La tana del coniglio

Food+photography blog. Raccolta di ricette e appunti di cucina.

Cerca

Pizza tonda per fornetto Ferrari



Ho aspettato qualche settimana prima di pubblicare questa ricetta della pizza tonda per fornetto Ferrari. Volevo essere certa della sua perfetta riuscita e ho sperimentato più di un impasto. Questa è sicuramente la versione che più mi soddisfa regalando una pizza realmente come quella appena sfornata in pizzeria! Una vera delizia, tanto che in casa non riusciamo più a smettere di preparare pizze.
Qualche settimana fa ho acquistato il Fornetto Ferrari G3. Era già da un bel po' che era nella mia lista dei desideri e alla fine mi sono convinta. Mai acquisto fu più azzeccato. Noi che siamo audaci consumatori di pizza non potevamo farne a meno.
Giusto qualche piccola prova ed è stato subito amore.

Pizza pronta in pochi minuti e con un cornicione strepitoso. Ben alveolata, leggera, fragrante e soprattutto buonissima!



Per la stesura ho seguito i consigli di questo video di Davide Civitiello.
Ho utilizzato un impasto con idratazione al 70% quindi significa per 1 kg di farina vengono utilizzati 700 ml di acqua. Il mio consiglio per la realizzazione di pizze da preparare con il cornetto è di scendere al massimo al 60%, non di più. Per quanto riguarda la lievitazione ovviamente dipende da quando desiderate che la pizza sia digeribile e quanto tempo avete a disposizione per la lievitazione.
Per comodità vi segnalo una lievitazione di circa 4 ore e mezza circa con circa 20 g di lievito. Questo per ottenere una pizza molto buona anche quando si ha poco tempo a disposizione. Ovviamente potete ridurre il quantitativo di lievito e aumentare di conseguenza i tempi di lievitazione, ponendo l'impasto anche per un riposo di 8 ore in frigorifero a seconda delle vostre esigenze e necessità. Io quando ho tempo a disposizione (e non una voglia improvvisa di pizza!) realizzo questo impasto anche con 10 g di lievito preparandolo la mattina presto per la sera.



Potete utilizzare questa ricetta anche per una classica pizza in teglia. Io la utilizzo molto spesso con ottimi risultati.
Con queste quantità si ottengono circa 6 pizze da 210 g l'una.
Altra nota importante per l'utilizzo del fornetto Ferrari: cercate di non fare panetti di pizza più grandi di 250 g. Se avete difficoltà nella stesura dell'impasto il mio consiglio è di restare sui 200-210 g al massimo. E' comunque una giusta porzione per persona.



Ingredienti
Per il primo impasto:
100 g di farina 00
100 ml di acqua tiepida
20 g di lievito fresco
1 cucchiaino di zucchero

Per il secondo impasto:
300 g di farina 00
150 g di farina 0
180 di farina manitoba
2-3 cucchiai di olio evo
10 g di sale fino
390 ml circa di acqua tiepida (io ne ho utilizzata solo 370 ml per una lievitazione veloce e meno idratata, qualora optiate per la lievitazione da 4 ore va benissimo)
Primo impasto

Preparazione
Per prima cosa realizzare il primo impasto. In una ciotola formate una pastella sciogliendo in acqua lo zucchero. Sbriciolate il lievito e mescolate bene. Unite quindi la farina e mescolate accuratamente con una forchetta fino ad ottenere una pastella omogenea. Lasciate lievitare fino al raddoppio (circa 10 minuti).
Nella ciotola della planetaria unire i 3 tipi di farina e il sale. Mescolare bene e aggiungere olio evo. Mescolare nuovamente e formare una conca al centro. Versare il primo impasto e iniziare ad impastare con gancio. Aggiungere man mano poca acqua alla volta fino ad ottenere un impasto morbido, ben idratato ma non molle.
Lavorare a velocità media, ben sostenuta per almeno 10 minuti, anche 15 se necessario, senza surriscaldare l’impasto.
Non appena sarà ben staccato dai bordi della ciotola, trasferire su piano lievemente infarinato. Infarinare le mani con poca farina 00 (o con semola) e fare un paio di pieghe. Formare una palla e porre a riposare nella ciotola coperto con un panno leggermente umido nel forno spento con luce accesa per almeno 2 ore. Se utilizzate meno lievito dopo questa fase trasferite in frigorifero per circa 6-8 ore.
Sgonfiare l’impasto con le mani e creare delle porzioni di uguale peso (circa 200–210 g fino ad un massimo di 250g).
Formare delle palline e disporle su una teglia coperta con carta forno e leggermente infarinata ben distanziate l’una dall’altra.
Coprire con un telo umido e lasciare lievitare nuovamente per circa 1 ora nel forno spento con luce accesa.
Poco prima della preparazione accendere il fornetto a temperatura 2 e 1/2 - 3 per circa 10 minuti come da indicazioni del fornetto Ferrari G3.
Nel frattempo aprire ogni pallina delicatamente con la punta delle dita ben infarinate su un piano di lavoro precedentemente infarinato. Girarla più volte e allargarla sempre con la punta delle dita formando una sorta di cornicione (seguite il video). Disporla sulle due pale ben infarinate e farcire a piacere.
Aprire il forno fino a quando la spia non si sarà nuovamente accesa e infornare la pizza facendola scorrere dalle pale con delicatezza. Chiudete il fornetto. Io ho utilizzato temperatura 2 e mezzo- 3 per 4 minuti e mezzo circa, ruotando delicatamente la pizza a metà cottura. 
Sfornate e gustate subito.

3 commenti

  1. il fornetto mi ispira da un po', ci faccio la punta ma non ho più posto in dispensa :-( ma prima o poi ;-) sono troppo invitanti le pizze cotte nel fornetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici! Ormai non so più dove mettere tutti i vari elettrodomestici. Anche io ci ho messo un po' prima di decidermi.. credimi, però, è fantastico!! Soprattutto se sei una vera amante della buona pizza!

      Elimina
  2. Se vuoi potresti provare la mia ricetta per il G3 Ferrari.
    Impasto 8 ore pizza napoletana fatta in casa per 4 🍕pizze https://www.youtube.com/watch?v=8lVfngJAVyk

    RispondiElimina

Printfriendly