11 febbraio 2011

Truffles al riso soffiato




C'erano sentimenti contrastanti riguardo a questa ricetta, ma alla fine ho dovuto necessariamente provarla. E quale migliore occasione di San Valentino. Premessa: non amo particolarmente questo genere di feste, ma il fatto di creare un dolcetto con le mie mani mi ha portato a trovare necessariamente una piccola scusa. Quindi eccomi con i truffles, proposti dalla splendida e geniale Julie Andrieu nel suo libro "l'ABC del cioccolato". Altro annotazione: ho sconvolto la ricetta a causa di personalissime esigenze organizzative.. (ops!) all'ultimo minuto mi sono accorta di non avere esattamente gli ingredienti che Julie suggeriva, ma ho rimediato e qui vi propongo infatti la mia personalissima rivisitazione. Del resto i libri servono anche a questo.. sperimentare e farsi venire qualche piccolo colpo di .. genio! Tra parentesi vi indico comunque quello che realmente aveva suggerito Julie Andrieu. La ricetta dei truffes è comunque sempre abbastanza facile e, a mio parere, si possono sperimentare innumerevoli varianti...











Ingredienti:
250 gr di cioccolato fondente (cioccolato al latte e riso soffiato)
50 gr circa di riso soffiato (già contenuto nel cioccolato)
100 gr di burro
1 uovo
250 ml di panna (500 ml di panna)
cacao in polvere q.b. 


Preparazione
In una ciotolina fate fondere a bagnomaria il cioccolato tagliato a tocchetti, mescolando fino a quando non sarà ben liscio. Aggiungete quindi il burro tagliato a pezzi e continuate a mescolare delicatamente. Togliete dal fuoco, lasciate raffreddare qualche minuto e senza smettere di mescolare incorporate la panna e l'uovo. Quando l'impasto sarà omogeneo aggiungete il riso soffiato, avendo cura di lavorare il composto il meno possibile. L'astuzia consiste nel non fare ammorbidire troppo il riso, lavoro decisamente arduo. Versate il tutto in un comodo recipiente e ponetelo in freezer per almeno 2 ore. Non appena sarà ben solido, aiutandovi con un cucchiaio prelevate l'impasto e formate velocemente delle palline con le mani. Passatele in abbondante cacao in polvere e degustate. Si conservano in una scatola ermetica in frigorifero per 2/3 giorni.


Tratto dal libro "l'ABC del cioccolato" di Julie Andrieu

10 commenti:

  1. Trovo la tua versione perfetta. Il risultato poi parla da solo, sono delle trouffes perfette e sicuramente ottime!! :)

    RispondiElimina
  2. Ti vorrei invitare al mio primo contest MANI NELLA MANITOBA, una raccolta di ricette con la farina manitoba...
    http://dolciedesserts.blogspot.com/2011/01/primo-contest-mani-nella-manitoba.html
    se ti va passa a dare un'occhiata... ti aspetto...

    RispondiElimina
  3. Oooooooookei...addio dietaaa!!!
    ma dai come si fa a resistere a delizie simili?!?!?! ufffff... la segno...se poi la faccio e me li pappo tutti, me la prendo con te eh!!! :P Scherzo...

    Buon fine settimana :)
    Raffa

    RispondiElimina
  4. Questa rivisitazione ci piace molto!!!

    RispondiElimina
  5. brava! hai rimediato benissimo, dalle foto sembrano perfetti!

    RispondiElimina
  6. Complimenti! Bellissime da vedere e golose da mangiare!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...