Torta Caprese


La Torta Caprese è una grande classico della tradizione napoletana e, come tale, va rispettato e venerato, grazie alla sua straordinaria bontà. Originario della meravigliosa isola di Capri, questa torta è unica nel suo genere ed è sostanzialmente una morbida e cremosa delizia a base di cioccolato e mandorle. Un dolce senza farina super goloso adatto proprio a tutti!


Facilissimo da realizzare, bastano pochi semplici accorgimenti per ottenere un dolce unico e irresistibile. Grazie ai consigli della ricetta di Simona ho realizzato una torta Caprese squisitamente perfetta! Una croccante crosticina racchiude una torta dalla consistenza molto umida, grazie alla generosa presenza di cioccolato fondente e alla totale assenza di farina che la rende perfetta anche per gli amici celiaci.


La sua consistenza è simile ad un tartufo di cioccolato, in sostanza si scioglie piacevolmente in bocca e ti trasporta direttamente in paradiso. Per la realizzazione sarebbe utile avere il classico stampo, leggermente svasato (come quello per la pastiera), ma potete utilizzare anche una normale tortiera. Fate solo attenzione ai tempi di cottura, mai più di 40 minuti, per ottenere un cuore morbido al punto giusto. Un'altra nota importante: la vera torta Caprese va assolutamente spolverizzata con abbondante zucchero a velo!
Per una torta da 20 cm



Ingredienti
185 g di farina di mandorle (o mandorle pelate e tritate molto finemente)
125 g di cioccolato fondente
125 g di burro
125 g di zucchero semolato
3 uova
scorza grattugiata di 1 arancia Bio
1 cucchiaio di liquore Strega (oppure rum o Grand Marnier)
abbondante zucchero a velo per decorare

Preparazione
Fate sciogliere a bagnomaria il cioccolato con il burro fino ad ottenere una morbida crema liscia ed omogenea. Tenete da parte e lasciate intiepidire bene.
Nel frattempo separate i tuorli dagli albumi.
Montate per diversi minuti i tuorli con 80 g di zucchero (presi dal totale degli ingredienti) fino ad ottenere un composto morbido e spumoso. Aggiungete la scorza di arancia grattugiata e il liquore, mescolate e unite anche il cioccolato fuso. Continuate a lavorare con le fruste fino ad avere un impasto ben liscio e lucido.
Aggiungete la farina di mandorle e mescolate delicatamente con una spatola.
Montate a neve gli albumi con il restante zucchero e incorporatelo con una spatola al composto in 2 o 3 tempi con molta delicatezza. Cercate di non smontare il composto.
Imburrate e infarinate bene una teglia da 20 cm (o il classico stampo svasato in alluminio per pastiera).
Versate l'impasto e livellatelo bene. Fate cuocere in forno statico preriscaldato a 180°C per circa 35 minuti. Controllate il grado di cottura con uno stecchino. Il cuore del dolce dovrà restare ben umido. Lo stecchino quindi non dovrà fuoriuscire pulito e asciutto, ma presentare briciole di impasto piuttosto morbido (attenzione non liquido!).
Sfornate e lasciate raffreddare completamente per un minimo di 30-40 minuti. La fase di riposo è molto importante per non rompere il dolce.
Passate un coltello lungo i bordi per staccarlo alla perfezione e rovesciate delicatamente su un piatto da portate. Quindi decorate con zucchero a velo

Nessun commento