scelta di raddoppiare o triplicare le quantità. A seconda delle dimensioni e dello spessore otterrete circa 30 caramelle mou.
La consistenza ricorda vagamente le famose caramelle "Alpenliebe" quelle sì, che si scioglievano in bocca in un istante! Ve le ricordate?
A piacere potete utilizzare, per questa preparazione, del classico burro oppure renderle ancora più particolari con burro salato. Più farete cuocere il composto più le vostre caramelle risulteranno dure (proprio come le alpenliebe), in alternativa potete trasferirle nello stampo appena raggiungono la giusta temperatura. In questo modo otterrete delle caramelle più morbidi, simili alle Cubik di Elah, per intenderci.

 
 
Quasi dimenticavo... per questo nuovo anno ho pensato ad una piccola novità. Il blog avrà nuovi contenuti, sarà più ricco e completo, anche con le ricette dei grandi classici che più vi piacciono. Per qualsiasi richiesta particolare non esitate a contattarmi. In più arriva una nuova newsletter più ricca di contenuti e nuove ricette. Per non perderne nemmeno una non dimenticate di iscrivervi, trovate il pulsante qui a fianco! Per la prima newsletter ho pensato a qualcosa di davvero speciale e ci sarà una colorata sorpresa per iniziare alla grande questo goloso 2016! Vi ricordo che potete iscrivervi anche dalla pagina FB, vi aspetto! N.B. anche se negli scorsi anni eravati già abbonati alla newsletter consiglio di iscriversi nuovamente perchè la precedente è stata eliminata. Mi scuso per il disagio.
Ed ora via con le caramelle... 


Ingredienti  
200 ml di panna fresca
180 gr di zucchero semolato
1/2 bacca di vaniglia
30 gr di burro salato
2 cucchiai abbondanti di miele
olio di semi o spray staccante per la teglia o lo stampo (non necessario per il silicone)
 
Preparazione 
Oliate bene uno stampo per mini plumcake (o uno stampo per plumcake non troppo grande, una piccola pirofila o teglia, o altro stampo a piacere). In alternativa potete utilizzare uno spray staccante.
In un pentolino abbastanza capiente e dal fondo spesso ponete tutti gli ingredienti. Incidete la bacca di vaniglia per il senso della lunghezza con un coltellino e prelevate tutti i semini. Uniteli agli ingredienti. Fate cuocere a fiamma moderata, mescolando spesso fino a quando il burro non si sarà ben sciolto. 
Portate quindi ad ebollizione, mescolando costantemente. A questo punto dell'operazione entra in gioco il termometro. Dovrete infatti raggiungere un delicato colore caramello senza superare i 119°-120°C 
Fate attenzione perchè il composto tenderà ad aumentare di volume, vi basterà abbassare leggermente la fiamma per riportarlo alla normalità.
Una volta pronto togliete dal fuoco e trasferite immediatamente negli stampi livellando bene il composto.
Attenzione: più fate cuocere il composto, dopo che avrà raggiunto la temperatura di 119°-120°C, più diventeranno dure.
Lasciate quindi raffreddare a temperatura ambiente per 1-2 ore al massimo.
Tagliate poi le vostre caramelle con un coltello affilato e ben robusto. Disponete le vostre caramelle in un contenitore ermetico, dividendo ogni strato con carta forno, in modo che non si attacchino, oppure incartatele una alla volta per mantenere tutta la freschezza. Non è necessario conservarle in frigorifero. Si mantengono in un contenitore ermetico per circa 3-4 settimane in un luogo fresco e asciutto.

10 commenti:

  1. mi ricordano la mia infanzia che buone... ecco un vero comfort food :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono proprio come le famose caramelle toffee che mangiavamo quando eravamo piccole! Io le adoravo!
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Mi riportano indietro nel tempo ,grazie ,felice giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ultimamente sono nostalgica e vado a cercare tutte le ricette di quando ero bambina. Sono quelle che amo di più ;)
      A presto Paola!

      Elimina
  3. grazie! spero con queste di avere più fortuna!

    RispondiElimina
  4. Troppo morbide morbide morbide...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se risultano morbide puoi allungare i tempi di cottura.
      Non appena raggiungi la giusta temperatura, puoi trasferire subito nello stampo per avere delle caramelle morbide, oppure far cuocere per qualche minuto in più per avere delle caramelle dure. Io preferisco quelle dure, tipo alpenliebe, e le ho fatte cuocere per 5-6 minuti in più. Ricordati sempre di verificare la temperatura con un buon termometro da cucina!

      Elimina
  5. ok, grazie le rifarò seguendo i tuoi preziosi consigli. un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Ciao, che interessanti!
    una domanda: ho fatto una volta la tua fantastica salsa al caramello e ora vorrei provare queste caramelle. Ma non capisco qual'è la differenza tra le due preparazioni che ne fa solidificare una (per le caramelle) e ne lascia liquida un'altra (per la salsa)... Fammi sapere! Grazie mille! Claire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claire! Le due preparazione sono differenti, questa serve per realizzare caramelle mou (o toffee, come preferisci). Bisogna utilizzare il miele e un termometro da cucina per raggiungere la giusta temperatura. Se trasferisci il composto nello stampo non appena raggiunge la temperatura stabilita otterrai caramelle morbide. Se lasci cuocere di più il composto, superando anche di poco la temperatura segnalata, otterrai caramelle dure simili alle famose alpenliebe.
      La preparazione della salsa al caramello è diversa nella preparazione.. viene preparato un caramello con zucchero e poi viene aggiunta panna scaldata a parte. Unite danno vita alla salsa al caramello, ma non essendo portati ad una temperatura stabilita che ne assicuri la cristallizzazione difficilmente riuscirai ad ottenere delle vere e proprie caramelle.
      Sono quindi due realizzazioni diverse con cui si ottengono due ricette differenti. Con questa delle caramelle puoi scegliere che tipo di consistenza dare alle tue caramelle (morbide o dure), ma non è consigliabile per creare una salsa, in quanto risulterebbe troppo appiccicosa ;)
      Per altre domande mi trovi qui
      A presto

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...