11 febbraio 2012

Red Velvet Cake

IMG_9493

IMG_9535

Questa ricetta proviene direttamente da "The Hummingbird Bakery", uno dei luoghi più incantevoli e suggestivi per chi, come me, ha una adorazione sfrenata per queste sublimi pasticcerie dai colori vivaci e dai mille e più gusti di cupcakes. In effetti poi, le Red Velvet Cupcakes sono uno dei gusti più venduti e più apprezzati nella famosa bakery londinese. Ragion per cui non mi sono lasciata sfuggire la ricetta originale e, ovviamente, il libro che ne custodisce tutti i segreti per una perfetta realizzazione.
Ma non finisce qui... Dal momento che di cupcakes ne sto sperimentando a bizzeffe (e a breve ne avrete una larga e squisita dimostrazione!!), ho pensato di fabbricare l'ennesima torta. Siccome poi ormai sono in modalità "San Valentino", ho dato libero sfogo alla fantasia e ho rispolverato il mio scatolone ricco e zeppo di forme, stampi e tagliabiscotti rigorosamente a forma di cuoricino! Perchè fare dolci pieni di amore per gli altri mi regala sempre grandi soddisfazioni. Al di là dell'istituzione commerciale che è in realtà il giorno di San Valentino. Perchè anche senza essere un'amante di questo tipo di festeggiamenti, mi piace comunque trovare una vaga scusante per mettermi all'opera e creare qualcosa di nuovo. Quindi bando alle smancerie da innamorati ed eccovi una delle torte più ricche e goduriose della storia. Il frosting per la copertura può essere realizzato in due modi differenti: con una semplice e zuccherosa buttercream alla vaniglia, una delle mie preferite, oppure con il classico e ricchissimo frosting al Philadelphia, decisamente più cremoso e morbido, ma che si sposa alla perfezione con la ricetta originale! A voi la scelta! Con queste quantità otterrete una morbida torta a due strati non troppo alta (con una tortiera dal diametro 20 cm), oppure dai 12 ai 16 cupcakes. Non lasciatevi intimorire dalla lista degli ingredienti. Il fatto che tra di essi compaia, volutamente, l'aceto di mele non è un errore di battitura, nè tanto meno uno scherzo brutale. La vera Red Velvet non può farne a meno, esso serve infatti, unito al bicarbonato di sodio a favorire la lievitazione e, evaporando durante la cottura, non lascia alcun residuo nè sgradevole odore. Provare per credere! Tanto che sto seriamente pensando di utilizzare questo piccolo trucco anche per altre creazioni future!

IMG_9516

IMG_9498

IMG_9510

IMG_9527

IMG_9524

IMG_9531

IMG_9534

IMG_9518

IMG_9521

Ingredienti:
120 gr di burro morbido
300 gr di zucchero semolato
2 uova
20 gr di cacao amaro in polvere Van Houten
40 ml circa di colorante per alimenti rosso (la quantità può variare a seconda che decidiate di utilizzare il tipo in gel, in pasta oppure liquido)
1 cucchiaio di essenza di vaniglia
300 gr di farina 00
1 cucchiaino di sale fino
240 gr di buttermilk (sostituibile con 100 ml di latte e 140 di yogurt bianco intero)
1 cucchiaio di aceto di mele (sostituibile con aceto di vino bianco)
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
Per la buttercream alla vaniglia (opzione 1):
115 gr di burro morbido
60 ml di latte
500 gr di zucchero a velo
1 cucchiaio di estratto di vaniglia
Per il Frosting al Philadelphia (opzione 2):
100 gr di burro morbido
600 gr di zucchero a velo
250 gr di Philadelphia (meglio se nei singoli panetti avvolti da carta argentata)
decorazioni in zucchero (facoltative)

Preparazione
Preriscaldate il forno a 190°. Imburrate e infarinate due tortiere e foderatele con carta forno. O, qualora optiate per le cupcakes, adagiate nell'apposita teglia i pirottini.
Con uno sbattitore elettrico o servendovi di una planetaria sbattete energicamente il burro morbido e lo zucchero fino ad ottenere un composto cremoso. Unite un uovo alla volta, mescolando bene dopo ogni aggiunta. In una ciotola a parte unite il cacao, il colorante rosso e l'essenza di vaniglia e formate una pasta omogenea che andrete ad unire al composto precedente. Mescolate energicamente per ottenere una crema uniforme. Setacciate in un contenitore la farina e il sale e unite il tutto al composto, alternandolo con la buttermilk. Continuate a mescolare energicamente. In una tazzina versate quindi un cucchiaio di aceto di vino e unitevi un cucchiaio di bicarbonato mescolando velocemente. Versate nell'impasto incorporandolo alla perfezione. Dividete quindi il composto a metà e versatelo nelle rispettive tortiere oppure distribuitelo negli stampini per muffins, riempiendoli solo fino ai 2/3. Nel caso optiate per la realizzazione della torta livellate lievemente la superficie e ponete in forno già caldo per circa 30 minuti controllando il grado di cottura con uno stuzzicadenti, in maniera tale che, estraendolo, ne fuoriesca completamente asciutto. Per le cupcakes invece il tempo di cottura varia dai 18 ai 20 minuti a secondo del tipo di forno. Lasciate raffreddare completamente i dolci prima di sformarli e ricoprirli con buttercream o frosting al Philadelphia. Per la torta vi consiglio di lasciarla riposare per una intera notte (o comunque non meno di 8 ore) prima di ricoprirla in maniera tale che risulti più compatta. Togliete quindi dallo stampo non appena si sarà completamente raffreddata e ponetela a riposare su una griglia.
Passiamo ora alla preparazione della copertura. Per la realizzazione della classica buttercream alla vaniglia trovate qui tutte le informazioni, gli ingredienti e il metodo per realizzarla. Mentre per quanto riguarda il frosting al Philadelphia dovrete procedere come segue. Utilizzando uno sbattitore elettrico o una planetaria sbattete energicamente il burro morbido, unitevi man mano lo zucchero a velo fino a quando non avrete una crema omogenea. Aggiungete quindi il Philadelphia e continuate a sbattere a velocità sostenuta in maniera da incorporare quanta più aria possibile. Dovrete ottenere un composto denso, omogeneo e spumoso. Potete decorare a piacere con sprinkles di zucchero o sbriciolando lievemente uno dei cupcakes e cospargendolo lievemente sul frosting per dare un tocco di colore.

25 commenti:

  1. che bella...

    anche io credo che non ci sia bisogno di una festa per dedicare una dolcezza a chi ci vuole bene, quindi ben vengano tutti questi suggerimenti coccolosi da segnare anche per il post San Valentino!

    un abbraccio
    Claudia

    ps: sono curiosissima di leggere le tue novità, intanto io ti faccio il mio in bocca al lupo virtuale!

    RispondiElimina
  2. Wow, questa torta è davvero invitante..l'aceto di mele mi aveva un po' allarmata, ma mi fido delle tue parole!!Queste foto sono molto belle, ed io solitamente non amo i cuori!

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia...quando le torte sono così belle è quasi un peccato doverle mangiare !

    RispondiElimina
  4. Che bellaaa! ne ho trovata una di red velvet di un rosso acceso che non avevo mai visto, la proverò presto! ;) la tua è magnifica come sempre!

    Vevi :)

    RispondiElimina
  5. Bella complimenti! Anche io l'ho fatta ma con un'altra ricetta. La posterò tra qualche giorno. Nani

    RispondiElimina
  6. red velvet?adorooooooo voglio provare!!
    jessica

    RispondiElimina
  7. che perfezione!!! troppo brava!

    RispondiElimina
  8. sempre bravissima, complimenti!

    RispondiElimina
  9. Oh mio dio! Ma questa red velvet è meravigliosa! Accipicchia, è una super bomba! Dev'essere la fine del mondo!

    RispondiElimina
  10. mammamia, è una torta che già di suo trovo fantastica, ma presentata con questa forma (che trovo sia "la morte sua" veramente) è davvero azzeccata. Brava, bravissima, manine d'oro

    RispondiElimina
  11. bellissima!! Io ho provato solo una volta a fare i cupcakes red velvet, ma decisamente ho sbagliato ricetta :D Mi segno questa per il prossimo tentativo!

    RispondiElimina
  12. Adoro quella pasticceria quando vado a Londra vado spesso in quella di Portobello road ... ma non riuscirò mai a produrre il magnifico risultato che è uscito dalla tua cucina. E persino troppo bella per essere mangiata!
    Super brava come sempre
    Alice

    RispondiElimina
  13. un'infinita golosità! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  14. Bellissima e buonissima questa!
    Devo provare a farla per mio marito.
    Ti dispiace se la pubblicizzo sul mio blog?

    RispondiElimina
  15. La Red Velvet...l'ho provata e postata anch'io...è una vera delizia consiglio a chiunque di provarla almeno una volta...la tua è davvero molto bella! Complimenti!

    RispondiElimina
  16. Ciao e complimenti per il tuo blog l ho appena scoperto per sbaglio ed è strepitoso... Dopo varie red velvet finalmente con la tua e il mitico aceto di mele mi ci sono Proprio avviicinata ... Mi manca solo la colorazione rossa... Uffaccia quella proprio non mi viene!!! Ho usato il rosso in bottiglietta del super una intera ma niente . Tu quali usi? Grazie

    RispondiElimina
  17. @alielttr: ciao!! Sono proprio contenta che ti sia piaciuta! Per il colorante.. io solitamente utilizzo quelli della Wilton in pasta o della Decora (sempre in pasta)... li vendono in un barattolino e solitamente ne basta pochissimo per colorare bene. Con quelli della Wilton mi trovo benissimo.. quelli della Decora seccano subito e ne devo usare di più! Per la Red Velvet ovviamente ce ne vuole un po' per ottenere il colore giusto! Prova a guardare su Caramellandia.com, nella sezione coloranti! Se dici di essere lettrice de La tana del coniglio ti fanno anche un piccolo sconto 10%. Io solitamente i coloranti li prendo da loro! Avevo provato anche io quelli liquidi, comprati al super, ma non coloravano niente!!! Fammi sapere, tienimi aggiornata! Ti lascio la mia email se ti dovessero servire altre info: tanadelconiglio@live.it
    Un abbraccio e a presto
    Erika

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Erika ! Si conosco i colori della wilton li uso per la pdz e la glassa , mentre qui ho usato quelli della decora in tubetto ma in effetti non colorano abbastanza ;) ( provavo solo a economiZzare :) ma con scarsi risultati ahahahah
      Riproveró .
      Ps sto testando un po delle tue ricettine...e sono tutte favolose ;)
      A presto
      Leila

      Elimina
  18. Questa torta è fantastica...sei TROPPO brava!

    RispondiElimina
  19. Ciao e complimenti per il blog :) ho solo una domanda da fare: se volessi fare tre strati invece che due,(sempre con una tortiera da 20cm) dovrei aumentare le dosi oppure verrebbero solo leggermente più bassi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! per avere tre strati puoi semplicemente suddividere l'impasto in 3 teglie. Se vuoi che gli strati restino più alti puoi utilizzare uno stampo più piccolo di quello indicato nella ricetta (uno da 18 cm va bene). In caso contrario puoi aggiungere metà dose di impasto e utilizzare sempre lo stampo da 20 cm per un effetto bello alto ;)

      Elimina
  20. La provo subito! Una domanda, posso utilizzare solo una forma da 20cm e poi tagliare in due la torta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Virginia. Sì puoi cuocere tutta la torta in un solo stampo da 20 cm e poi tagliarla in due. Ti consiglio però di lasciare riposare il dolce per circa 2-3 ore prima di tagliarlo e farcirlo così sarà più compatto ed eviterai di romperlo. Io lo faccio cuocere in due stampi per comodità perchè non necessita di tempi di riposo, ogni strato viene omogeneo e non rischio di romperla.
      Puoi comunque procedere come per una normale torta senza problemi!
      Poi fammi sapere se ti è piaciuta
      A presto!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...