Financiers mandorle e cacao (senza glutine)

14 gennaio 2015


Sono una di quelle persone che non butta mai niente. La mia casa è straripante di oggetti, di ricordi. Amo le case vissute, quelle un po' vecchiotte, che hanno sempre qualcosa da raccontare. Mi piace circondarmi di libri, fogli, appunti e poi ancora libri. Se varcate la soglia di casa mia aspettatevi di trovare libri ovunque, persino nei posti più impensabili. Tanto che sto iniziando ad esaurire lo spazio. Il cacao, come i libri, è un'altra mia grande passione. Anche qui sembra essere sorta una specie di collezione. Apro la dispensa e trovo file di scatole piene zeppe di uno dei miei ingredienti preferiti. Mi piace troppo, vivrei di libri e di cacao.
La ricetta dei financiers l'avevo già sperimentata, tempo fa, lasciandomi sedurre direttamente da Ladurée. Questa volta però ho riaperto il mio librone di pasticceria francese e ho azzardato un paio di modifiche per una versione completamente senza glutine.
Capita spesso, qui, che si avanzino quei due o tre albumi. Si sa, si prepara una crema pasticcera, o un dolcetto peccaminoso come questo e il gioco è fatto. Solo che poi si punta sempre sulle meringhe, buonissime per carità, ma con tempi di cottura un po' lunghi per chi invece è sempre di fretta. Così ho pensato ai financiers. Semplici, veloci e squisitamente perfetti anche per chi è intollerante al glutine. Qui si viaggia a suon di farina di mandorle, per un risultato ancora più soffice e leggero.


La forma dei financiers ricorda un po' quella dei lingotti, ma potete sempre giocare con la fantasia e optare per uno dei tanti stampi che avete in casa. Io, ad esempio, questa volta ho scelto quelli per le crostatine e, avendo solo 2 albumi a disposizione, ho preparato due maxi financiers, da godermi la sera al calduccio con una buona tazza di te e, logicamente, un buon libro. Il mio consiglio è comunque quello di non utilizzare stampi eccessivamente ampi, in quanto si tratta di una dolce molto soffice e quindi anche delicatissimo da sformare. L'alternativa è quella di gustarli ancora tiepidi direttamente negli stampini.



Il procedimento è molto semplice e vi consente di utilizzare degli albumi anche vecchi di 3-4 giorni (purchè rigorosamente conservati in frigorifero, è ovvio). Potete dosare anche il cacao a vostro piacimento. Io ne metto sempre un cucchiaino in più perchè lo adoro.
Ricordatevi sempre e comunque di imburrare molto bene lo stampo che andrete ad utilizzare. E' un dolce davvero molto delicato, perciò sarà facile che, una volta sfornato, risulti ben gonfio, per poi andare improvvisamente a "smontarsi". Lasciatelo comunque raffreddare completamente all'interno dello stampo prima di sformarlo, poichè risulterà estremamente soffice.



Ingredienti
120 g di burro molto morbido, quasi fuso
4 albumi
125 g di zucchero semolato
80 g di farina di mandorle
25 g di cacao amaro
mandorle a lamelle per decorare

Preparazione
Preriscaldate il forno a 180°.
Imburrate molto bene degli stampini per financiers o qualsiasi altro stampo decidiate di utilizzare. Montate a neve gli albumi con lo zucchero fino ad ottenere una crema consistente e molto lucida. A parte setacciate il cacao e unitelo alla farina di mandorle. Unite il burro, quasi sciolto, e create una sorta di pasta morbida. Unite quindi, poco alla volta, gli albumi montati e mescolate delicatamente con una spatola fino a creare un composto liscio ed omogeneo. Trasferite l'impasto nei vari stampini e cospargetene la superficie con mandorle a lamelle. Fate cuocere per circa 20 minuti in forno ben caldo.
Lasciate raffreddare completamente prima di sformare con delicatezza.

La tana del coniglio © . Design by Berenica Designs.