La tana del coniglio

Food+photography blog. Raccolta di ricette e appunti di cucina.

Cerca

Burger Buns, panini per hamburger fatti in casa

Soffici e incredibilmente buoni, morso dopo morso la ricetta di questi Burger Buns vi conquisterà. Questi morbidi panini per hamburger possono essere realizzati in casa in tutta semplicità e vi garantisco che non hanno nulla a che vedere con quelli acquistati. Il loro sapore unico è adatto a qualsiasi tipo di hamburger e ha quella morbidezza tipica della brioche pur mantenendo un sapore neutro. Potete arricchirli a piacimento, con semi di sesamo, un mix di semi vari oppure gustarli nella loro semplicità.

Prepararli è facile, anche se, ovviamente, trattandosi di un lievitato, occorre dedicargli almeno mezza giornata e attendere pazientemente le varie fasi di lavorazione per ottenere un risultato morbido e leggero. La parte migliore è, che una volta pronti, possono essere conservati in sacchetti per alimenti ben sigillati e congelati in modo da averne sempre qualcuno a disposizione per gustare un buon hamburger fatto in casa. Se optate per il congelamento ricordate di toglierli dal freezer almeno 2 ore prima dell'utilizzo. Potete poi tagliarli e farcirli a piacere, magari scaldandoli leggermente su una piastra o al forno. Io trovo i Burger Buns perfetti da gustare anche così, nella loro semplicità, come un normale panino. Adoro gustarli con hummus oppure con una salsa tzatziki, ma sono la base perfetta anche  per la merenda dei più piccoli. Ti basterà farcirli con del pomodoro e mozzarella, del prosciutto e formaggio e così via per ottenere uno spuntino sano e adatto a tutti. 

Una piccola nota riguarda l'impasto. Dopo la prima fase di lavorazione, al momento della prima lievitazione, l'impasto risulterà molto morbido, elastico, ma appiccicoso. Per questo motivo consiglio la lavorazione con planetaria munita di gancio K o foglia o, meglio, gancio per impasti. In questo modo non andrete ad aggiungere ulteriore farina, cosa importante per non "appesantire" l'impasto e mantenerlo ben morbido. Al termine della prima fase di lievitazione l'impasto sarà ben gonfio e più facilmente lavorabile a mano, ma ancora morbido. Qui l'ideale è infarinare un po' l'impasto, il piano di lavoro e le vostre mani in modo da formare più comodamente i panini. Cercate di dare una forma tonda, omogenea, effettuando una lieve pirlatura, come in questo video. Ciò è importante per conferire ai Burger buns una forma tonda che lieviti in maniera uniforme verso l'alto. 

Per la preparazione di questa ricetta ho utilizzato la mia farina 0 preferita, ovvero quella del Molino Riggi, la Marzamemi con W250, perfetta per i lievitati dolci e salati. Vi consiglio inoltre l'utilizzo di lievito secco, come questo, anche se la ricetta è fattibile anche del classico lievito di birra fresco (quantità circa 18 g). Per 8 Burger Buns.



Ingredienti
240 m di acqua tiepida (26°C circa)
3 cucchiai di latte tiepido
2 cucchiaini di lievito di birra disidratato (circa 6 g) - oppure 18 g di lievito di birra fresco
2 cucchiai di zucchero di canna
360 g di farina 0 (per panificazione - meglio se con W250)
60 g di farina 00
35 g di burro morbido (non fuso)
2 cucchiaini di sale fino
1 uovo
Per la finitura:
mix di semi o semi di sesamo
1 uovo
1 cucchiaio di latte
1 cucchiaio di acqua

Preparazione
In una ciotola ponete il latte e l'acqua tiepidi, unite quindi lo zucchero e il lievito. Mescolate bene fino a quando sarà sciolto e lasciate riposare per una decina di minuti. Sulla superficie dovranno formarsi un po' di schiuma o delle bolle. Questa indica che il lievito è attivo e ha iniziato la sua lievitazione.
Nella ciotola della planetaria mescolate le due farine con il sale. Aggiungete il burro morbido a pezzetti e lavorate con frusta K fino a quando quest'ultimo non sarà completamente assorbito dalla farina. La farina dovrà risultare lievemente "granulosa" ma non presentare tracce di burro.
Unite a questo punto il mix di acqua e lievito e l'uovo. Iniziate a lavorare l'impasto con un gancio impastatore per un tempo variabile di 10-15 minuti. L'impasto dovrà risultare elastico, omogeneo, ma piuttosto appiccicoso al tatto. Per questo motivo consiglio la lavorazione con planetaria, in modo da rendere più agevoli tutte le operazione senza cadere in tentazione di aggiungere ulteriore farina.
Non appena l'impasto si staccherà dai bordi della ciotola formate una palla, ponetelo in una ciotola capiente e coprite con pellicola o con un telo. Fate lievitare per circa 2 ore o almeno fino a quando sarà ben raddoppiato di volume.
Trascorsa la prima fase di lievitazione sgonfiate l'impasto con le mani lievemente infarinate. 
Infarinate un poco anche il piano di lavoro. Adagiateci l'impasto e suddividetelo in 8 pezzi da circa 90 g l'uno (potete utilizzare un bilancia per essere più sicuri). Formate quindi delle palline portando al di sotto di ogni panino tutti i lembi dell'impasto e procedete con una pirlatura, ovvero fate ruotare il panino tra le mani sfregandolo sul piano di lavoro (qui un video che vi spiega il movimento da effettuare). Questa operazione è importante per conferire al Burger Bun la sua forma caratteristica e permettere una corretta lievitazione e cottura. Man mano che formate i panini disponeteli su una teglia con carta forno distanziandoli bene.
Coprite la teglia con un telo di plastica in modo che non vada a contatto con i Burger Buns. Anche questa tecnica è importante perché un telo a contatto non permetterebbe ai panini di lievitare correttamente.
Fate lievitare per 1 ora e mezza - 2 ore.
Nel frattempo in una ciotola unite l'uovo, l'acqua e il latte e mescolate bene. Al termine della lievitazione spennellate generosamente ogni panino con il mix di uovo e latte e completate a piacere con semi vari.
Fate quindi cuocere in forno statico preriscaldato a 190°C - 200°C per circa 15 minuti o almeno fino a completa doratura. Lasciate raffreddare completamente prima di adagiarli in sacchetti per alimenti ben chiusi per la conservazione.

4 commenti

  1. Ma se non si possiede una planetaria vengono bene ugualmente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La planetaria è consigliata per un lievitato come questo, ma puoi armarti di buona pazienza e muscoli e impastare a mano facendo attenzione a non aggiungere troppa farina perché l'impasto risulta davvero molto morbido e appiccicoso.

      Elimina
  2. wuauua sono bellissimi... che voglia di addentarne uno! A presto LA

    RispondiElimina

Printfriendly