4 marzo 2013

Financiers ai mandarini

IMG_6527

IMG_6531

Mi sono resa conto solo pochissimi giorni fa che non mi era mai passata per la testa l'idea di preparare dei financiers da pubblicare sul blog! Come sia potuto accadere, ancora non lo capisco!
Eppure ho salvato mille versioni diverse di questo dolce e colleziono albumi, rigorosamente porzionati e congelati, come se fossero tesori preziosi! Insomma dopo 3 anni, e forse più, di blog eccomi a cercare la ricetta perfetta. Come sempre mi sono ritrovata fra le mani versioni che con i veri "financiers" avevano davvero poco a che fare!

IMG_6521

IMG_6542

Originariamente i financiers erano piccoli dolci di forma ovale preparati dalle suore francesi dell'ordine della visitazione di Santa Maria, le "visitandines". Successivamente, gli svizzeri optarono per una forma rettangolare della tortina regalandole una nuova denominazione, ossia "financiers", proprio a causa della somiglianza con i lingotti d'oro. La forma ovviamente fu cambiata per non subire accuse di "plagio". In Francia esistono ancora dolci chiamati "visitandines" che restano della forma ovale originale. Secondo un'altra teoria, invece, il nome "financiers" deriverebbe dal distretto finanziario di Parigi, in cui il dolce era particolarmente popolare.

IMG_6505

IMG_6537

I "Financiers" sono teneri, soffici e con un colore dorato che richiama ovviamente i lingotti d'oro. Sono perfetti, nelle loro piccole dimensioni e per la leggerezza e la consistenza dell'impasto, da servire con tè e caffè, come deliziosi pasticcini.
Ciò che fa da padrone in questa ricetta, oltre all'utilizzo esclusivo degli albumi, è sicuramente il "beurre noisette", o burro color nocciola, che conferisce alle mandorle un tocco in più, esaltandone il sapore e l'aroma. D'obbligo quindi la farina di mandorle, meglio se tritata finemente al momento. Come dicevo, il burro è di fondamentale importanza per la buona riuscita dei "financiers" dal momento che ne caratterizza il tipico sapore e l'aroma che si sprigiona. Per ottenere il cosiddetto "beurre noisette" non dovrete fare particolati acrobazie, ma semplicemente far fondere il burro in un pentolino su fiamma medio bassa fino a quando non ottiene, per l'appunto, un lieve color nocciola. Prestate attenzione che non si colorisca troppo. Per questi dolcetti vi servirà uno stampo da mini cake rettangolare, ma potete optare anche per il tradizionale stampo per muffins, per graziosi dolcetti tondeggianti.
La ricetta in questione proviene direttamente da Ladurée, non potevo affidarmi ad altri. Il libro dedicato ai dolci è poi una vera e propria miniera d'oro (restando in tema di financiers!!) e fonte di ispirazione costante.

IMG_6525

IMG_6519

Questa che vi propongo oggi è la mia variante ai mandarini. Semplicissima, ma ricca di un profumo intenso che si sprigiona durante la cottura! Lascio a voi la scelta di inserire piccoli succosi spicchi di mandarino direttamente nell'impasto oppure optare per la sola scorza grattugiata.

IMG_6502

Ingredienti:
95 gr di burro
195 gr di zucchero a velo
70 gr di farina 00
65 gr di farina di mandorle
2 pizzichi di lievito per dolci
6 albumi
3/4 mandarini
1 cucchiaino di succo di mandarino
la scorza grattugiata di un mandarino (non trattato)

Preparazione
L'impasto va preparato con largo anticipo in maniera tale che possa riposare per almeno 12 ore. Vi consiglio pertanto di mettervi all'opera la sera precedente.
Fate fondere il burro in un pentolino con fondo spesso su fiamma medio bassa e fatelo colorire. Non appena avrà raggiunto un lieve color nocciola toglietelo dal fuoco e ponete la pentola a contatto con acqua ghiacciata per fermare completamente la cottura del burro. In questo modo avrete ottenuto il cosiddetto "beurre noisette". Fate raffreddare lievemente.
In una ciotola mescolate farina, farina di mandorle e zucchero a velo. Aggiungete due pizzichi di lievito e unite lentamente gli albumi per evitare la formazione di grumi. Unite la scorza di mandarino, un po' di succo filtrato e infine il burro ormai intipiedito. Mescolate per rendere l'impasto liscio ed omogeneo. Coprite con pellicola e ponete in frigorifero a riposare per circa 12 ore.
Imburrate gli stampi spennellando con burro fuso. Lasciate rapprendere lievemente e infarinateli eliminando poi l'eccesso. Versatevi quindi l'impasto riempiendo solo fino a 3/4. Adagiatevi gli spicchi di mandarino premendo lievemente.
Infornate in forno già ben caldo a 210°C e fate cuocere per circa 6-8 minuti. I tempi di cottura dipendono anche dalla dimensione degli stampi. In ogni caso i financiers dovranno risultare ben dorati. Potete controllare il grado di cottura con uno stecchino, che dovrà fuoriuscire dall'impasto, completamente asciutto.

27 commenti:

  1. Adorabili, amica mia. Sono di una raffinatezza e di una freschezza senza pari! Complimenti... leggerti è sempre interessantissimo.. e gustare le tue creazioni è speciale!! :D TVB!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Ely! I financiers non deludono mai ;)
      Un abbraccio forte e grandissimo amica mia!

      Elimina
  2. non conoscevo questa preparazione...devo assolutamente provare...ha un aspetto incantevole!
    bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi, devi assolutamente!!!
      Anche io ero poco interessata all'inizio, pensavo fossero le solite tortine e invece... non puoi capire la libidine nell'assaggiarne una!
      Un bacione

      Elimina
  3. I mandarini stanno quasi per scomparire, ma spero di reperirne ancora qualcuno per questa ricetta che mi sembra perfetta, anche io non li ho mai proposti sul blog eppure è una di quelle ricette basiche ;)

    complimenti per le bellissime foto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, questa ricetta infatti è un po' vecchiotta! Io compro sempre frutta a quintali perchè mio figlio la divora! I mandarini poi qui non mancano mai! Guai!!!
      Concordo, è una di quelle ricette di base che non dovrebbe non essere sperimentata!
      Un abbraccio

      Elimina
  4. mamma!! che belli :-) mi piacciono tanto anche le foto :-) complimenti! :-) ciao, a presto

    Federica :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio moltissimo Federica ;))
      Mi hai regalato un sorriso in una giornata un po' così!
      Bacione

      Elimina
  5. Uauuu!non li conoscevo! finalmente una ricetta dove posso usare tutti gli albumi che conservo, sennò ogni volta sono sommersa da meringhe perchè non so mai come usarli!! Me la segno,un bacio a presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto Monica??
      Io dovrei fare una lista di tutte queste ricette "salva albumi" perchè a volte non so mai cosa farci! Come dici tu, mica si può optare sempre per le meringhe, giusto?
      Questi dolcetti sono veloci, facili, super buoni e anche un'ottima scusa per consumare gli albumi avanzati senza troppo sbattimento ;)
      Un bacione

      Elimina
  6. veramente invitanti!! ho anch'io questo libro ma, tutte le volte che lo apro, mi perdo e mi incanto tra le pagine così colorate e difficilmente riesco a scegliere una ricetta da provare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hihihi anche io provo la stessa identica sensazione quando lo sfoglio! Resto lì incantata e non mi smuovo dal provare le ricette, forse c'è un po' di timore riverenziale di fronte a Ladurée! Quest'anno però mi sono ripromessa di provare buona parte delle ricette contenute in questo meraviglioso volume!

      Elimina
  7. Boni boni...li proverò senza glutine al più presto!!! :)

    Ciao ciao

    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara!!
      Fammi sapere quando li provi, mi raccomando!
      Ma soprattutto poi voglio avere la ricetta senza glutine!!
      Un abbraccio

      Elimina
  8. Ammetto la mia ignoranza, non conoscevo questi dolcetti. Hanno un aspetto deliziosamente soffice e profumato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non preoccuparti Elena, io li conoscevo di nome e non pensavo fossero così incredibilmente buoni!!
      Sono soffici e profumatissimi, devi assolutamente provarli!
      Bacio

      Elimina
  9. questo e' amore a prima vista!!!interessante e da provare al piu' presto^^!grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francy!
      Te ne sei innamorata anche tu? Chissà quando li addenti allora!!
      Provali non te ne pentirai!!
      baci

      Elimina
  10. delicati e super golosi... davvero una bella ricetta, me la segno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi poi sapere se decidi di provarli Michela!
      A presto

      Elimina
  11. adoro il loro nome, li studio da lontano, mi sanno di qualcosa di elegante e raffinato...sarei curiosa di saperne il sapore...ma ci credi che non li ho mai fatti? :) visti quelli che hai sfornato tu mi sa proprio che mi decido a farli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. devi assolutamente provarli, fidati!! Sono qualcosa di sublime!!

      Elimina
  12. these look truly delicious!

    RispondiElimina
  13. Mandarin financiers look wonderful and i am sure these would taste wonderful as well! Lovely pictures!!

    RispondiElimina
  14. Meravigliosi. Ne vorrei uno subito! :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...