La tana del coniglio

Food+photography blog. Raccolta di ricette e appunti di cucina.

Cerca

Brioche intrecciata al miele e zafferano

Soffice, leggera e profumatissima. Ogni volta che preparo una brioche resto sempre estasiata. Ogni brioche è un'ode alla vita e a tutte le gioie che essa regala. Proprio per questo motivo ne preparo sempre in gran quantità e, senza nulla togliere ai grandi classici lievitati di Natale, questa brioche intrecciata al miele e zafferano è perfetta per questo periodo. L'ideale da tagliare a fette e gustare a merenda e colazione. Il profumo intenso del miele e dello zafferano vi regaleranno dolcissimi momenti.

Per questa ricetta ho preso spunto da una treccia svedese allo zafferano, ma l'ho realizzata seguendo tutti  i criteri della classica e ormai collaudatissima brioche senza impasto che tanto amo e che mai smetterò di fare. La trovo comodissima anche per chi non ha sotto mano una planetaria a fare il lavoro "sporco". Infatti per questa ricetta vi servirà una ciotola e una forchetta. La lavorazione dura pochissimi minuti e poi potrete dimenticarvi di questa brioche anche fino a 5 giorni. Lei riposerà tranquilla nella sua ciotola in frigorifero e, al momento, che preferite sarà pronta per essere creata e cotta in forno! La lievitazione ha dei tempi un po' più lunghi rispetto alle brioche "standard", ma credetemi la leggerezza sarà sorprendente. 

Anche la forma è piuttosto semplice. Ho realizzato la classica treccia a 3 capi e l'ho avvolta su se stessa fino a formare una sorta di spirale. Per questa ricetta ho inoltre utilizzato un ingrediente speciale: il miele di acacia e zafferano nato dalla collaborazione tra Zafferano Leprotto e Mielizia. Lo trovate nello shop online e, credetemi, è davvero fantastico. Io l'ho trovato subito perfetto per questa brioche e per arricchire tè e tisane, ma l'utilizzo è strepitoso anche in abbinamento ai formaggi e a piatti salati.

Per una brioche diametro circa 20-22 cm


Ingredienti
250 gr di farina 0 (o Manitoba)
100 gr di burro fuso freddo
75 gr di acqua a temperatura ambiente
2 uova medie a temperatura ambiente
1 cucchiaio di zucchero 
60 gr di miele di acacia (*io non ho utilizzato lo zafferano, ma ho optato per il miele di acacia e zafferano che trovate qui)
1 bustina di zafferano*
1 pizzico di sale
3 gr di lievito di birra disidratato (*o 11 gr di lievito di birra fresco disciolto nei 75 gr di acqua)
latte per spennellate la superficie
zucchero di canna q.b.
miele q.b.

Preparazione

In una ciotola abbastanza capiente unite le uova leggermente sbattute con il miele, l'acqua, lo zafferano, il burro fuso ormai freddo, lo zucchero e il sale. Lavorate velocemente il tutto con una frusta per rendere il composto liscio ed omogeneo. 
Aggiungete quindi la farina a cui avrete unito il lievito disidratato.
(Per la preparazione con lievito di birra fresco: sciogliete il lievito direttamente nei 75 gr di acqua e poi unite la farina al resto del composto)
Mescolate bene con una forchetta fino a quando avrete un impasto liscio ed omogeneo. Non occorrerà lavorarlo troppo a lungo, giusto un paio di minuti. Non appena avrà raggiunto la giusta consistenza, coprite con pellicola trasparente e lasciate lievitare per circa 2 ore, o almeno fino al raddoppio di volume.
A questo punto ponete la ciotola, sempre coperta con pellicola, in frigorifero per un minimo di 24 ore fino ad un massimo di 5 giorni (io l'ho lasciata riposare per poco più di 48 ore).
Togliete dal frigo e dividete l'impasto in tre parti, formando dei cordoncini di uguale peso e lunghezza. Incrociateli per formare una brioche a treccia, fermando le estremità. 
Ora arrotolate ben stretta la treccia su se stessa in modo da formare una sorta di chiocciola o spirale. 
Disponete quindi la vostra brioche su una teglia foderata, o in una pentola di ghisa, foderata con carta forno. Coprite con un canovaccio umido e lasciate lievitare fino al raddoppio (circa 2 ore)
Spennellate quindi la superficie con poco latte. Distribuite sulla superficie dello zucchero di canna
Fate quindi cuocere in forno ben caldo a 180° per 20-30 minuti o almeno fino a quando non risulterà ben dorata. Una volta pronta spennellate la superficie con altro miele.
Si conserva per qualche giorno in un contenitore a chiusura ermetica o, ben chiusa, in un sacchetto per alimenti.

Nessun commento

Posta un commento

Printfriendly