8 aprile 2015

Piccoli banana bread vegani con farro e avena


Io, per il banana bread, ho una vera e propria ossessione. Sarà che compro quintali di banane, che poi maturano sempre troppo velocemente, e una delle migliori alternative resta sempre e comunque questo dolce, dalla consistenza vagamente umida e dal sapore unico. Ho provato innumerevoli ricette, ma non mi ero ancora affidata alla versione vegana, senza uova, latte o derivati. Il risultato di queste tenere e soffici tortine è qualcosa di unico e non potete lasciarvelo scappare.
Se fate parte di quella categoria che sono sempre un po' scettici a proposito dei dolci vegani, con questa ricetta dovrete ricredervi. Perchè da grande estimatrice e amante del burro, devo ammettere che sono risultate praticamente perfette, come un vero banana bread dovrebbe essere.

Come sempre, scegliete delle banane mature, di quelle che riescono a profumare perfettamente qualsiasi dolce. Vi basterà tagliarle a pezzetti, unire del buon olio delicato e aggiungere dello zucchero. Io mi sono limitata a 70 g di zucchero di canna, ma potete optare anche per quello semolato, o aumentare addirittura le quantità qualora vogliate un banana bread più dolce. Questa quantità rappresenta, per me, il giusto compromesso tra sapore dolce e un buon gusto delicato in cui il gusto delle banane sia perfettamente riconoscibile. Scegliete anche un olio non troppo forte. Per questo tipo di ricette è perfetto quello di semi di girasole, ma anche un olio di oliva non troppo deciso, dal sapore delicato. Io ne ho approfittato per testare il Ricetta Delicata che Cirio mi ha inviato qualche settimana fa.


 

Potete preparare una classica versione nello stampo per plumcake, oppure delle mini cake, anche tonde, usando un normale stampo per muffins. Io ho optato per questi mini banana bread. Perfetti per la prima colazione, si prestano perfettamente anche ad essere gustati con un po' di confettura e sono ottimi con la frutta fresca. Per un risultato ancora più salutare ho scelto di realizzarli esclusivamente con farina integrale di farro e un po' di avena che regala una nota vagamente croccantina. Se devo essere onesta ci avrei aggiunto anche qualche bella noce tritata nell'impasto. Se ne avete qualcuna sotto mano, non lasciatevi sfuggire questo suggerimento! Il banana bread si presta sempre a infinite golose varianti!
Mentre io penso già al prossimo dolce... vi lascio questa golosa ricetta vegana per 4 mini banana bread!



 
 
Ingredienti
180 g di farina integrale di farro
125 ml di olio extravergine di oliva delicato (o olio di semi di girasole)
1 cucchiaino di lievito per dolci
1/2 cucchiaino di bicarbonato
2 o 3 banane mature (circa 300 gr)
70 g di zucchero di canna chiaro
20 g di crusca di avena
2-3 cucchiai di avena in fiocchi
succo di 1/2 limone

Preparazione
In una ciotola ponete la farina di farro, il lievito e il bicarbonato e mescolate il tutto.
Tagliate la banana a pezzetti, ponetela nel bicchiere di un frullatore e aggiungete il succo di limone filtrato, l'olio e lo zucchero. Frullate il tutto per pochi minuti fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea. Unite man mano la polpa di banana alla farina e mescolate bene. Non appena avrete ottenuto un impasto privo di grumi unite la crusca di avena e mescolate bene.
Spennelate con poco olio degli stampini per mini cake e versate l'impasto, riempiendo solo fino a 2/3. Cospargete sulla superficie l'avena in fiocchi. Fate cuocere per circa 20-25 minuti in forno già caldo a 180°C.
Una volta pronte, lasciatele intiepidire poi toglietele dallo stampo e gustatele!

20 commenti:

  1. Trovo la ricetta meravigliosa e ancor di più le fotografie...complimentissimi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Sono felicissima che ti piaccia :D

      Elimina
  2. Sono sempre stata un po' scettica sull'utilizzo di banane negli impasti, perché mi pare che conferiscano un gusto troppo deciso. Ma devo dirti che questa tua ricetta mi ha quasi fatto cambiare idea......la provo e poi ti faccio sapere!!! Complimenti! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, le banane, all'interno dei dolci, hanno un sapore molto forte. O lo si odia o lo si ama. Anche in questo dolce le banane fanno da padrone. Io amo moltissimo i banana bread, ne sforno sempre tantissimi! Se lo provi poi fammi sapere cosa ne pensi ;)

      Elimina
  3. Non li ho mai fatti questi dolci, perchè temo che il dolciastro della banana sovrasti troppo gli altri ingredienti, comunque le tue foto sono sempre spettacolari Erika
    P.S. Sabato sera rifarò la tua crostata senza cottura in versione glutenfree, questa volta farò la ganache al cioccolato fondente, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola!
      Tienimi aggiornata sulla crostata senza cottura, sono sempre curiosa di vedere le tue meravigliose realizzazioni :D
      Un abbraccio

      Elimina
  4. fantastici,bravissima, e grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  5. niente, questi dolcetti hanno tutto ciò che amo. perfetti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Letizia! Qui sono spariti in pochissimo tempo!

      Elimina
  6. Li adoro, non solo per il farro e l'avena, anche per le banane e il formato....una vera schiccheria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore! Ormai non riesco più a fare a meno della farina di farro, la metterei ovunque e, nel banana bread, è stata una vera rivelazione!

      Elimina
  7. sono bellissimi... spero riescano a farmi ritrovare confidenza con la banana negli impasti, l'ultimo tentativo non mi aveva proprio soddisfatta!
    Complimenti, un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura,
      le banane, nelle torte, purtroppo non sempre garantiscono ottimi risultati. Io preferisco ridurre la quantità, se proprio non ho voglia di una torta dal gusto troppo intenso. Queste tortine sono il giusto compromesso. Spero ti piaceranno ;)
      Un abbraccio

      Elimina
  8. Ma che collezione di banana bread uno più bello e goloso dell'altro hai?! *_*
    Devo decidermi a provarli tutti! Se non fosse che come credo di aver già detto io con le banane ho il problema opposto. Difficile che riesca a lasciarle fino ad arrivare oltre, aggiungendo il fatto che le mangio solo quando sono macchiate. Mi sembra sempre uno spreco buttarle in un dolce. Anche se so che il banana bread poi non me ne farebbe pentire:) Sono contenta che tu ti sia potuta ricredere, anche perchè le banane sostiuiscono già egregiamente le uova e in questo dolce, proprio non ce n'è bisogno!
    Un saluto e a presto Erika!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!! Sì, lo ammetto, ho la mania dei banana bread, sono totalmente dipendente da questo dolce! Io non ne avanzo mai più di 2, la giusta quantità per piccoli dolci come questo. Il fatto è che mio figlio ed io amiamo le banane poco mature e quindi ce le divoriamo sempre subito! Per non vivere di sole banane però qualcuna ne avanza sempre in fondo al cesto della frutta .. quindi via di banana bread per la prima colazione!! Questo era davvero fantastico, le uova non mi sono mancate per nulla ;)
      Un abbraccio e a presto

      Elimina
  9. Ieri sera ho realizzato questa tua ricetta. Che dire.... meravigliosa!!! Sono venuti dei plum cake leggeri e molto profumati. Anche la mia famiglia ne e' rimasta molto entusiasta.
    Complimenti per il tuo sito che ogni giorno seguo con grande piacere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Tiziana!! Perdonami se ti rispondo solo ora!!
      Sono felicissima che ti siano piaciuti! anche io li ho divorati appena sfornati, sono molto soffici e leggeri ;)
      Grazie, grazie di cuore!
      Un abbraccio e a presto!

      Elimina
  10. Ciao! Se si usa uno stampo grande da plume cake quanto va tenuto nel forno? È possibile sostituire l olio di girasole con quello di arachidi? Grazie e complimenti !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Barbara, puoi sostituire tranquillamente l'olio di girasole con quello che preferisci. Non c'è alcun problema! I tempi di cottura con uno stampo classico da plumcake si allungano e possono arrivare anche a 40 minuti. Tienila sotto controllo negli ultimi 5-10 minuti. Per vedere se è cotta fai la prova dello stuzzicadenti (che deve uscire completamente asciutto!). Poi fammi sapere ;) A presto!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...