Gâteau Breton

11 marzo 2015


I dolci francesi mi hanno sempre fatto impazzire, sono stati uno dei miei più grandi amori, fin da bambina. Il Gâteau Breton l'ho scoperto però qualche anno più tardi e, da allora, il ricordo, il profumo, il sapore burroso mi è rimasto nel cuore. Ho sempre cercato una ricetta che potesse avvicinarsi quanto più possibile all'originale. Del resto, esistono innumerevoli versioni di questo dolce, potete sbizzarrirvi e godere delle varianti proposte tra i blog francesi o da vere e proprie autorità come "La mère Poulard", che nel suo libro propone sempre ricette ad alto contenuto di burro.
Il Gâteau Breton è di fatto uno dei dolci più burrosi che io abbia mai visto. Il trucco per la perfetta riuscita sta ovviamente nell'utilizzo del miglior burro che riusciate a trovare. Armatevi di pazienza e andate alla ricerca di quello "demi-sel", meglio se direttamente preparato in Bretagna. In questi giorni ho avuto l'enorme fortuna di provare le "Beurre moulé" Payson Breton, un burro ottenuto da panna fresca pastorizzata e centrifugata, proprio come una volta.
Per questa ricetta consiglio di utilizzare quello leggermente salato, ma se proprio non riuscite a trovarlo aggiungete mezzo cucchiaino di sale al burro morbido, mescolando bene. Il sapore dovrà risultare vagamente salato, ma con tutto il retrogusto morbido e cremoso del burro fresco. Tutte queste caratteristiche si trasferiranno magicamente al vostro Gâteau Breton.



Un dolce che, più che ad una vera e propria torta, vi sarà più facile paragonare ad un immenso biscotto burroso. La superficie dovrà risultare ben dorata e croccante, caratterizzata dal classico disegno dei tipici sablès francesi. L'interno invece sarà leggermente più morbido ed umido, con tutta la cremosità del burro e un retrogusto leggermente salato, perfetto per stuzzicare le papille gustative. Il profumo è quello tipico dei fornai francesi, un mondo squisito in cui gli ingredienti artigianali di prima qualità fanno da padrone. Insomma vi sembrerà di viaggiare nel nord della Francia per un tuffo in una delle regioni più splendide, la Bretagna.


 

Per il Gâteau Breton è consigliabile utilizzare uno stampo con cerniera apribile, in maniera tale da non doverlo necessariamente rompere. Lo stampo andrà sempre ben imburrato e infarinato ed è consigliabile lasciarlo raffreddare completamente una volta sfornato, poichè il dolce sarà particolarmente friabile. Vista la notevole quantità di tuorli utilizzati, io ho preferito dimezzare le quantità a 4 e optare quindi per uno stampo più piccolo, da 18 cm. Lascio a voi la scelta. Trattandosi di un dolce non proprio leggerissimo e perfetto per una decina, o più, di persone potete tranquillamente optare per una versione leggermente più piccola (e accontentare comunque bene o male un po' tutti!). Vi basterà dimezzare tutte le quantità dei vari ingredienti, fatta eccezione per il lievito e il mix per la doratura. Vi consiglio di gustarlo a colazione, una piccola fetta, gustata con confettura è qualcosa di divino.
Si conserva per più giorni in una scatola o confezione ben chiusa, al riparo da umidità e fonti di calore.


Ingredienti
8 tuorli
460 g di farina 00
280 g di zucchero semolato
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
320 g di burro semi salato morbido
1 tuorlo + 1 cucchiaio di latte per dorare

Preparazione
Preriscaldate il forno a 200°C. Con l'aiuto di un mixer o lavorando comodamente con una planetaria sbattete energicamente i tuorli con lo zucchero fino a quando non avrete ottenuto una morbida spuma molto chiara. Aggiungete il burro molto morbido e lavorate il tutto per ottenere una consistenza omogenea, cremosa. Unite infine la farina 00 e il lievito. Lavorate velocemente l'impasto per pochi minuti fino ad ottenere un composto vagamente simile alla pasta frolla, ma molto più morbido. Lasciatelo riposare brevemente. Nel frattempo imburrate e infarinate bene uno stampo a cerniera da 22 cm circa. Adagiatevi quindi l'impasto all'interno della tortiera livellandolo bene. 
Spennellate la superficie del dolce con un tuorlo sbattuto con poco latte. Con i rebbi di una forchetta, o con un coltello affilato, praticate delle incisioni che andranno ad intersecarsi creando un disegno.
Infornate e fate cuocere per circa 20 minuti, abbassate poi la temperatura a 180°C e proseguite per altri 25 minuti circa. Sfornate e lasciate raffreddare completamente.
Qualora optiate per dimezzare le dosi, diminuite leggermente i tempi di cottura. Vi basterà tenere sott'occhio il grado di doratura del dolce per capire quando abbassare la temperatura del forno.
La tana del coniglio © . Design by Berenica Designs.